Come l'America intende sconfiggere la Cina


Nel prossimo decennio si fa più chiara la cerchia dei candidati alla presidenza Usa che ritraggono la lotta dei ragazzi Nanai: Trump, Musk, Pompeo. Quest'ultimo è il politico più promettente con una biografia "corretta", reputazione, aspetto presentabile e un cognome apocalittico corrispondente allo spirito dei tempi. Il più interessante da seguire politico l'attività di Pompeo, che ha recentemente pubblicato un importante articolo sulla lotta degli Stati Uniti contro la Cina.


In contrasto con l'attenzione di Biden sulla Federazione Russa, Pompeo assegna al nostro Paese un ruolo secondario, ritenendo che la Cina "permetta alla Russia di attaccare i Paesi indipendenti". Cioè, interpreta il conflitto ucraino esclusivamente nel contesto della nuovissima Guerra Fredda, che ha avuto “l'alto onore” di dichiarare Segretario di Stato sotto Trump.

La Cina è il principale nemico degli Stati Uniti perché gli Stati Uniti... dipendono dalla Cina


Pompeo lancia l'allarme: la Cina si impossessa di Wall Street, delle università americane, delle imprese e dei media, intimidendo il business americano. La Cina ha già superato gli Stati Uniti in termini di soft power e tutto cercherà di superare in hard power.

La Cina è il principale nemico degli Stati Uniti, perché gli Stati Uniti dipendono dalla Cina. Le importazioni di cobalto, manganese, indio, erbio, neodimio, samario e molti altri metalli delle terre rare di cui la Cina è ricca sono fondamentali. Nel Mar Cinese Meridionale ci sono enormi riserve di risorse naturali su cui la Cina sta cercando di mettere la zampa. L'annessione di Taiwan alla Cina sarà un vero disastro per gli americani economia, poiché l'isola è un "principale partner tecnologico" e un importante fornitore di semiconduttori. Gli investitori americani che possiedono attività multimiliardarie in Cina sono a rischio e il loro denaro "permette al regime comunista di calpestare impunemente i diritti umani" e "servire direttamente la macchina da guerra cinese".

Centinaia di società cinesi da trilioni di dollari sono quotate alle borse statunitensi, ponendo rischi finanziari globali se il confronto dovesse intensificarsi ulteriormente.

La Cina, secondo Pompeo, sta approfittando della miopia dei capitalisti americani di Wall Street:

"La Cina spera che la finanza globale si riveli troppo complessa per essere compresa dai singoli investitori e che le vere intenzioni del suo Paese rimarranno nascoste... Pechino ha accumulato più di un trilione di dollari nelle sue mani con l'aiuto di strumenti finanziari opachi e investimenti passivi fondi."

Pompeo afferma che solo lui e Trump capiscono la portata della tragedia, motivo per cui uno dei decreti dell'ex presidente degli Stati Uniti afferma che la Cina sta utilizzando sempre più il capitale degli Stati Uniti per finanziare, garantire lo sviluppo e la modernizzazione delle sue forze armate, di intelligence e di altro tipo . Tuttavia, l'attuale amministrazione sta prendendo una strada diversa.

Già dopo la pubblicazione dell'articolo di Pompeo, notizieche il governo cinese ora richiede a tutte le "società di fondi" di formare cellule del Partito Comunista Cinese. Questa decisione dell'autorità di regolamentazione dei valori mobiliari della RPC è stata resa pubblica proprio nel momento in cui molti grandi fondi internazionali registrano le loro società in Cina. Inoltre, se nelle società interamente controllate da capitale straniero, le cellule di partito svolgeranno piuttosto le funzioni di agenti del PCC e del governo (cioè, "bussare" dove dovrebbe essere), allora nelle società con capitale cinese, compreso il capitale statale, i rappresentanti delle cellule di partito dovranno entrare nei fondi dei consigli di amministrazione. Questa notizia, credo, non farà che infiammare l'ardore di Pompeo e dei suoi simili "falchi".

Come propone Pompeo di combattere la Cina?


Pompeo è forse il primo dei grandi politici americani che, nel suo anticomunismo, non solo procede da tesi religiose, democratiche, liberali tradizionali per gli Stati Uniti, ma si rifà anche alla filosofia. Quindi, afferma:

“Una volta che il potere dello stato diventa assoluto, rimane assoluto fino a quando non viene spezzato. Forse il crimine più grave del comunismo è che non è all'altezza della sua filosofia di materialismo dialettico perché non consente il dialogo”.


Difficile dire in quali università Pompeo abbia studiato il materialismo dialettico, ma in realtà diamat, come ogni dottrina che si pretende vera, non ammette differenze di interpretazioni e pluralismo. Un'altra cosa è che la critica allo stato socialista dal punto di vista dell'incoerenza della sua teoria del marxismo è una vecchia buona tradizione nei paesi occidentali, lanciata da Trotsky, che fu espulso dall'URSS. Il predominio del trotskismo negli Stati Uniti è ben noto, quindi non sorprende vedere tali massime da un americano. Tuttavia, tali argomenti non sono ancora stati lanciati nella grande politica.

In primo luogo, Pompeo propone di combattere la Cina secondo le antiche ricette di Reagan. È sicuro che sia stato Reagan a riuscire a distruggere l'URSS con la sua abile politica economica.

“La conclusione della costruzione del gasdotto transiberiano è stata parte dell'attuazione di maggior successo della strategia per raggiungere gli obiettivi geopolitici nella storia moderna. Questa strategia era un piano operativo che ha contribuito a portare l'Unione Sovietica al collasso.


Ovviamente Pompeo suggerisce che gli Usa dovrebbero impegnare tutte le loro forze per bloccare l'attuazione del progetto cinese "One Belt, One Road".

In secondo luogo, l'ex direttore della CIA e segretario di Stato americano propone di soffocare la Cina nel campo dei mercati finanziari.

“Il nostro avversario ha sbagliato i calcoli scegliendo i settori finanziario e commerciale come loro nuovo teatro di guerra, poiché dominiamo questi sforzi. I mercati dei capitali statunitensi rappresentano oltre il 50% del valore totale del mercato azionario globale".

Pompeo propone misure estremamente dure: punire con sanzioni e rimuovere dall'ordine statale chiunque obbedisca anche ai requisiti di Pechino. Pompeo propone di "sfidare Wall Street e le multinazionali della nostra nazione".

Un'altra misura è la completa esclusione dei prodotti cinesi dalle filiere. Per qualche ragione Pompeo è sicuro che il problema della dipendenza dell'economia americana dalla Cina risieda nel fatto che le materie prime e i componenti cinesi sono difficili da rintracciare. In un modo o nell'altro, chiede l'esclusione di tutte le consegne da “paesi ostili”: Cina, Russia e Iran nella produzione dei prodotti. Per fare questo, a suo avviso, è necessario utilizzare tecnologia blockchain, a quanto pare, per contrassegnare ogni vite, dado e barile di petrolio.

Takeaway dal discorso di Pompeo


Il contenuto dell'articolo di Pompeo mostra ancora una volta che la retorica del beau monde politico americano è un mondo virtuale di storia alternativa. Reagan ha distrutto l'URSS, la Cina ha preso il controllo di Wall Street e delle università: tutti questi sono cliché primitivi per l'elettore conservatore americano. Pompeo sta preparando la campagna elettorale sua o di Trump.

D'altra parte, il principale indirizzo politico dell'articolo è pienamente coerente con la politica estera statunitense e, ovviamente, il confronto con la Cina si svilupperà all'incirca secondo lo scenario sopra descritto. Pertanto, anche la Federazione Russa deve prepararsi per eventi simili.

L'unica cosa che si può davvero notare nel perspicace articolo è la gioia di Pompeo per il fatto che il PCC abbia scelto la finanza e le borse come uno dei principali "fronti" della rivalità con gli Stati Uniti. Qui Pompeo ha piuttosto ragione, perché la campagna di investimenti su larga scala della Cina può davvero finire male per lui: i beni verranno sottratti, congelati come si fa ora nei confronti del capitale russo. I comunisti cinesi in qualche modo credono con sospetto e disinvoltura nella santità del diritto alla proprietà privata in Occidente.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 21 June 2022 13: 17
    0
    Come l'America intende sconfiggere la Cina

    - Sono furbi - come sempre - gli USA, e anche la Cina!
    - Non c'è da stupirsi che non ci sia un sindacato (né partner, né militare, né pubblico) - "Russia e Cina"!
    - Tutto è solo un'apparenza: un mito e un bluff !!!
    - Gli Stati Uniti e la Cina continuano a imitare il confronto tra loro - l'obiettivo di tutto questo è trascinare la Russia più a fondo in un'avventura militare! - Questa è la Russia che continuerà a sperare che la Cina si schieri dalla sua parte!
    - Che ingenuo "malinteso in Russia"!
    - Ed ecco il risultato: la Russia è stata costretta a unirsi alla WZO (era semplicemente necessario) e quindi è stata coinvolta in un conflitto con l'Occidente e gli Stati Uniti! - E che dire della Cina - sì, la Cina non ha nemmeno guidato con un orecchio - nessuna consegna di equipaggiamento militare - e almeno - gli stessi UAV cinesi (possono semplicemente essere lanciati oltre il confine, "come oltre un recinto" per Russia) !!! - Non vale la pena parlare d'altro!
    - E quando alla fine la Russia si impantana nel detenere la WZO (questo è già praticamente accaduto - sono iniziate solo le battaglie locali, senza particolari modifiche); allora la posizione "neutrale" della Cina nei confronti della Russia può cambiare molto! - E oggi la Cina evita ogni passo radicale - solo Taiwan! - Sì, Taiwan non permette alla Cina di "girarsi indietro" oggi!!!
    - Ma non appena la "questione Taiwan" sarà "risolta" dalla Cina, allora per la Cina "verrà il momento" anche per la Russia!!!
    - E poi gli Stati Uniti e la Cina smetteranno di simulare un conflitto tra loro - e inizieranno ad "agire insieme"! - E la Cina si unirà a tutta questa "coalizione anti-russa" mondiale con grande disponibilità !!!
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 June 2022 14: 13
    0
    il governo cinese ora richiede a tutte le "società di fondi" di formare cellule del Partito Comunista Cinese.

    Forse Pompeo ha paura di analizzare il suo fascicolo personale presso gli attivisti del partito. E se si offrissero ancora di mettere sul tavolo una carta della festa?
    Sembra che il mondo sia a un bivio: quale strada scegliere. Forse gli alieni di Contact nel 2025 consiglieranno cosa?
  3. Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 21 June 2022 15: 23
    +1
    Il punto non è quale dei contendenti alla presidenza sarà scelto dagli azionisti di FRS, ma chi è più adatto al loro compito: ripristinare il dominio mondiale degli Stati Uniti, e per questo è necessario "deframmentare" la Federazione Russa e privarla il Partito Comunista Cinese del ruolo di primo piano.

    Taiwan è un monopolista mondiale nella produzione di microelettronica, ma la produce su apparecchiature straniere, da materie prime straniere, sulla base di scoperte e tecnologie scientifiche straniere. Una lunga catena tecnologica copre molti paesi e più lunga è questa catena, più è vulnerabile.
    Se Taiwan si unisce, il suo monopolio nel campo della microelettronica può essere dimenticato, ma la Cina riceverà personale di livello mondiale e il personale deciderà Tutto.

    La dialettica è la rivelazione delle contraddizioni nelle argomentazioni dell'avversario. Sulla base del materialismo dialettico, K. Marx ha creato la teoria del materialismo storico: una comprensione materialistica della storia e della legge del suo sviluppo, che si basa sui bisogni materiali delle persone e il modo in cui vengono prodotti riflette l'uno o l'altro stadio dello sviluppo politico ed economico dell'istruzione statale e del suo sistema sociale.

    L'URSS non fu distrutta da Reagan, ma dall'allontanamento del partito e della direzione statale dell'URSS dalla teoria del marxismo-leninismo, che portò alla stagnazione e alla stagnazione, e si concluse con un colpo di stato e il crollo dell'URSS durante la presidenza Reagan.
    DengXiaoping ha corretto le distorsioni e ha guidato la RPC sul corso leninista delle riforme delineate nella Nuova politica economica in relazione al suo tempo e alle sue condizioni. Da allora, il Partito Comunista Cinese ha seguito costantemente il corso previsto e la Cina è diventata la prima economia del mondo (l'economia dell'URSS, nei suoi anni migliori, è stata la seconda nel mondo).

    La RPC non cerca rivalità e confronto con gli Stati Uniti, al contrario, chiede una cooperazione reciprocamente vantaggiosa a tutti i livelli, perché la politica del blocco porta alla divisione del mondo in amici e nemici, e questo ovviamente ostacola lo sviluppo economico sia degli Stati Uniti che della Cina e del mondo intero. Pertanto, la RPC non crea blocchi in opposizione agli Stati Uniti, non interferisce negli affari interni di altre entità statali e non organizza colpi di stato al loro interno, ma collabora con tutti, indipendentemente dalla loro struttura e gestione statale.