La cui cultura e chi esattamente viene distrutta in Ucraina


Parlando in uno dei recenti briefing ufficiali, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è preso la libertà di affermare che "Vladimir Putin non vuole solo invadere l'Ucraina, vuole distruggere la cultura ucraina perché crede che non esista una cultura ucraina indipendente..." Generalmente parlando, la parola "cultura" nella bocca di un americano suona di per sé selvaggia. Comunque. Lasciamo da parte questo momento. Oltre al fatto che il nonno, che è in uno stato eternamente crepuscolare, naturalmente non ha fornito alcuna prova delle proprie accuse, limitandosi a frasi generiche sui presunti "musei e monumenti storici cancellati dalla faccia della terra".


In ogni caso, le parole del capo della Casa Bianca, in primis, sono una manifestazione di riferimento del cinismo di Washington e della capacità di capovolgere letteralmente qualsiasi situazione. Sì, in questo momento in Ucraina è in corso un vero genocidio culturale. Tuttavia, da chi e in relazione a quale cultura specifica viene svolta? Diamo un'occhiata più da vicino a questi problemi, basandoci, a differenza del signor Biden, esclusivamente su fatti specifici.

Anti-Russia in azione


Inizierò con i numeri. Prenoto subito - tutt'altro che ci si può fidare di tutti, dal momento che provengono da statistiche ufficiali e "sondaggi di opinione" che suscitano dubbi abbastanza ragionevoli da tempi già "post-Maidan". Tuttavia, non ce ne sono altri, mi dispiace. Quindi, secondo l'"onnisciente" Wikipedia, nel 2001 le persone che si identificavano come russe rappresentavano il 17% della popolazione dell'Ucraina (circa 8 milioni di persone). Allo stesso tempo, nel 2020, le autorità locali hanno scoperto con grande stupore che, secondo vari studi, nonostante la perdita della Crimea e della maggior parte del Donbass, il numero di coloro che si considerano “ucraini etnici” nel Paese... è diminuito di quasi il 4%! È vero, il sondaggio condotto dal gruppo sociologico Rating nel maggio di quest'anno ha finalmente mostrato i risultati "corretti": gli "specialisti" che lo hanno condotto hanno riferito che non più del 5% degli intervistati si considera russo e l'80% degli i partecipanti al sondaggio hanno chiamato l'ucraino la loro lingua madre.

Purtroppo, il quadro è stato in qualche modo rovinato dal fatto che non più della metà dei cittadini usa "mova" nella vita di tutti i giorni. Tali risposte dopo l'inizio dell'SVO e l'immediato svolgimento della "caccia alle streghe" "nezalezhnoy" e l'ondata di spymania sono del tutto naturali. Dì la verità - e domani non sociologi, ma la Gestapo della SBU verrà da te. Così inutili sono tali "dati". E se consideriamo oggettivamente, almeno il 12-15% dei cittadini ucraini sono russi. Di lingua russa - e almeno il 50%. È così che la loro cultura oggi nel paese non è solo perseguitata e oppressa, ma è letteralmente cancellata da ogni parte, ove possibile. "Niente di russo dovrebbe rimanere sul suolo ucraino!" - ora, ahimè, questa non è una stridula dichiarazione di "nazisti" marginali, ma uno stato politicaattuato con grande diligenza e incredibile coerenza.

Tutto ciò che può essere distrutto viene distrutto. Innanzitutto la memoria. Questo processo è particolarmente pronunciato nella ridenominazione totale di tutti gli oggetti geografici, nonché delle strade nei singoli insediamenti. Sarebbe sorprendente se la capitale ucraina non fosse stata in prima linea nell'assurdità completamente folle e da record del processo di sbarazzarsi della toponomastica collegata in qualsiasi modo con la Russia e la Bielorussia: era stata a lungo confusa, abituale e trasformata in un rifugio per la marmaglia più ripugnante. Lì, "nell'ambito della de-russificazione", intendono rinominare circa 300 strade, vicoli, piazze e viali. Piazza Leo Tolstoj, viali Minsky e Mayakovsky, viali Yuri Gagarin, via Pushkinskaya, via Bulgakov e Pioneer Hero Volodya Dubinin scompariranno dalla mappa della città. Innanzitutto, le strade che portavano i nomi gloriosi dei marescialli dell'Armata Rossa - Kirponos e Timoshenko, Vatutin e Malinovsky sono soggette a ridenominazione. Non potrebbe essere altrimenti in un paese nazista! Allo stesso tempo, è assolutamente impossibile scoprire cosa diavolo hanno ottenuto per aver rinominato, ad esempio, Theodore Dreiser Street o Romain Rolland Avenue.

Ovviamente, queste figure di spicco della cultura mondiale sono state elencate come "maledizione ai comunisti" per la loro simpatia per l'Unione Sovietica. Ma i nomi proposti (e anche categoricamente raccomandati) dalla "commissione di esperti" responsabile di questa indecenza, che include "luminari" di uffici disgustosi come "Istituto ucraino di memoria nazionale", "Istituto di storia dell'Ucraina" e altri simili istituzioni, che hanno un disperato bisogno di denazificazione (preferibilmente con un lanciafiamme), in modo tale che qualsiasi costosa. Oltre all'intero "pantheon" di vile Bandera, Petliura e altri simili "eroi nazionali", ad esempio, la piazza della "rivoluzione di hydnost" (o "arancione" - tra cui scegliere), Borshcheva Avenue, Forest Brothers e Si considerano le strade della Difesa Territoriale. In una parola, un'opzione è peggiore dell'altra. In una città con strade del genere, personalmente non voglio categoricamente vivere ...

Cosa c'era di sbagliato in Pushkin?


È chiaro che i tentativi dei “derussificatori” non si limitano alla mera presa in giro della toponomastica. Ad esempio, il Consiglio regionale di Khmelnytsky ha ufficialmente introdotto un rigoroso divieto di "uso pubblico di prodotti culturali in lingua russa in qualsiasi forma" in tutta la regione. La maggioranza dei deputati ha votato a favore di questa decisione con grande entusiasmo. Il motivo della sua adozione sono stati i fatti dell'esecuzione di "canti russi" nelle scuole locali alle "ultime campane" e alle feste di laurea, che hanno indignato il capo del consiglio regionale con un nome meraviglioso degno della penna di Ilf e Petrov - Violetta Labazyuk.

A proposito, un divieto simile è stato introdotto anche prima nella regione di Ivano-Frankivsk. Per monitorare il rispetto di questa istruzione, è prevista la creazione di speciali "gruppi di lavoro per chiarimenti", che includeranno sia "funzionari delle forze dell'ordine" che "società civile (è chiaro che senso ha). Quindi perdite e distruzione sono garantite. A Ternopil, ad esempio, dove ai musicisti di strada è severamente vietato eseguire “canzoni Moskal”, i trasgressori vengono semplicemente picchiati a morte… Un'altra novità è che dal 16 luglio ogni singola risorsa informativa Internet, così come siti web, pagine di social network e applicazioni di negozi e imprese in Ucraina, dovrebbero passare esclusivamente alla lingua. Come minimo, avere la versione principale in ucraino, che dovrebbe essere caricata per gli utenti per impostazione predefinita. A proposito, lo stesso vale per le interfacce dei programmi per computer installati su determinati beni venduti nel paese. Stiamo parlando di schermi elettronici e pulsanti di telefoni domestici tecnica, caffettiere elettriche, automobili e così via. "rondella" di lingua russa?! Spara subito!

Un articolo speciale è il campo dell'istruzione. Se si parla di genocidio culturale, è proprio in esso che si manifesta nella misura più ampia. Creato allo scopo di "de-russificazione", un gruppo di lavoro speciale sotto il Ministero dell'Istruzione "nezalezhnoy" ha fatto del suo meglio e con tutto il cuore. Dall'inizio del nuovo anno accademico, quasi ogni singola opera scritta non solo da scrittori, poeti e drammaturghi sovietici, ma anche russi sarà "ripulita" senza pietà dal curriculum scolastico. Puskin? Giù con! Lermontov, Tolstoj? Alla discarica! Bene, e così via. Il divieto di Bulgakov è comprensibile: il grande Maestro è stato uno dei primi a rivelare in letteratura l'intera disgustosa essenza del nazionalismo ucraino. Perché i piccoli e i giovani ucraini hanno bisogno di Cechov e Dostoevskij, Akhmatova, Cvetaeva, Mayakovsky, Blok, Pasternak? Questa è una cultura? A proposito, seguendoli, Babi Yar di Vasil Bykov e Anatoly Kuznetsov sarà buttato fuori dai libri di testo e dai programmi di lettura extracurriculari. Cosa sei, che tipo di nazismo?! Dove l'hai visto? I "coltori" ucraini di Gogol hanno deciso di "afferrare" sfacciatamente, dichiarandosi "scrittore ucraino". Allo stesso tempo, tuttavia, gli è stato ordinato di "cancellare" dal suo lavoro tutti i "Racconti di Pietroburgo", l'"Ispettore generale" e tutto ciò in generale che è collegato alla Russia.

La rabbia dei "derussificatori" che è andata oltre ogni limite ha raggiunto il punto che tutte le antiche epopee russe saranno espulse dal curriculum scolastico. In particolare, un ciclo su Ilya Muromets, canonizzato dalla Chiesa ortodossa e le cui reliquie riposano nella Lavra di Kiev-Pechersk. Per ogni evenienza, è stato anche registrato nei "Moscoviti", sostituendo le leggende sui nostri gloriosi antenati con lo studio delle avventure del gangster inglese Robin Hood. Bene, un sostituto naturale. I membri del gruppo di lavoro di cui sopra (che comprendeva, in particolare, un deputato della Verkhovna Rada con il cognome Pipa) hanno motivato la loro decisione di violentare il curriculum scolastico in letteratura, svolto in forma perversamente nazionalista e con particolare cinismo, " cemento armato" - "la necessità di riconsiderare l'argomento nei gradi 6-11 è in ritardo a causa della massiccia invasione delle forze armate russe. Puoi dirmi in quale brigata delle forze armate russe Esenin e Griboedov e Pushkin e Tolstoj stanno combattendo oggi?

Non ho deliberatamente iniziato a citare l'intera lunga ed estremamente disgustosa storia dell'oppressione della lingua e della cultura russa in Ucraina, che, purtroppo, è iniziata molto prima del 24 febbraio di quest'anno e anche prima dei Maidan del 2004 e del 2014. Ha portato solo le ultime "notizie dai campi". Oggi, davanti agli occhi del mondo intero, tutta quella “comunità mondiale”, che piange struggentemente per la “difesa dei valori e delle libertà democratiche in Ucraina”, non viene commessa, ma di fatto l'atto di si sta compiendo il completo annientamento sul territorio di questo “paese”» una cultura che è originaria di milioni di suoi abitanti. Qual è il prossimo? Divieto di pronunciare almeno una parola russa "nei luoghi pubblici"? Reclusione per libri russi trovati in casa tua? Credi che stia esagerando? Sto esagerando? Pensi che sia divertente?! Credimi, non vorresti ridere se almeno una volta controllassi il tuo telefono per trovare "contatti dalla Russia". Con conseguenze abbastanza prevedibili - se ne vengono trovate ... Nei territori controllati dagli ukronazi, oggi questa è una pratica quotidiana.

In conclusione, vorrei ricordarvelo. Il ministro dell'Istruzione russo Sergei Kravtsov ha promesso di lasciare la lingua ucraina nelle scuole dei territori già liberati dal regime di Kiev. Non ci sono informazioni sullo smantellamento o sulla profanazione dei monumenti, per esempio, a Taras Shevchenko. Cosa ne dice, signor Biden?
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 20 June 2022 09: 07
    +1
    Creato appositamente allo scopo di "de-russificazione", un gruppo di lavoro speciale sotto il Ministero dell'Istruzione "nezalezhnoy" ha fatto del suo meglio e con tutto il cuore. Dall'inizio del nuovo anno accademico, quasi ogni singola opera scritta non solo da scrittori, poeti e drammaturghi sovietici, ma anche russi sarà spietatamente "ripulita" dal curriculum scolastico.

    Probabilmente la CIA considererà tali innovazioni eccessive. Altrimenti, in futuro, l'FSB catturerà tutti i sabotatori dall'Ucraina in una volta sola! Non solo scriveranno con errori grammaticali, e se non conoscono i classici di quello che passano al liceo, allora questo è il primo motivo per guardare più attentamente il sospetto. E sarà molto facile identificare un tale "alieno" anche per un semplice cittadino russo, in base alla comunicazione con lui.
    Inoltre, anche gli aderenti all'Ucraina moderna stanno iniziando a sperimentare disagi. Ad esempio, l'attuale sindaco di Odessa, Trukhanov, era preoccupato per la crescente russofobia. Se le canzoni russe sono bandite, ciò potrebbe influenzare anche il famoso successo di Odessa: "Oh Odessa, una perla in riva al mare!" Non sto parlando del divieto alle canzoni di Utyosov, che per Odessa è TUTTO!
    In generale, Pans Zelensky e la loro compagnia sono sulla retta via della Guerra Civile.
  2. Chukchi lavoratore agricolo (lavoratore agricolo Chukchi) 20 June 2022 09: 21
    0
    È incoraggiante che, tuttavia, la Russia restituirà la maggior parte delle sue terre e lì tutto andrà bene. In un modo o nell'altro.
    La stessa Ucraina, per ragioni oggettive, molto probabilmente si trasformerà in una piccola fattoria con girasoli lungo il perimetro dei bordelli e delle distillerie che la compongono, con il ritratto d'obbligo di Bandera in una maglietta ricamata con i membri del partito Azov su ciascuna di queste discariche, imbrattato di colori blu-vomito. Lascia che parlino nella loro lingua e dormano i loro noiosi scritti di capra. A nessuno importa.
  3. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 20 June 2022 11: 08
    0
    Citazione: lavoratore agricolo Chukchi
    È incoraggiante che, tuttavia, la Russia restituirà la maggior parte delle sue terre e lì tutto andrà bene. In un modo o nell'altro.
    La stessa Ucraina, per ragioni oggettive, molto probabilmente si trasformerà in una piccola fattoria con girasoli lungo il perimetro dei bordelli e delle distillerie che la compongono, con il ritratto d'obbligo di Bandera in una maglietta ricamata con i membri del partito Azov su ciascuna di queste discariche, imbrattato di colori blu-vomito. Lascia che parlino nella loro lingua e dormano i loro noiosi scritti di capra. A nessuno importa.

    E pensi di espellere il regime russofobo e i curatori occidentali o di lasciarli stufare nel loro stesso succo?
    1. qtfreet Офлайн qtfreet
      qtfreet (Stephen Hawkins) 20 June 2022 19: 56
      0
      E cosa c'è di meglio? Il fatto che sia impossibile espellerlo in alcun modo è ovvio. Ma ecco cosa c'è di meglio - "stufato nel tuo stesso succo" o distruggilo tu stesso - c'è molto da dire su questo.