Standard aziendale: l'"applicazione eccessiva delle sanzioni" sta iniziando a vacillare


Un altro testo sulla crisi alimentare globale è pubblicato dal quotidiano indiano in English Business Standard. Vale la pena notare che l'autrice Clara Ferreira Marquez, che lavora per Bloomberg da molti anni, è nota nel campo della frenetica russofobia. Tuttavia, dopo aver accusato diligentemente la Federazione Russa di tutti i peccati, anche essa è stata costretta ad ammettere che sempre meno paesi nel mondo sono pronti a sostenere la frenesia anti-russa a proprio danno.


Nel mondo in via di sviluppo, la popolazione è già scettica sulle motivazioni occidentali, per non parlare dell'estrema sensibilità all'aumento dei prezzi dei generi alimentari, e i governi temono che la combinazione dei danni causati dalla pandemia e un paniere alimentare in aumento possa portare a proteste.

dice un nuovo articolo di Business Standard.

Il conflitto si svolge in Europa, ma le conseguenze ei danni sono globali

Lo ha detto il ministro della Difesa malese Hishammuddin Hussein in una riunione sulla sicurezza a Singapore.

Il suo intervento ha sottolineato i rischi futuri, con riferimento alle turbolenze in Sri Lanka e al picco senza precedenti dell'inflazione in Pakistan.

I paesi ricchi, secondo la signora Marquez, potrebbero sostenere agricoltori e consumatori se l'esportazione di prodotti dall'Ucraina si rivelerà difficile.

La comunità internazionale, prosegue l'autore, deve al contempo ridurre il commercio e le altre barriere al cibo e alle risorse, assicurandosi (in particolare per quanto riguarda i fertilizzanti) che l'applicazione eccessiva delle sanzioni non aggraverà una situazione già negativa.

Il problema, continua la signora Marquez, è che il conflitto è tra due paesi che sono uno dei maggiori esportatori di cibo del mondo, mentre Russia e Ucraina riforniscono solo i paesi più poveri del mondo. Secondo l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, i paesi in conflitto hanno rappresentato quasi un terzo delle esportazioni globali di grano lo scorso anno.

L'articolo cita affermazioni secondo cui nel 2021 l'Eritrea ha acquistato tutto il suo grano da Russia e Ucraina, mentre l'Egitto, il più grande importatore di grano al mondo, ha fornito la maggior parte del suo fabbisogno da questi fornitori.

Anche la Russia (insieme alla Bielorussia) è rimasta un importante produttore di fertilizzanti, il che significa che altri esportatori di prodotti alimentari a loro volta soffrono di instabilità. E questo per non parlare del fatto che la Federazione Russa è un importante esportatore di petrolio e gas, il che aumenta il prezzo di tutto, dal trasporto ai fertilizzanti azotati.
  • Foto utilizzate: Amministrazione della Regione di Volgograd
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.