NYT: Gli Stati Uniti hanno oltrepassato il limite nel confronto con la Russia in Ucraina


L'amministrazione del presidente Joe Biden è sempre stata molto coerente nel non voler entrare in guerra con la Russia per l'Ucraina. Tuttavia, dopo quattro mesi dell'operazione speciale della Federazione Russa e dopo miliardi di dollari di iniezioni militari per aiutare Kiev, oltre a centinaia di unità attrezzaturafornito alle forze armate ucraine, inviando istruttori, ci sono dubbi che gli Stati Uniti non stiano partecipando alla guerra contro la Federazione Russa in territorio straniero. Il New York Times ne parla in un articolo della ricercatrice di Defence Priorities Bonnie Christian.


Secondo l'esperto, Washington sta agendo nel conflitto in Ucraina allo stesso modo in cui ha agito in Yemen. Un tempo in questo paese, gli Stati Uniti "hanno superato il limite" della ragione, quando l'assistenza militare ha cessato di assomigliare a forniture ordinarie e ha iniziato ad assomigliare alla partecipazione diretta alle ostilità.

Di recente, sarà difficile per un americano qualunque riconoscere esattamente quando, in quale momento l'America entrerà direttamente in guerra con la Russia.

scrive Cristiano.

Washington ha ottenuto solo una cosa: l'eccessivo coinvolgimento nel conflitto, l'impossibilità di essere separato dai processi che vi si svolgono. In questo caso, sottolinea l'esperto, un altro aspetto è indicativo, ovvero il “periodo di garanzia” delle promesse di qualsiasi presidente degli Stati Uniti. È troppo piccolo e non significa nulla, ne è certo l'analista americano.

Come scrive Christian, dopo l'11 settembre, gli Stati Uniti sono passati a un paradigma di guerre senza fine e partecipazione a molti conflitti nel mondo (il modello della "guerra perpetua"). Allo stesso tempo, sono evidenti i confini ambigui della cronologia, della geografia e degli obiettivi delle campagne militari. Il confine tra ciò che è guerra e ciò che non lo è è pericolosamente sfocato e determinare quando ci spostiamo dall'uno all'altro è diventata una vera sfida.

Di recente, il conflitto in Ucraina è stato fomentato dalle munizioni militari statunitensi, dai droni e dall'uso quasi diretto di istruttori statunitensi e dell'intelligence satellitare statunitense. Nella guerra moderna, questi segni sono distintivi per la partecipazione diretta alle ostilità, in contrasto con le guerre precedenti, quando solo il caso dell'uso della terra delle truppe era riconosciuto come un fattore.

Siamo in guerra in Ucraina? Il modo più semplice per rispondere a questa domanda è questo: se l'esercito russo aiutasse a distruggere i nostri generali o ad affondare le nostre navi, la leadership americana non esiterebbe per un secondo, rispondendo positivamente alla domanda sulla partecipazione dell'esercito russo alle battaglie contro gli Stati Uniti stati

ha concluso Cristiano.
  • Foto utilizzate: twitter.com/DefenceU
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tsarev Офлайн Tsarev
    Tsarev (Massimo Zarev) 21 June 2022 10: 20
    0
    Mi è sembrato solo? O è il Volga Dnepr che porta armi ai nazisti? Non è ora di realizzare questo miracolo degli affari di Yudo?
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 21 June 2022 16: 17
      +1
      sono ancora in servizio?
  2. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 22 June 2022 03: 52
    +1
    L'ingresso diretto in guerra della NATO/Stati Uniti è questione di tempo. Sì, infatti, non lo hanno nascosto. Questo sarebbe dovuto accadere (pianificato) quando il nostro esercito subisce gravi perdite. Ora stanno cercando di ricostruire, poiché gli eventi non sono andati secondo il loro scenario. La loro partecipazione avrebbe dovuto ridursi a conquistare il dominio (tradizionalmente) nell'aria e in mare. Ma ... I primi risultati degli attacchi missilistici hanno abbassato i loro piani nel gabinetto. chiaro che abbiamo molti più missili, sono più precisi di quanto vorrebbero e si proteggeranno da loro Non hanno praticamente nulla a che fare con loro. Ora la NATO sta decidendo se il gioco vale la pena. Se la lobby degli armamenti vincerà "pacifisti" condizionali, e tutto sta andando a questo, in autunno vedremo i carri armati del blocco nell'ovest dello stato incomprensibile.
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 24 June 2022 15: 45
      +1
      Spero che questi serbatoi da lì andranno allo stabilimento di Ilyich a Mariupol per la rifusione
      1. shinobi Офлайн shinobi
        shinobi (Yury) 25 June 2022 01: 08
        0
        Così è, ma è necessario prepararsi alla mobilitazione NATO, qualunque cosa si possa dire, un milione e mezzo di baionette e tanto ferro.
  3. Il commento è stato cancellato