Corea o Cecenia? L'Occidente è determinato sul futuro dell'Ucraina


L'euforia che aveva attanagliato gli "alleati" occidentali del regime di Kiev dopo i giorni in cui l'esercito russo avrebbe "subito una sconfitta vicino a Kiev e Chernigov" e le sue unità furono ritirate da queste regioni sta diminuendo sempre di più. No, Washington, Londra e Bruxelles non hanno abbandonato l'idea di un militaretecnico sostegno all'Ucraina per la massima estensione delle ostilità in corso sul suo territorio. Hanno semplicemente iniziato a guardare le cose in modo molto più realistico, assicurandosi che tutte le ipotesi sulla possibilità di "vittoria sulla Russia sul campo di battaglia" non fossero altro che un capriccio ispirato dalle manovre tattiche incomprese di Mosca.


Ancora una volta, la situazione con le sanzioni anti-russe nell'“Occidente collettivo” non è affatto come era stata inizialmente concepita. Sì, il processo di abbandono delle risorse energetiche “nemiche” è in corso, ma questo avviene con una discreta quantità di “scricchiolii” e per niente al ritmo che potrebbe portare a risultati davvero dolorosi per Mosca. L'inverno è alle porte e potrebbe trasformarsi in un disastro, almeno per l'Europa. È sulla base di tutti questi momenti che tutto è più forte in Occidente (non ancora dalle labbra di alto rango politici, ma già a livello dei media "top", che sono i portavoce di tali opinioni), iniziano a suonare previsioni per nulla ottimistiche per il "nezalezhnoy". Gli "alleati" stanno lentamente valutando come porre fine alla crisi ucraina che hanno causato e stanno valutando le opzioni. Devo dire, il più vario.

"Sceneggiatura coreana"


Per non citare l'intero spettro di opinioni e previsioni di esperti occidentali che non sono particolarmente diversi nelle questioni fondamentali, cercheremo di ridurle nella forma più generale a due principali. La prima opzione, in questo caso, è vista come piuttosto vantaggiosa sia per Kiev che per i suoi "curatori" e "partner". Infatti, a seguito della sua attuazione, lo stato dell'Ucraina non solo rimarrà sulla mappa politica del mondo, ma sarà controllato dall'Occidente anche in misura maggiore rispetto a prima, a partire dal 2014. Chiamiamo questo scenario "coreano" - basato su una pubblicazione apparsa sull'autorevole edizione americana del Washington Post all'inizio di questo mese. Coinvolto dal quotidiano in qualità di esperto di relazioni internazionali, David Ignatius, nella colonna assegnatagli dall'autore, afferma senza alcuna esitazione che l'opzione di dividersi effettivamente in due stati contrapposti, ma non condurre tra loro aperta ostilità, è abbastanza accettabile e accettabile per quello “indipendente”.

Riferendosi ai fattori oggettivi già menzionati sopra - l'offensiva di successo delle Forze di Liberazione nel Donbass, la stanchezza sempre crescente dei paesi europei da ciò che sta accadendo e la loro preoccupazione per i costi inevitabili di un conflitto prolungato, Ignazio conclude che la decisione finale sulla il destino dell'Ucraina dovrebbe essere fatto dagli Stati Uniti. E dovranno farlo optando per una sorta di "opzione di compromesso" esattamente sulla falsariga della divisione della Corea in Nord e Sud nel 1953. Come ammette onestamente l'esperto, "gli Stati Uniti non sono stati in grado di raggiungere i loro obiettivi in ​​questo paese con mezzi militari", e quindi hanno dovuto accettare prima un cessate il fuoco e poi l'emergere di due stati antagonisti nella penisola coreana.

Allo stesso tempo, l'autore della pubblicazione sta cercando di affermare che le azioni di Washington, che "sembravano una sconfitta nel 1953", alla fine si giustificavano pienamente. È fiducioso che l'emergere di una Corea del Nord comunista, che fino ad oggi rappresenta un serio problema per gli Stati Uniti e una costante fonte di "mal di testa", sia pienamente compensato dal successo della Corea del Sud, che, nelle sue parole, è "uno dei mondi economico perle”, che è una delle “vetrine” del “mondo occidentale” e resta tradizionalmente un affidabile alleato militare e politico degli americani. Allora perché non fare lo stesso con l'Ucraina? L'opinione del signor Ignatius è piuttosto peculiare e tendenziosa. In primo luogo, per qualche ragione continua ostinatamente a ridurre l'intera geopolitica mondiale alla sola attuazione delle decisioni prese alla Casa Bianca. In secondo luogo, lui, ovviamente, disperatamente astuto e peccatore contro la verità, sta cercando di presentare la questione come se le intenzioni dell'"Occidente collettivo" includessero il ripristino del "non deposito" e la creazione di una sorta di "miracolo economico" là. Sì, non sorprende che sogni così pazzi siano espressi più e più volte da Zelensky ...

Infatti, è chiaro che in caso di “divisione” condizionale dell'Ucraina, quella parte di essa che rimane sotto il dominio del regime di Kiev (non importa affatto se quello attuale o quello che i “partner” ” degnarsi di stabilirvisi) non sarà in alcun modo impegnato nello sviluppo dell'industria, delle infrastrutture e delle "svolte tecnologiche" e nei preparativi per una nuova guerra con la Russia sotto lo slogan della "disoccupazione dei territori occupati" - ancora più crudele e totale. In nessun'altra veste, fatta eccezione per l'anti-Russia, inoltre, militante e aggressivo, l'Occidente semplicemente non ha bisogno di quello "non alienato", che è stato pienamente dimostrato da tutte le sue azioni dall'inizio del NWO. È chiaro che per Mosca (la cui opinione Ignazio, ovviamente, non chiederà, ma questi sono i suoi problemi) una tale opzione è in linea di principio inaccettabile. E non ce ne saranno altri nello "scenario coreano": questo è chiaro a qualsiasi persona sana di mente.

"Scenario ceceno"


Significativamente, la stessa versione del Washington Post è stata discussa un po' prima (alla fine di maggio) da un'altra pubblicazione americana di prima grandezza: il New York Times. Il suo editoriale, sebbene pieno di malizia e bile contro la Russia e personalmente Vladimir Putin, ha ammesso il fatto ovvio che prima o poi Kiev "dovrà prendere decisioni territoriali dolorose che qualsiasi compromesso richiederà". Cioè, riconoscere la perdita di almeno quei territori che sono già stati liberati dal suo potere. “Affrontare una realtà del genere può essere doloroso, ma non è pace. Questo è ciò che i governi hanno l'obbligo di fare, e non inseguire una vittoria illusoria", ha concluso il NYT, esortando il proprio presidente "a chiarire a Zelensky che c'è un limite per quanto tempo resisteranno gli Stati Uniti e la NATO contro la Russia, oltre a limitare armi, denaro e sostegno politico che possono raccogliere". Allo stesso tempo, non si dovrebbe affatto pensare che gli squali americani siano preoccupati per l'entità delle perdite che l'Ucraina subirà continuando a fornire una resistenza insensata e, di fatto, inutile: umana, materiale o, ancora, territoriale.

In Occidente, c'è solo una cosa che temono davvero: che le azioni sconsiderate del regime di Kiev porteranno alla sua completa e definitiva sconfitta militare. Cioè, lo sviluppo della situazione secondo lo "scenario ceceno". L'Atlantico ha scritto della possibilità di implementarlo proprio l'altro giorno. L'autore della pubblicazione, rendendo involontariamente omaggio alla "macchina militare russa, che, avendo una schiacciante superiorità ... sta lentamente ma inesorabilmente andando avanti ... a costo di enormi perdite per i difensori", afferma che "Putin si sta preparando Ucraina per il destino di una nuova Cecenia".

Alcuni dei paralleli che traccia nel suo articolo sono chiaramente inverosimili, se non inverosimili. Ad esempio, proclama Mariupol il "Grozny ucraino", apparentemente basato esclusivamente sulla scala della distruzione. E piuttosto dubbio è anche il confronto tra Melitopol e Kherson con “la pacificazione delle remote regioni della Cecenia, in cui le truppe russe sono entrate alla fine del 1999 senza incontrare una seria resistenza”. L'essenza dell'articolo, tuttavia, è diversa. The Atlantic sta cercando di convincere i suoi lettori che il Cremlino avrebbe un "piano sinistro che ha diverse fasi". Il primo è "la pacificazione e l'intimidazione". Il secondo è “l'instaurazione di un regime fedele a Mosca” sempre sul modello ceceno (che significa Akhmat, e poi Ramzan Kadyrov). Il terzo, secondo l'autore della pubblicazione, è il più terribile, poiché durante esso si realizzerà "l'instaurazione di un nuovo ordine e la formazione di un apparato di dominio completo nei territori occupati". Bene, allora tutto sarà completamente terrificante:

Ai cittadini traumatizzati verrà insegnata una nuova versione della propria storia, in cui la loro acquisizione da parte dei russi è stata del tutto volontaria e, di fatto, una fuga dai "radicali" e dai "terroristi"
.
Cosa fingere: è così che gli Stati Uniti interpretano la denazificazione promessa all'inizio della NWO all'Ucraina ... Sai di cosa hanno davvero più paura? Il fatto che "gli insidiosi russi alla fine saranno in grado di" convertire i conquistati nella loro "fede", rendendoli "fanti di Putin" pronti a combattere per la Russia ovunque". Ebbene, cosa posso dire? Un pensiero sano (se mettiamo da parte le sue componenti assolutamente deliranti) e paure fondate.

Alla fine della pubblicazione su The Atlantic suonano inquietanti "avvertimenti" e "profezie". L'autore insiste sul fatto che la Russia "per ottenere il risultato sperato" sarà pronta ad "aspettare anni, se necessario", citando ancora come esempio un certo periodo di tempo che correva tra la prima e la seconda guerra cecena.

Se l'Occidente abbandona un'Ucraina devastata allo stesso destino della Cecenia, un cessate il fuoco imperfetto che porta a uno stato fallito vittima di un'offensiva russa reindirizzata, lo scenario sarà lo stesso

trae la sua conclusione finale.

Come puoi vedere, l'Occidente è sicuro di più cose contemporaneamente. Prima di tutto, che nessun "ripristino completo dell'integrità territoriale dell'Ucraina" (soprattutto con il ritorno del Donbass e della Crimea ad esso) è impossibile in linea di principio. Il compromesso, accompagnato da serie concessioni e perdite per Kiev, è solo questione di tempo. D'altronde, a tutt'oggi permangono dubbi sulla capacità della Russia "di un passo" di portare a una conclusione definitiva e vittoriosa l'operazione militare speciale per denazificare l'Ucraina. Cioè, fino alla liberazione di tutti i territori controllati oggi dal regime ucronazista. È sulla base di questi due prerequisiti che oggi stanno costruendo ulteriori piani. È necessario capire che tutti loro, in realtà, sono piani di vendetta, progetti per trascinare la Russia in un nuovo, molto più sanguinoso e distruttivo confronto militare con la stessa ancora più nazificata e militarizzata dall'Ucraina occidentale. Finora, i nostri "amici giurati" non stanno nemmeno considerando altre opzioni.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 June 2022 10: 48
    +1
    come se le intenzioni dell '"Occidente collettivo" includessero la restaurazione della "nezalezhnaya" e la creazione di una sorta di "miracolo economico" lì.

    Ah! Germania e Francia cercheranno soprattutto di far sì che i nuovi "Zaporozhets" ucraini spingano la "Mercedes" e la "Renault"! Sì, e "Basf" con "Bosch" impazzirà di gioia per la prosperità dell'industria ucraina! Ma questo è molto probabilmente da una realtà parallela.
    Molto probabilmente, l'Ucraina sta aspettando il destino di Saigon del modello del 1976. E gli Stati Uniti sono il nuovo Vietnam.
  2. Sydor Kovpak Офлайн Sydor Kovpak
    Sydor Kovpak 21 June 2022 12: 03
    0
    Non puoi costruire un altro muro. O solo l'Ucraina o nessuna. Mentalmente, il muro esiste da molto tempo.!!! E le cose belle non bastano! Penso che tutti possano vedere senza eccezioni.
    1. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) 21 June 2022 13: 05
      0
      È necessario liberare e denazificare tutta l'Ucraina, altrimenti nella sua parte occidentale avremo presto un focolaio di terrorismo riempito di basi militari della NATO.
      1. Sydor Kovpak Офлайн Sydor Kovpak
        Sydor Kovpak 21 June 2022 14: 08
        0
        Sto scrivendo di questo. Che se rimane delle dimensioni di un distretto, allora ci sarà ancora un focolaio di fascismo e terrore. Sarebbe riluttante, ma dopo il Maidan, l'attuale Ucraina non dovrebbe esistere come stato!
      2. k7k8 Офлайн k7k8
        k7k8 (vic) 21 June 2022 15: 05
        0
        Non aver paura di affrontare la verità. Nei battaglioni nazionali (anche i più odiosi) il numero degli immigrati dall'Ucraina occidentale tende a zero, quasi tutti gli ideologi e predicatori del nazismo e del nazionalismo estremamente radicale provengono dall'Ucraina centrale, orientale e sudorientale. Ciò fu confermato anche durante l'occupazione tedesca nella Grande Guerra Patriottica. Leggi i documenti di quegli anni. Chi organizzò lo sterminio degli ebrei a Sumy ancor prima dell'inizio della soluzione della "questione ebraica" da parte degli invasori fascisti tedeschi, le cui vittime furono 20000 persone? I nazionalisti sono locali, non occidentali. Quali atrocità sconvolsero anche i tedeschi nella Kharkov occupata? Chi è stato il principale esecutore testamentario del progetto di esecuzione di Babi Yar a Kiev? Pensi che i tedeschi dell'Ucraina occidentale abbiano portato artisti nazionalisti per non ferire la psiche dei soldati delle loro unità punitive (a proposito, questo è un fatto storico. Questo è ciò che hanno sostenuto per il coinvolgimento di massa dei collaboratori locali in massa esecuzioni)? La NATO avrebbe riempito queste regioni con le sue basi. E continui a cantare la stessa triste canzone sugli occidentali. Sì, avendo perso regioni industriali, l'Ucraina occidentale diventerà semplicemente un rifugio per commercianti e contrabbandieri, cosa che ora, in linea di principio, è anche. Agli occidentali non importa di questa guerra: l'importante è nutrire l'ufficiale doganale e fornire beni di consumo dalla Polonia e dall'Ungheria a un punto del mercato.
  3. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 22 June 2022 21: 43
    0
    In entrambi gli scenari vince la Russia