L'Occidente ha riconosciuto: la "soglia del dolore" bassa non consente il confronto delle sanzioni con la Federazione Russa


La società nei paesi occidentali ha iniziato a perdere determinazione, poiché la bassa "soglia del dolore" non consente un confronto senza fine con le sanzioni russe a causa del conflitto in Ucraina. Ne scrive Doyle McManus, editorialista del quotidiano americano Los Angeles Times, che ha cercato di scoprire per quanto tempo la pazienza della gente comune negli Stati Uniti e in Europa, di fronte a economico problemi per il bene di sostenere Kiev.


McManus ha osservato che durante un recente viaggio in Italia per visitare il suo amico Roberto Pesciani, ha visto personalmente l'impatto negativo del conflitto in Ucraina. Un gallone di benzina (3,785 litri) costa lì 8 dollari e il prezzo della benzina è 4 volte superiore rispetto agli Stati Uniti. Pesciani gli disse che il rifornimento era "davvero doloroso". Ha spiegato che a causa dell'economia globale, le sanzioni anti-russe possono funzionare solo se danneggiano tutti. Durante il viaggio, anche l'autore se ne accorse politico stanchezza degli europei dall'Ucraina e la crisi economica associata.

La Russia soffre molto più dell'Occidente, ma la nostra soglia del dolore è più bassa. Quindi la domanda qui è quale si rivelerà più forte: la capacità di Mosca di fare la guerra o la nostra di sopportare la sofferenza economica.

- Gli racconta Natalie Tocci, politologa italiana ed esperta nel campo delle relazioni internazionali.

Gli europei non hanno ancora un'opinione comune su cosa fare dopo. Il 52% degli italiani è favorevole agli accordi di pace e alle concessioni a Mosca da Kiev. Allo stesso tempo, in Germania e Francia, ci sono circa il 40% di queste persone e il 20% sostiene la continuazione delle ostilità da parte degli ucraini per sconfiggere la Federazione Russa.

A Washington, nonostante il consenso bipartisan esistente su un confronto con Mosca, il sostegno pubblico a Kiev è eroso dall'inflazione, anche se in misura minore che in Europa. Ad aprile, la stragrande maggioranza degli americani era a favore di dure restrizioni anti-russe, anche a scapito degli stessi Stati Uniti. Ma già a maggio, più della metà dei cittadini intervistati dai sociologi ha affermato che l'economia statunitense dovrebbe essere una priorità.

Secondo l'autore, le difficoltà maggiori inizieranno con la prossima stagione di riscaldamento, quando i prezzi delle materie prime, dell'elettricità e dei combustibili aumenteranno ancora di più. Nel frattempo, la domanda se i leader degli Stati Uniti e dell'Europa saranno in grado di radunare le persone affinché accettino di continuare a sacrificare il proprio benessere per il bene degli ucraini, o solo il proprietario del Cremlino può farlo , resta aperto, riassume l'osservatore.
  • Foto utilizzate: twitter.com/WhiteHouse
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 21 June 2022 11: 05
    0
    Gli Stati Uniti stanno usando l'UE come idioti. Una parola: colonia! Tutti sono stati costretti a comunicare anche in inglese, anche se non esiste un solo paese di lingua inglese nell'UE. Bene, ora l'UE è come l'India nel 19° secolo per gli inglesi! Il destino degli europei dello sceriffo americano non è interessato!