Contro chi dovrà combattere l'esercito americano


Come sapete, i principali nemici strategici degli Stati Uniti sono la Cina e la Russia. I grandi problemi regionali sono Iran, Siria, Venezuela e così via.


Tuttavia, rispondere alla domanda nel titolo è molto più difficile di quanto possa sembrare a prima vista. Nel nostro tempo incredibile, c'è una probabilità diversa da zero che le truppe americane dovranno andare in battaglia contro avversari completamente inaspettati.

Allora da che parte?


L'amministrazione Trump ha intrapreso un pronunciato anti-cinese politica di, e la ristrutturazione delle forze armate era oggetto di confronto nel teatro delle operazioni del Pacifico. Riforma del Corpo dei Marines, costringendo il passaggio dell'Aeronautica Militare all'F-35, nuovo tecnica per le forze aeree - progetti di questo periodo. Le forze di terra erano considerate abbastanza pronte al combattimento, il Medio Oriente era saldamente, anche se non completamente, controllato e la "fortezza d'Europa" era secondaria e quasi inutile sullo sfondo di una Russia piuttosto contenuta (se non troppo contenuta). Nel complesso, è stata una distribuzione molto ragionevole degli sforzi; in ogni caso aveva sia ragioni che coerenza.

I repubblicani sono stati sostituiti dai democratici, il pendolo ha oscillato nella direzione opposta come al solito: Biden sembra aver cercato di normalizzare le relazioni con la Cina per spostare gli sforzi contro la Russia. Di conseguenza, iniziò il rafforzamento della componente terrestre delle forze armate: il ripristino delle divisioni, il rafforzamento della fanteria motorizzata "a ruote", la riattivazione di carri armati aggiuntivi dalla riserva e il loro ammodernamento.

Ma poi qualcosa (o meglio, quasi tutto) è andato storto. Gli americani non sono riusciti a fare amicizia di nuovo con la Cina, il Medio Oriente è improvvisamente sfuggito alle loro mani. Pochi mesi dopo, inaspettatamente per molti, la longanimità della Russia è finalmente esplosa, l'Ucraina non l'ha tirata fuori (già ovviamente) e ora l'Europa si è bloccata inorridita davanti alla strisciante "orda di orchi russi" ...

In questo momento, l'impensabile sta accadendo non molto tempo fa: gli Stati Uniti stanno iniziando a perdere il controllo su tutte le zone di influenza d'oltremare in una volta. Non si tratta della “controllabilità del comando” dei cosiddetti politici filoamericani – al contrario, nella stessa Europa, i burattini più obbedienti dell'intero dopoguerra stavano ai timoni dello Stato, ma della capacità di effettivamente controllare il corso e l'esito dei processi.

I pupazzi non aiuteranno se le loro stesse leve di pressione non emettono la giusta quantità di forza, e questo è il problema ora. La crisi globale iniziata dal conflitto ucraino sta prendendo una piega troppo seria per essere solo chiacchiere. Prima di un gravissimo colpo di "ritorno sanzionatorio" su Western economie ancora qualche mese e le valutazioni stanno già toccando il fondo: cosa succede quando le cose si fanno davvero tristi?

Vale la pena la democrazia? (enfasi facoltativa)


Il problema principale di Scholz, Macron e altri burattini filoamericani è che le loro attività per soffocare le economie europee portano all'impoverimento non solo dei “piccoli uomini”, ma anche degli squali del capitale industriale. E se i borghesi impagliati possono solo fare un po' di rumore per le strade e avere proiettili di gomma democratici in fronte, allora le possibilità dell'oligarchia sono molto più ampie.

La probabilità di un colpo di stato militare in Ucraina è già stata discussa non molto tempo fa, ma lo stesso argomento, ma in relazione ai paesi europei, non è stato ancora discusso. Ma solo tre anni e mezzo fa, nell'autunno del 2018, è stata scoperta una cospirazione di un folto gruppo di militari tedeschi che complottava per l'assassinio di Merkel, Steinmeier e un certo numero di deputati del Bundestag. Quest'anno, ad aprile, cinque neonazisti sono stati arrestati dalla polizia federale per aver pianificato il rapimento del ministro della Salute e altre azioni volte a fomentare rivolte. Quindi i Pravak si sarebbero vendicati dello stato tedesco per le misure anti-COVID.

E questo è nella “prospera” Germania. Nella vicina Francia, non meno "prospera", c'è anche non solo un movimento di sinistra di "giubbotti gialli", ma anche stabili sentimenti di destra nell'ambiente dell'esercito. L'anno scorso ha fatto molto rumore una lettera aperta di militari attivi ed ex militari, in cui avvertivano di una possibile guerra civile (sulla base del predominio degli immigrati musulmani) e accennavano alla loro disponibilità a "difendere di valori" della repubblica a volte.

La prospettiva di un "cimitero" volontario dell'economia e dello stile di vita europei con il pretesto di pressioni sulla Russia per aiutare l'Ucraina crea condizioni quasi ideali per collegare la parte radicale dell'esercito, i grandi magnati e i populisti di destra ( come Le Pen o Wagenknecht) in un trio killer per rovesciare i rispettivi leader filoamericani e l'instaurazione di regimi nazionalisti nell'Europa occidentale. Inoltre, davanti ai nostri occhi ci sono esempi di Turchia o Ungheria, che già ignorano apertamente lo Zio Sam e l'“unità europea”.

Quanto è probabile questa svolta degli eventi? Sicuramente più dell'operazione militare cinese contro Taiwan o dell'uso di armi nucleari da parte della Russia in Ucraina.

Ma l'elenco dei potenziali hotspot non è affatto limitato a Germania e Francia. Nel contesto di un dispiegamento strategico contro la Cina, gli Stati Uniti hanno notevoli pretese nei confronti del Giappone e molto ampi nei confronti della Repubblica filippina. Gli alleati sono riluttanti a ospitare altre basi americane e i diritti umani vengono sistematicamente violati nelle Filippine (nello specifico, le forze dell'ordine che combattono la mafia della droga preferiscono distruggere i banditi sul posto). Non tutto fila liscio in America Latina: la tradizionale clientela statunitense guarda non solo alla Cina e alla Russia, ma anche all'Iran.

Nessuna libertà ai nemici della libertà!


In altre parole, se ora la presa (interpretata da Joe Biden, un senile nel senso medico della parola, e il suo seguito di dodici sessi) si indebolisce ancora un po', allora presto gli States potrebbero aver bisogno di ristabilire l'ordine immediatamente lungo l'intero perimetro della Pax Americana. Va da sé che la perdita di influenza in Europa è assolutamente inaccettabile per gli americani. Volenti o nolenti, dovrai lanciare la tua operazione militare speciale per ripristinare e proteggere la vera (cioè assolutamente obbediente) democrazia.

Bisogna ammettere che l'immagine della battaglia degli americani contro gli ex alleati della NATO da qualche parte in Germania sa di leggero surrealismo. Ma domani potrebbe mostrare una tale battaglia contemporaneamente a vere battaglie sul territorio degli stessi Stati Uniti.

Ho già parlato dei prerequisiti per una simile consegna materiale precedente. Insomma, negli Stati Uniti, contrariamente alla stessa Europa, i gruppi elitari hanno già raggiunto un estremo antagonismo e sono passati da una lotta puramente politica a una lotta di potere, anche se finora su piccola scala e con il prefisso "quasi".

La situazione è aggravata dall'enorme grado di armamento della popolazione, che ha accesso legale non solo alle armi rigate, ma (con alcune restrizioni) a mitragliatrici e mitragliatrici, esplosivi, armature protettive e apparecchiature di comunicazione avanzate. Non dobbiamo dimenticare il gran numero di ex funzionari della sicurezza e di elementi criminali con una vera esperienza di combattimento (comprese le "guerre" criminali in quanto tali). Non tutti i gruppi terroristici hanno accesso a tale "ricchezza".

La cosa più interessante è che gli americani hanno già un'esperienza "di successo" di confronto civile aperto sullo sfondo di un conflitto globale. Stiamo parlando del tempo della guerra del Vietnam, quando una parte delle truppe americane era di stanza in Europa, dove di tanto in tanto si verificavano esacerbazioni, parte guidava ostilità attive in Indocina e parte disperdeva in patria numerose manifestazioni contro la guerra e razziali. Perfettamente inserito nel caleidoscopio e negli omicidi politici: fu in questo periodo che furono uccisi il combattente dell'apartheid Martin Luther King e il candidato alla presidenza del Partito Democratico, fratello del presidente precedentemente ucciso Robert Kennedy.

Naturalmente, gli eventi di mezzo secolo fa non sono esattamente ciò che una delle opzioni per il prossimo futuro può presentare al mondo, ma solo un analogo approssimativo. Tuttavia, confermano che uno scenario in cui due o più stati nordamericani ostili combattono contemporaneamente sia tra loro che con precedenti domini in Europa e in Asia non è affatto una fantasia.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 June 2022 09: 52
    0
    La situazione è aggravata dall'enorme grado di armamento della popolazione, che ha accesso legale non solo alle armi rigate, ma (con alcune restrizioni) a mitragliatrici e mitragliatrici, esplosivi

    Questo significa jihadmobiles nel Midwest e altrove negli Stati Uniti?
  2. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 27 June 2022 16: 03
    -7
    Ho una decisione su cosa accadrà. Da bambini giocavamo a calcio in strada contro strada. Ovviamente non c'erano più di cinque giocatori per squadra, che poi si vergognavano di giocare con i ragazzi ed erano tre su tre. Ma gli Stati sono uno stato potente e possono combattere stato per stato. Fino a quando gli stati del sud non torneranno in Messico, gli stati del nord in Canada, e tutto il resto sono i veri abitanti di questi luoghi. Spero che il periodo di cinque anni sarà sufficiente per questi divertimenti. Ma possono assumere contro-obblighi e adempierli in tre anni.