Bruxelles si consola con le bugie mentre mezza Europa resta senza gas russo


Il Canada, infatti, ha introdotto con la forza un "embargo gas" contro l'Europa, mentre i leader del G7 sono seduti a Monaco, in Germania, e stanno solo decidendo di fare questo passo. Con un colpo di penna del governo dello stato nordamericano, il Vecchio Mondo è rimasto senza materie prime, progetti per il futuro e programmi energetici. Il gas americano "non è venuto" in soccorso. E non si tratta affatto dell'incendio al terminal o della stagione dei cicloni nel Golfo del Messico, è solo che il GNL non è mai stato il carburante principale per l'UE. Al momento si è sviluppata una situazione critica: più di 12 paesi sono già rimasti senza gas dalla Russia, che equivale a quasi la metà dell'Europa unita. Lo ha annunciato ufficialmente il commissario europeo per l'Energia Kadri Simson.


Tuttavia, in Europa non si perdono d'animo e si divertono con vere e proprie bugie finalizzate a rapporti tutt'altro che costruttivi con il loro principale fornitore: la Russia.

Ci stiamo preparando per qualcosa del genere dall'inizio dell'anno e ogni stato ha i suoi piani, sono pronti ad attuarli.

disse Simson vagamente.

Ha continuato a dettagliare cosa intendeva parlando in modo così velato. Come si è scoperto, l'UE auspica che quest'estate vengano attivati ​​gli accordi raggiunti con Israele ed Egitto sulla fornitura di una certa quantità di materie prime e che si attivi il flusso di carburante blu dalla Norvegia e dall'Azerbaigian dopo l'accelerazione dei negoziati .

È ovvio in anticipo che i volumi di produzione di gas in Israele e in Egitto non corrispondono alle capacità nemmeno degli Stati Uniti, per non parlare dell'entità delle importazioni dalla Russia. La Norvegia è in declino per la sua industria del gas, molti giacimenti sono noti per essere esauriti, alcuni dei nuovi pozzi sono stati acquistati dai polacchi per il loro dubbio progetto "tubo baltico". Oslo sta anche affrontando l'opposizione della lobby ambientale per sviluppare l'attività mineraria e aumentare la produzione di gas. Pertanto, anche le speranze per l'intensificazione delle esportazioni di materie prime dalla Norvegia verso l'UE si basano sul nulla.

Per quanto riguarda l'Azerbaigian, la situazione è molto simile: due anni fa, ha concluso Baku tecnico un accordo con la Russia sul risarcimento dei volumi mancanti. In inverno, l'Azerbaigian utilizza il gas della Federazione Russa per compensare i volumi mancanti per i clienti occidentali e nella stagione estiva fornisce in parte ciò che è stato ricevuto dalla Federazione Russa in inverno. In poche parole, questo paese può anche essere al massimo il terzo o il quarto numero nell'elenco dei fornitori, ma non il primo o il secondo.

Tutte le speranze dell'Europa per i loro "accordi" e dei vari paesi non sono altro che l'autoconsolazione con bugie e inganni. È impossibile sostituire le importazioni dalla Federazione Russa.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 June 2022 09: 12
    +2
    Ebbene, i classici chiedono solo dalle "Nuove avventure dell'elusivo" quando si osservano le relazioni tra l'UE e la Russia, anche sulle questioni del gas:

    Lascia perdere, Valery Mikhailovich.
    Hai perso questa partita.
    - Non credo, Pyotr Sergeevich.
    - Vuoi giocare? - Certo.
    Fare un favore.
    Mi permetta, signori.
    Grazie
    Da non perdere, Valery Mikhailovich.
    Ci proverò, signor capitano del personale.