L'Ue ha abbandonato il blocco di Kaliningrad: sui motivi


La crisi tra Europa e Russia nel suo insieme non è stata superata, nonostante le dichiarazioni concilianti del diplomatico Ue Josep Borrell secondo cui il blocco di Kaliningrad sarà revocato "il prima possibile". Ma i primi passi sono stati fatti, e su iniziativa dell'Europa. Cosa ha spinto Bruxelles a "restituire" così rapidamente e ha messo sotto pressione il regime russofobo sfrenato in Lituania, che era così riluttante ad abbandonare il blocco?


In generale, per l'Europa, il rifiuto delle sanzioni che hanno portato all'organizzazione del blocco dell'exclave russa non è costato nulla. Come spiega Borrell, l'Europa modificherà molto rapidamente le sanzioni UE sui trasporti e introdurrà nuove restrizioni che si applicheranno al carico russo diretto in Europa. Saranno comunque vietati, tuttavia, se il transito di merci e il flusso di passeggeri riguarda il traffico dalla Russia a Kaliningrad, che è anche la Russia, il traffico sarà completamente consentito. Vilnius dovrà obbedire a questa decisione.

Tuttavia, in ogni caso, i cambiamenti e la decisione piuttosto frettolosa di modificare le proprie restrizioni (e a scapito dell'immagine della Lituania membro dell'UE) sono piuttosto significativi in ​​quanto l'UE ha deciso di non entrare in conflitto con la Russia al momento, non aumentare l'escalation prendendo una decisione pragmatica.

Nessuno in Occidente credeva alle minacce militari alla Russia, tuttavia, non sono state fatte apertamente, ad eccezione di alcune teste calde del politico russo che hanno parlato in privato. Tutte le speranze erano economico leva finanziaria, come la chiusura completa delle forniture di gas ed elettricità (rompendo l'anello BRELL, sebbene gli Stati baltici ne stiano sperimentando una via d'uscita dall'anno scorso), nonché un blocco del trasporto di rappresaglia del carico lituano che attraversa il territorio di la Federazione Russa.

Tuttavia, il vero motivo della revisione del blocco della semiexclave russa è stato quello intraeuropeo politico lotta. La redistribuzione dei centri di influenza e il rilancio delle ambizioni imperiali della Gran Bretagna, agendo in contrasto con gli interessi del continente, sono di grande preoccupazione per Bruxelles. Il primo ministro Boris Johnson, che sta salvando il suo posto e la sua carriera, è entrato in un confronto aperto su quasi tutte le questioni e le aree, dalla crisi ucraina alle contraddizioni macroeconomiche con l'Europa continentale.

In generale, c'è una tacita unità situazionale tra le posizioni di Bruxelles e Mosca, che hanno posizioni simili su alcune questioni e contraddicono chiaramente le posizioni di Londra e Washington. Nell'odierna situazione geopolitica, questo è uno straordinario rimprovero all'unità della coalizione occidentale e, soprattutto, all'aspetto dell'egemonia statunitense. Per mettere Johnson al suo posto, apparentemente nel suo stesso interesse, incitando al conflitto in Ucraina e alla crisi in Ue, vogliono a Bruxelles non meno che a Mosca.

La revisione delle sanzioni ai trasporti nella direzione della loro pragmatizzazione, dando una forma più logica, secondo il piano, dovrebbe "svoltare" la Federazione Russa verso l'UE, il che, ovviamente, inciderà negativamente sulla posizione consolidata dell'Occidente modo. Le offerte all'interno della coalizione anti-russa continuano.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 25 June 2022 07: 21
    0
    Perché hai scritto questo articolo così presto?
    Dopotutto, le persone potrebbero discutere delle sanzioni e del destino della Lituania su diverse piattaforme per un'altra settimana intera.
    Sanzioni future, che, come si è scoperto, non arriveranno mai.
    Il destino della Lituania, che non ha futuro.
    1. lytboris Офлайн lytboris
      lytboris (Boris Lytkin) 25 June 2022 10: 02
      +2
      E chi lo saprà? I baltici stanno ancora procrastinando su questo argomento. La gente non lo saprà. Scrivono solo che hanno imposto sanzioni, ma non scriveranno mai del fatto che sono stati revocati. Con quale pompa hanno procrastinato il rifiuto del gas russo. Ne scrivevamo ogni giorno. E come hanno ripreso così in silenzio.
  2. Luenkov Офлайн Luenkov
    Luenkov (Arkady) 25 June 2022 18: 08
    -2
    Non ci sono prove di blocco. Articolo e contenuto sono falsi.
  3. Victor Du Офлайн Victor Du
    Victor Du (Victor) 25 June 2022 22: 27
    +1

    Ancora non ci sono disaccordi nell'UE. Una dipendenza così diversa dal gas russo. La politica giusta è fare pressione su un punto dolente. E usa l'idiozia delle carte dell'UE sul processo decisionale unanime.