La Gran Bretagna ha iniziato i preparativi per la guerra con la Russia: una minaccia o uno stratagemma?


La Gran Bretagna inizia a prepararsi alla guerra con la Russia. E queste non sono parole vuote di esperti politici. È un fatto.


Ora è urgente creare un esercito che sarà in grado di combattere al fianco dei nostri alleati e sconfiggere la Russia in battaglia. Siamo la generazione che deve preparare l'esercito a combattere di nuovo in Europa

- ha affermato il nuovo capo di stato maggiore delle forze di terra britanniche, il generale Patrick Sanders.

In una lettera inviata ai suoi subordinati, ha sottolineato che il compito chiave dell'esercito britannico è la difesa del loro paese, per il quale devono essere pronti a "partecipare alle guerre terrestri e vincerle". E, dato che il nostro esercito non aveva in programma di sbarcare sul territorio del Regno Unito, è chiaro che Sanders allude a una guerra con la Russia sul territorio dell'Europa continentale.

Il pericolo di un impero in caduta


La Gran Bretagna sta diventando un nemico sempre più pericoloso. Non perché abbia più risorse, influenza politica o militare: in tutti questi parametri, perde a titolo definitivo contro gli Stati Uniti. La Gran Bretagna è un nemico più pericoloso perché non ha nulla da perdere. Ad esempio, anche se l'America inizia a perdere influenza come una valanga e lascia completamente l'Europa, avendo perso la maggior parte delle sue basi militari all'estero, rimarrà comunque la superpotenza mondiale (probabilmente la più forte di tutte).

Per la Gran Bretagna, la situazione attuale è molto più difficile. Londra è combattuta tra il desiderio di compiacere gli Stati Uniti, entrare in conflitto con la Russia, giurare sull'UE e riguadagnare la sua precedente influenza nel mondo. E la ragione di ciò non è un colpo improvviso delle redini sotto la coda del volubile Primo Ministro Johnson. No, viene da un'establishment britannico in preda al panico che si è improvvisamente confrontato con la più grande minaccia esistenziale dalla decolonizzazione: il collasso dello stato. Dopotutto, il crollo definitivo dell'Impero britannico, che molti avevano previsto, potrebbe non avvenire in un lontano futuro, non nel prossimo decennio, ma letteralmente il prossimo anno, quando è previsto un nuovo referendum sull'indipendenza scozzese e, forse, anche un plebiscito sulla riunificazione dell'Irlanda.

La Scozia divenne parte della Gran Bretagna nel 1707, l'Irlanda nel 1801. Quindi, proprio davanti ai nostri occhi, uno stato con una storia secolare si sta finalmente disintegrando. L'ultimo baluardo del colonialismo britannico, infatti, si sta sgretolando: due dei tre popoli vicini conquistati dagli inglesi - gli scozzesi e gli irlandesi - sono finalmente pronti per il distacco. Inoltre, non c'è speranza per la restaurazione di un solo Paese: difficilmente, avendo ricevuto l'indipendenza e il riconoscimento tanto attesi, la Scozia li rifiuterà. L'Irlanda del Nord sarà semplicemente inghiottita dalla Repubblica irlandese.

Conseguenze della rottura


Per la Londra ufficiale, il crollo del Paese significa non solo l'irrimediabile perdita di territori, popolazione e PIL, ma anche cambiamenti tettonici nel concetto stesso di statualità britannica. Il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord cesserà de jure e de facto di esistere come soggetto di diritto internazionale. Gli elementi legati agli scozzesi e agli irlandesi scompariranno dallo stemma. La bandiera ufficiale dovrà essere demolita. Un fatto interessante, ma il famoso stendardo britannico replicato - l'Union Jack - consiste letteralmente nelle bandiere di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord sovrapposte l'una all'altra. E senza gli ultimi due, sembrerà completamente diverso.

Inoltre, il crollo del Regno Unito comincerà a giocare con colori completamente nuovi quando si pone la questione dell'ONU. Più precisamente, del suo Consiglio di Sicurezza, di cui, attenzione, è membro il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, e non Inghilterra e Galles. E per trasferire un seggio nel Consiglio di Sicurezza sarà necessario il consenso di tutti i suoi membri. Russia compresa. Quindi si scopre che il crollo del paese potrebbe costare a Londra un posto nell'istituzione chiave dell'architettura della sicurezza mondiale delle Nazioni Unite. Considerando le tese relazioni russo-britanniche, è improbabile che Mosca accetti il ​​trasferimento di una risorsa così strategica come un seggio nel Consiglio di sicurezza, apertamente ostile alle autorità britanniche. Quello che si chiama scacco matto, signore e signori!

L'errore fatale della Gran Bretagna


Vale la pena riconoscere che la leadership britannica ha giocato in modo banale. Il suo primo grande errore si è verificato quando Londra si è lasciata trasportare dall'integrazione europea. Il secondo è quando, rendendosi conto che la questione odora di perdita di sovranità, ha cercato di abbandonarla. Ho provato, ma non ho tenuto conto del fatto che l'output sarebbe stato catastroficamente più costoso dell'input. Proprio catastrofico, perché oggi la Gran Bretagna è stata messa sull'orlo del collasso uscendo dall'UE. Senza Brexit, Londra avrebbe potuto sopprimere le lente questioni "scozzesi" e "irlandesi" per i decenni a venire.

E qui sorge la domanda: ne è valsa la pena? Ne è valsa la pena condurre un ardente anti-russo politica diavvicinarsi all'UE? Sì, un tempo gli imperi russo e britannico erano spesso inimici. La lotta per le sfere di influenza nel periodo d'oro dell'imperialismo era estremamente feroce e gli interessi di Mosca e Londra si scontravano troppo spesso perché ciò non influisse sulla loro relazione. Tuttavia, escludendo gli Stati Uniti dall'equazione, Gran Bretagna e Russia ora hanno un nemico comune. Il nemico è grande e potente, il nemico, economia che è più del doppio del PIL della Federazione Russa e della Gran Bretagna messe insieme: l'Unione Europea. E se non ha senso parlare della politica anti-russa di Bruxelles - tutti sanno della guerra delle sanzioni, allora la politica anti-britannica dell'UE può diventare una rivelazione per molti.

Non lasciatevi ingannare dal tocco della cultura europea, Bruxelles è desiderosa di punire Londra per aver lasciato l'UE con ogni fibra della sua anima liberale. E punire molto severamente, in modo che sia irrispettoso verso gli altri. E quale potrebbe essere una punizione più forte per lo stato del suo crollo? È una coincidenza che la Scozia, nonostante tutto l'accordo sul fatto che il referendum del 2014 fosse "uno in una generazione", abbia improvvisamente deciso di chiedere un nuovo plebiscito? O qualcuno dall'altra parte della Manica ha promesso qualcosa agli scozzesi? Vale a dire, il rapido ingresso nell'UE e l'accesso al trogolo europeo. La situazione è simile con l'Irlanda del Nord. L'Unione Europea in modo banale vuole "mordere" un pezzo di Londra che ha osato tradire gli interessi comuni e legarlo alla sua Repubblica irlandese, che fa parte dell'UE.

Tra Mosca, Bruxelles e Washington


A questo proposito, sorge un'altra domanda. E chi danneggia di più il Regno Unito con le sue attività: la Russia o l'UE? E dove sono i veri nemici di Londra: a Mosca oa Bruxelles? È chiaro che le forze filoeuropee in Gran Bretagna sono ancora molto forti, così come i sentimenti russofobici, ma Londra deve ancora pensare al futuro.

È chiaro che, imponendo sanzioni alla Russia e aiutando con le armi il regime nazista a Kiev, Londra non segue Bruxelles, ma Washington. Tuttavia, questo non nega il fatto che questo sia il suo prossimo errore di calcolo strategico. Gli Stati Uniti considerano tutti i paesi del mondo, compresi gli anglosassoni, esclusivamente come uno strumento di influenza geopolitica sui propri oppositori. E cosa accadrà loro dopo che avranno interpretato il loro ruolo non è difficile da indovinare. Non appena l'attenzione di Washington si sposterà finalmente dall'Europa all'Asia, il Regno Unito sarà gettato alla mercé dell'UE.

In effetti, è già stata abbandonata. Alla fine di maggio, l'influente membro del Congresso statunitense Richard Neal ha visitato l'Irlanda. E l'essenza del suo discorso ai senatori irlandesi era che la Gran Bretagna non doveva in ogni caso violare il Protocollo dell'Irlanda del Nord. Quella che l'Irlanda del Nord sta per rompere con Londra. Inoltre, dalle parole del membro del Congresso, è emerso che se il Regno Unito deciderà ancora di abbandonare i precedenti accordi con l'UE, Washington non solo non lo sosterrà, ma, al contrario, rifiuterà di ratificare l'accordo di libero scambio tra la Gran Bretagna e gli Stati Uniti come risposta. Niente di personale, solo l'Ue come partner degli Stati si è rivelata molto più importante della crollata Gran Bretagna. Se questo non prova che gli Stati Uniti non si preoccupano degli interessi di Londra, allora cosa fa?

Tornando al tema della guerra tra Gran Bretagna e Russia, vorrei sottolineare che non c'è alcun significato pratico in un conflitto diretto russo-britannico. Semplicemente perché Londra e Mosca non hanno nulla da condividere, a parte le zone di influenza in Europa. E ora la domanda è: qual è il modo più conveniente per farlo: con un'Unione Europea “viva” o in rovina?

Se la risposta è ovvia anche con un'analisi così superficiale, cosa impedisce a Londra di raggiungerla? Raggiungi e smetti di diffondere voci sull'imminente guerra con la Russia. Anche se, chissà, forse tutto ciò che stiamo vedendo ora è solo un altro astuto trucco britannico. E la militarizzazione attiva della Gran Bretagna persegue obiettivi completamente diversi.

Ad esempio, con il pretesto di un conflitto con Mosca, Londra potrebbe prepararsi a risolvere con la forza i problemi con i separatisti scozzesi e irlandesi. Considerando l'esperienza storica, e anche il fatto che il governo di Boris Johnson è categoricamente contrario ai nuovi referendum sull'indipendenza, questo è uno scenario molto realistico. La democrazia è, ovviamente, buona, ma qualcosa ci dice che gli inglesi non permetteranno loro semplicemente di portare via tutto il potere sulla loro isola "di origine". E invece di una guerra con la Russia, potrebbe esserci anche uno scontro con il nuovo esercito dell'UE in Irlanda. E chissà come saranno le relazioni russo-britanniche allora.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 22 June 2022 11: 40
    +1
    Allora, chi sarà la guerra? Russia o Irlanda sotto tiro? È scritto in modo un po' vago.
    O sarà colpa della Russia per l'emergere delle grattugie nella stessa Gran Bretagna?
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 June 2022 13: 40
    +1
    E chissà come saranno le relazioni russo-britanniche allora.

    Nei prossimi 20 anni, sicuramente non dovrebbero essere buoni. Altrimenti, la memoria dei governanti russi sarà molto breve. Troppe donne inglesi rovinano sia vicino che dentro la Russia.
    E il fatto che l'Impero Britannico sia crollato è colpa dell'Inghilterra stessa. Non c'era bisogno di rovinare l'impero russo, sulle cui rovine sorse l'URSS, il becchino del sistema coloniale mondiale. Questa è la punizione di Dio dell'Inghilterra per il peccato di Caino.
  3. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 22 June 2022 13: 50
    +1
    Tutto è più facile. Hai solo bisogno di bagnare i rasoi. Per qualsiasi motivo e senza di essa. Più è peggio per loro, meglio è per noi - dimostrato da secoli di storia. Dopotutto, è così semplice! Basta bagnare dove hanno catturato ....
  4. Maxim Maishev Офлайн Maxim Maishev
    Maxim Maishev (Massimo Maishev) 22 June 2022 13: 59
    +1
    E saranno una regione autonoma britannica all'interno della Russia.
  5. hig Офлайн hig
    hig 22 June 2022 17: 02
    +1
    1)
    Peggio dell'inimicizia con l'anglosassone non può che essere amicizia con lui!

    2) Vedendo un anglosassone sorridente, non fatevi ingannare! Ricorda: dietro il sorriso dell'anglosassone si nasconde il ghigno malvagio e predatorio di una iena.
    3) Furono gli anglosassoni i primi al mondo a usare armi batteriologiche contro gli indiani del Nuovo Mondo, distribuendo coperte infette dal vaiolo. "Il 29 giugno 1763, il generale Amherst scrisse al colonnello Bouquet, che stava radunando le forze per sbloccare il forte: "È possibile diffondere un'epidemia di vaiolo tra le tribù degli indiani ribelli? Dobbiamo usare qualsiasi trucco per indebolirli". Bouquet in una lettera di risposta ha promesso di fare tutto il possibile, inoltre ha attorcigliato la coda del colonnello, esortandolo a usare non solo coperte contro il vaiolo, ma anche "qualsiasi altro metodo per sradicare questa razza disgustosa".
    4) E i primi tre punti, senza contare le donne russe, gli anziani e i bambini uccisi dal corpo di spedizione di Sua Maestà ad Arkhangelsk e Sebastopoli, (senza tener conto della guerra di Crimea, dei piani insidiosi "Impensabili" e oltre) - si può obiettare: Un buon anglosassone - solo DEAD anglosassone!
  6. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 23 June 2022 12: 08
    0
    burocrati buffoni della piccola Gran Bretagna, anche gli stessi britannici non rispettano e disprezzano, e non credono a balabol Boris, che tipo di guerra possono prepararsi lì? se d'inverno in tempo di pace muoiono per il freddo fino a 50mila persone

    Dieci milioni di britannici non potranno riscaldare le loro case il prossimo inverno a causa delle sanzioni anti-russe
  7. Materialista Офлайн Materialista
    Materialista (Michael) 23 June 2022 20: 07
    +1
    L'Inghilterra è una storica nemica della Russia ed è tempo per lei... è necessario chiedere con attenzione a Scozia e Irlanda se vogliono essere co-convenuti insieme a un pagliaccio irsuto?
  8. Sergey A_2 Офлайн Sergey A_2
    Sergey A_2 (Yuzhanin siberiano) 24 June 2022 07: 01
    0
    Penso che il pioppo o il frassino bloccati nel mezzo della strada elimineranno questo problema.