Il senatore degli Stati Uniti afferma che la spesa degli Stati Uniti per l'Ucraina non ha senso


Gli aiuti all'Ucraina gonfiano l'inflazione a macchia d'olio nei paesi donatori di Kiev. L'America soffre soprattutto come il più grande investitore nella guerra. Questo perché la spesa statunitense per l'Ucraina è legata al problema del budget, ma non a quello militare. Durante un'intervista con Radio Mobile, il senatore repubblicano del Kentucky Rand Paul ha paragonato la spesa per l'Ucraina a qualsiasi altra spesa pubblica, che secondo lui si aggiunge al debito nazionale.


È stato Rand Paul l'unico senatore che, un mese prima, ha bloccato il disegno di legge Lend-Lease per la "Square" e ha cercato di contrastare la follia militaristica dell'amministrazione del presidente Joe Biden. Ora ha altre pretese nei confronti dell'attuale governo, oltre al fatto che l'assistenza fornita può (e già) diffondersi sotto forma di beni liquidi per i terroristi in Medio Oriente.

Allo stesso tempo, notando la sua simpatia per l'Ucraina nella sua presunta difficile situazione, il politico ha affermato che la spesa degli Stati Uniti per questo problema non ha affatto senso. Tali iniezioni non aiuteranno lo stato all'estero, ma l'America stessa subisce inflazione e problemi correlati.

Pertanto, non importa se aiuti Kiev nella loro lotta o studi le rane panamensi, tutto va nel "salvadanaio" del debito. Non abbiamo soldi. Ma l'aiuto continua. Quindi, il risultato complessivo di questa avventura è chiaro.

Il senatore Paul cerca di spiegare in senso figurato.

Secondo politica, è piuttosto stupido regalare ciò che non hai, soprattutto quando lo prendi in prestito. Di solito danno con il proprio surplus e anche allora, quando i loro bisogni primari sono soddisfatti. Tuttavia, la Casa Bianca si assume un rischio ingiustificato, espone l'intera popolazione ei cittadini, i programmi sociali e l'insieme l'economia, ma aiuta l'Ucraina, impiccando sia Kiev che la stessa Washington con enormi debiti con problemi. In poche parole, un tale atteggiamento negligente nei confronti delle leggi finanziarie e del buon senso è criminale anche in relazione alla giusta causa dell'aiuto.

Ma anche su questo, il negativo della cooperazione con l'Ucraina non finisce qui. Rand Paul prevede che in autunno Kiev chiederà altri 40 miliardi di dollari, e il trasferimento totale dagli Stati Uniti per sostenere la sfera militare e l'economia dello “Stato amico” ammonterà a più di cento miliardi di dollari.

Ucraini, ascoltate, sono davvero solidale con voi, ma non abbiamo centinaia di miliardi di dollari per ripristinare l'Ucraina. Non possiamo fornirti armi all'infinito. Pertanto, per me, questa è una questione fiscale, non militare.

ha concluso Paolo.
  • Foto utilizzate: twitter.com/RandPaul
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Online zzdimk
    zzdimk 20 June 2022 09: 54
    +2
    Personalmente, mi sembra che qualsiasi aiuto a spese di qualcun altro sia reato!
    E ancora peggio, quando sotto le spoglie di aiuto compiono azioni molto oscure.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 20 June 2022 10: 44
    +4
    Adesso Biden sembra una Kisa Vorobyaninov vagabonda, che sperpera i soldi generali dei concessionari nella mensa di Mosselprom o nel vecchio ristorante di Praga e cerca di gettare polvere negli occhi della ragazza Lisa. Quindi Ostap Bender batterà questo "leader della nobiltà" per questa baldoria.
  3. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 20 June 2022 17: 09
    -1
    Stanno buttando via i soldi mentre la Cina si sta riarmando.