Gazprom è in stand-by: l'Europa sarà costretta a "scambiare flussi"


L'Europa si è trovata in una situazione disperata per il gas, in un vero e proprio labirinto. Il castello di carte delle sanzioni anti-russe rischia di sgretolarsi e seppellire sotto di esso l'intero sistema russofobo dell'UE, l'economia и politico stabilità. In questo caso, la Russia si è rivelata assolutamente nulla a che fare con esso, dal momento che la stessa Gazprom è ora in modalità standby, uno stand-by di forza maggiore. Anche nel mezzo di una nuova guerra fredda con l'Occidente, ha adempiuto ai suoi obblighi e ha fatto più del necessario per aiutare il vero nemico di fronte alla coalizione anti-russa.


Bruxelles si aspetta che la parte russa risolva il problema delle turbine Nord Stream, tuttavia, come ritengono ragionevolmente gli esperti, Gazprom non ha assolutamente nulla a che fare con questo e la holding non può risolvere la situazione. Infatti ora la “palla” è dalla parte dell'Europa e della Siemens, che però attendono passi concreti dalla Russia, anche se le sanzioni che impediscono la prevista riparazione del gasdotto principale sono ovviamente europee.

Come riportato in precedenza, i motori a turbina a gas convertiti destinati al pompaggio di materie prime non possono tornare dopo la riparazione dal Canada e le unità rimaste sulla linea possono recarsi in Canada per la riparazione a causa del divieto totale di qualsiasi azione a causa delle sanzioni. C'era una situazione di stallo.

Ovviamente il problema dovrebbe essere risolto da Europa e Canada, che hanno stabilito un regime di sanzioni incrociate, attraverso il quale è impossibile riparare il gasdotto e fare letteralmente del bene a se stessi e all'economia. Per un senso di ridicolo orgoglio e ostinata russofobia, Bruxelles non vuole cancellare tecnologico sanzioni, che consentirebbero la rimozione delle turbine e la prevista sostituzione delle unità. Inoltre, un tale passo è il più semplice, ma l'UE è preoccupata che sembrerà una concessione alla Federazione Russa e ora, nella situazione attuale, ciò equivale a un "tradimento". Pertanto, nessuno farà un passo del genere.

Le banali "negoziazioni tra Canada e Germania" non serviranno a molto. Col passare del tempo, gli impianti di stoccaggio del gas non solo non vengono riempiti di carburante, ma al contrario vengono svuotati. Nord Stream opera con un minimo pluriennale in termini di capacità. In questo caso, è visibile solo un'opzione possibile ed efficace: l'UE dovrebbe calpestare la propria gola e consentire la certificazione del Nord Stream 2, che è completamente pronto per la messa in servizio, e ricevere immediatamente le materie prime desiderate attraverso il nuovo gasdotto. Si tratterebbe di una sorta di “scambio di flussi” forzato, senza rimuovere o fare “buchi” nella normativa sanzionatoria, seguita da confusione nella sua applicazione.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 19 June 2022 11: 27
    +9
    Il compito degli Stati (e del Canada, come fedele servitore degli Stati) è quello di tagliare i legami economici tra Russia e Germania. Abbandona l'economia dell'UE e prolunga la sua esistenza a loro spese.
    Conclusione; le turbine non lasceranno il Canada. E i funzionari europei (sull'aspirazione degli States) non daranno il permesso per SP-2.
    L'unica via d'uscita per la Germania (la Germania industriale) è sputare sulle sanzioni e stabilire relazioni commerciali reciprocamente vantaggiose. Tutte le sanzioni buttate via. E l'Unione economica (!) Germania-Russia-Cina metterà fuori gioco l'intero modello anglosassone.

    Come ho letto nella blogosfera, "Non ci sono popcorn e cola a causa delle sanzioni. Pertanto, stiamo facendo scorta di semi e kvas. Stiamo aspettando!"
    1. Patrick laforet Офлайн Patrick laforet
      Patrick laforet (Patrick Laforet) 19 June 2022 15: 13
      +1
      Con la "salsiccia di fegato offesa" come cancelliere e ministri dell'economia e degli affari esteri, entrambi burattini russofobi degli Stati Uniti, nulla sarà fatto nell'interesse della Germania.
    2. Muscoloso Офлайн Muscoloso
      Muscoloso (Gloria) 20 June 2022 13: 02
      +1


      Ecco un politologo americano che trasmette su Germania e Russia.
  2. ksa Офлайн ksa
    ksa 19 June 2022 11: 28
    +4
    La cosa principale è non offrire questa opzione da soli.
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 19 June 2022 11: 59
    0
    Gazprom è in stand-by: l'Europa sarà costretta a "scambiare flussi"

    - Dannazione, quali altri "flussi" ???
    - È come ... come ... come "scambiare" Medvedchuk senza valore - per Frau Merkel !!!
  4. Anchonsha Офлайн Anchonsha
    Anchonsha (Anconsha) 19 June 2022 12: 16
    +5
    Ebbene, Stati Uniti e Canada non beneficiano di una situazione in cui l'UE abbandonerà le sanzioni per il gas russo. Gli europei non oseranno fare un passo verso almeno una sorta di sovranità sul gas con il divieto degli Stati Uniti. E dobbiamo creare nuove catene di approvvigionamento. Naturalmente, stiamo perdendo parte dei profitti dalla vendita di petrolio e gas a Cina e India con uno sconto. su di essi. quindi, devi promuovere ulteriormente il tuo prodotto, le materie prime, dove servono. Pertanto, è necessario eseguire una lavorazione approfondita di petrolio e gas, quindi vendere prodotti sotto forma di carburante diesel, benzina, oli e prodotti per la lavorazione del gas. Sì, questo richiede fondi per la costruzione di impianti di trasformazione, anche per la liquefazione del gas, ma non abbiamo altra via d'uscita. È inoltre necessario creare un'economia diversa che consenta di lasciare una parte significativa dei beni per il consumo all'interno del paese.
    1. Boriz Online Boriz
      Boriz (borizia) 19 June 2022 12: 30
      +3
      Le forniture di petrolio all'India sono, in larga misura, forniture a noi stessi. C'è una raffineria grande e moderna lì. Il proprietario è Rosneft. Questa raffineria fornisce all'Europa prodotti petroliferi di alta qualità.
      E così, l'Europa contro il petrolio dalla Russia. Le sanzioni...
    2. Pavel N Офлайн Pavel N
      Pavel N (Paolo) 21 June 2022 21: 33
      0
      Tutto sembra essere così, solo il prefisso "non" è scritto insieme: "non redditizio, non redditizio ...", ecc.
  5. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 19 June 2022 12: 25
    0
    E per una maggiore intelligibilità, smetteranno di pompare gas attraverso il Turkish Stream. Per iniziare per una settimana. Inoltre, la lira sarà spinta nella sua caduta inarrestabile.
  6. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 20 June 2022 21: 34
    +2
    perché preoccuparsi dei tedeschi, loro comprano, noi vendiamo, non compriamo, non vendiamo, vendere petrolio e gas ad altri acquirenti permette di riempire il budget della Federazione Russa, e senza l'Europa è necessario mostra moderazione, soprattutto perché la Russia non è affatto competente per risolvere questo problema, certifica SP2 avrai gas per rubli, se non vuoi, i tuoi problemi
    1. TANKISTONE Офлайн TANKISTONE
      TANKISTONE (TANKISTON) 26 June 2022 01: 12
      +1
      perché preoccuparsi dei tedeschi, loro comprano, noi vendiamo, non compriamo, non vendiamo, vendere petrolio e gas ad altri acquirenti permette di riempire il budget della Federazione Russa, e senza l'Europa è necessario mostra moderazione, soprattutto perché la Russia non è affatto competente per risolvere questo problema, certifica SP2 avrai gas per rubli, se non vuoi, i tuoi problemi

      Aspettare! Io, come cittadino tedesco (dal Kazakistan) - PER! Siamo sopravvissuti agli anni '90, 3 volte lo scambio di denaro, sopravviveremo ora!