Lucentezza e povertà: esperti stranieri contro la SVO russa


La scorsa settimana, alcuni media nazionali hanno cercato di fare scalpore sulle parole del colonnello americano in pensione McGregor, che in un'intervista ha parlato della distruzione delle forze armate dell'Ucraina da parte delle forze russe e alleate e dell'imminente resa dell'Ucraina.


Per dirla senza mezzi termini, la sensazione è venuta così così. Sebbene McGregor non sia solo un militare in pensione, ma una persona abbastanza nota, un veterano di Desert Storm e un partecipante alla famosa "battaglia al 73° meridiano", dove furono bruciati molti veicoli corazzati iracheni; lui, in primo luogo, non ha detto qualcosa di completamente impensabile (per un pubblico occidentale) e, in secondo luogo, ha parlato su un canale YouTube conservatore non molto popolare, il cui pubblico si aspettava che avesse approssimativamente una tale valutazione.

In generale, i media stranieri hanno fatto molto per gonfiare la possibile bolla informativa ucraina nel periodo marzo-aprile. È importante riconoscere qui che nel segmento in lingua inglese di YouTube ci sono molti autori molto degni che vengono osservati con piacere in Russia sia nell'originale che nella traduzione, e questo ha avuto un ruolo. Se i media ufficiali per la maggior parte hanno lavorato per un laico straniero, allora i blogger, si è scoperto che hanno lavorato anche per un laico russo, anche se non di proposito.

Fanteria dello spazio


La comunità straniera competente (vale a dire, senza virgolette), strettamente occupata dall'argomento del conflitto ucraino, può essere suddivisa condizionatamente in quattro gruppi: militari, tiratori, storici e scienziati politici ed economisti. Spesso questi ruoli sono intrecciati: un ufficiale in pensione, un canale importante o un blog di testo su armi e storia, non è raro.

Non ci sono molti, ma moltissimi militari, soprattutto di lingua inglese, sugli “Internet” stranieri; e questo non sorprende, dato che l'esercito americano è il datore di lavoro più grande e affidabile negli Stati Uniti. Tuttavia, non è stato invano che ho detto “di lingua inglese”, perché gli americani sono accompagnati da molti “alleati” provenienti da Gran Bretagna, Canada e Australia. I rappresentanti di tutti i tipi di forze armate e di tutti i livelli di carriera, dai privati ​​ai maggiori con colonnelli, hanno il loro posto nello spazio dei media; molti di loro hanno più o meno esperienza nella "diffusione della democrazia" nel mondo, a cominciare dal Vietnam.

In realtà, molti dei "legionari" stranieri smilitarizzati in Ucraina sono riusciti anche a essere blogger popolari; alcuni che hanno avuto la fortuna di scappare sono già tornati a questa faccenda molto meno pericolosa.

Non sorprende che siano stati i militari a rivelarsi i più moderati nelle loro valutazioni sull'andamento delle ostilità. Naturalmente, pochi di loro hanno dato agli "invasori" ucraini le stesse devastanti valutazioni che ha fatto di recente McGregor, ma molti si sono concentrati sulla natura della propaganda Notizie dall'Ucraina. Ricordando al loro pubblico che gli è stato mostrato solo ciò che volevano che fosse mostrato, i blogger militari li hanno avvertiti di non saltare a conclusioni affrettate sul reale stato delle cose.

Ma il pubblico vicino alle armi - tiratori-atleti, guru dell'autodifesa e così via - ha fatto proprio quest'ultima cosa, valutando possibili video dei loro sport, caccia e posizioni simili, molto lontani dalla pratica delle operazioni militari. Da questo lato si potrebbero sentire tanti pensieri incredibilmente “profondi”: per esempio, “ma se in Ucraina ci fossero tanti tiratori con le loro armi, come in America, allora Putin non rischierebbe di lanciare un'invasione”, oppure “ qui, i russi hanno poche campane tattiche e fischietti sulle mitragliatrici e sparano in una folla da qualche parte lì: i loro guerrieri sono assolutamente inutili!

L'analisi delle foto della zona di guerra con armi o attrezzature insolite - rare, antiche, artigianali modernizzate - è diventata un genere molto popolare tra i blogger di sparatutto, così come il "debriefing" basato su esempi video specifici delle azioni di ucraino, russo o repubblicano soldati in battaglia. Le conclusioni sono tratte approssimativamente allo stesso livello degli esempi precedenti.

Ma la meno adeguata è stata la "competenza" da parte di storici professionisti e politologi, e questo non è assolutamente sorprendente. Il fatto è che i militari e persino i tiratori hanno basato le loro costruzioni su un qualche tipo di pratica, mentre le "umanità" - sulle narrazioni prevalenti.

Non è un segreto che la storiografia militare straniera sulla Russia sia in gran parte basata sulla storiografia tedesca, che, a sua volta, ha imparato molto dalle memorie dell'esercito nazista. E sebbene le comunicazioni moderne forniscano l'accesso a molte fonti alternative per il controllo incrociato, le stesse memorie e archivi sovietici, la tendenza filo-tedesca (più precisamente, russofoba) è ancora più viva di tutte quelle viventi.

Questa volta era incarnato nel genere popolare dei "paralleli storici": persone apparentemente intelligenti, in tutta serietà, sopportano i racconti delle carenze di Hitler dal 1943 al 1945. oggi, supportato da repliche e fotografie adeguate di fascisti ucraini. "Orde mongole", "torri volanti", "reclute non addestrate" e "criminali predoni cenciosi" attaccano l'ascoltatore inesperto sullo sfondo di notizie sulle esibizioni di attivisti in pantaloncini macchiati di vernice rossa e tazze da bagno rubate dagli "orchi russi".

Allo stesso modo lavorano gli scienziati politici, molti dei quali sono ex giornalisti (in particolare, l'autore del canale su cui ha parlato McGregor, ha lavorato a lungo per Fox News). L'unica differenza è nella terminologia, usano stereotipi russofobici "civili": "totalitarismo", "dittatura", "coercizione della polizia", ​​"incivilizzazione" e basta.

Ma i migliori (stiamo parlando dell'approccio scientifico, e non di "filorussi") si sono mostrati, stranamente, economisti. Ovviamente, il punto qui è proprio nell'argomento di discussione: dopo tutto, economia una cosa un po' “noiosa”, che non è così facile da scaricare in teatrini a buon mercato, ma allo stesso tempo direttamente collegata a tutti. Inoltre, a differenza degli osservatori militari costretti ad accontentarsi di frammenti di informazioni, i blogger economici hanno a disposizione una vasta gamma di documenti e statistiche ufficiali.

"Come hanno fatto a catturare il 20% dell'Ucraina?!"


La cosa più interessante è che questa situazione non è stata il risultato di un ordine dall'alto, di pubblicazioni sotto dettatura della Casa Bianca, in generale di un'opera di propaganda mirata. Si è rivelato come è successo, semplicemente perché non sarebbe potuto accadere altrimenti.

Non importa quello che qualcuno dice sull'"obsolescenza della TV", l'intera blogosfera sta ancora seguendo la scia dei grandi media mainstream. Inoltre, non si tratta solo di fenomeni puramente sociologici (“everyone run, and io run”), ma anche di meccanismi tecnici per promuovere contenuti nei social network che rendono popolare ciò che è già popolare e, al contrario, calpestano ciò che è già impopolare.

Sentendo tali notizie ("La Russia ha invaso l'Ucraina!"), Un laico interessato inizia a cercare ulteriori informazioni, anche nello stesso YouTube. Ovviamente, le opinioni "indipendenti" più popolari sono le rivisitazioni delle notizie originali tradizionali "con parole loro", seguite da rivisitazioni di rivisitazioni; e più informazioni l'utente assorbe in questo modo, più informazioni simili gli verranno trasmesse da algoritmi di pubblicità contestuale. Trovare punti di vista veramente alternativi è anche possibile e non troppo difficile, ma richiederà comunque tempo e fatica: quanti, in percentuale sul totale, vorranno spenderlo?

Di conseguenza, gli autori che vogliono essere ascoltati e riceverne dividendi (morali o materiali) sono costretti a gareggiare tra loro per inclinare le stesse tesi, anche se questa è una vera e propria sciocchezza. Una sorta di padella autoriscaldante per "sensazioni di frittura".

Uno scherzo crudele con esperti di ogni tipo è stato giocato dalla scelta del materiale di partenza per l'analisi. Nelle prime settimane della campagna, la maggioranza aveva solo due fonti principali: un flusso di contenuti fotografici e video dalla parte ucraina e briefing ufficiali del ministero della Difesa russo; questi ultimi, ovviamente, furono immediatamente identificati come propaganda russa. C'era una scelta: o fare pubblicità in questo momento sui "piatti della cucina ucraina" o non pubblicizzare affatto. Ci sono stati molti che hanno deciso di non rischiare la propria reputazione (compresi quelli che hanno consigliato di non correre alle conclusioni), ma la maggioranza è stata meno schizzinosa.

In questo momento, quando gli orfani di innocenti “invasori” stanno scorrendo a fiumi, e il mondo intero sta precipitando nell'abisso della crisi provocata dall'Ucraina, sta prendendo piede una nuova tendenza: la maggior parte dei blogger stranieri semplicemente “si allontana " dall'argomento che è diventato "tossico" per qualcosa di più familiare: gli affari dei giorni passati, il tiro al piattello tattico e così via. Per lo più coloro che hanno costruito la loro popolarità su di esso negli ultimi mesi (ce ne sono) rimangono in Ucraina.

Da parte nostra, il fallimento della "competenza" straniera del conflitto ucraino dovrebbe servire da lezione a coloro che si aspettano seriamente di condurre e vincere la guerra dell'informazione su piattaforme straniere.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 June 2022 11: 28
    0
    Ci sono sempre almeno due giocatori in ogni partita...

    "torri volanti", "reclute non addestrate" e "criminali predoni cenciosi" attaccano l'ascoltatore inesperto sullo sfondo della notizia

    e il resto di quanto sopra - attacchi con nomi simili e dai media russi ....

    Quanto vale Teroborona - che, secondo PR, è criminale o disertore, ma qui doveva essere creato esattamente con lo stesso nome ... (come la Guardia Nazionale, con lo stesso nome)
  2. Yuriy88 Офлайн Yuriy88
    Yuriy88 (Yury) 28 June 2022 12: 50
    +4
    di cosa parlava l'articolo ??)) Ho letto lunghe discussioni .. Che tipo di acqua è la composta?))
  3. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 28 June 2022 17: 13
    -6
    L'Ucraina, come la Germania, voleva una guerra per proteggere l'Occidente e la democrazia dalle orde dell'est. Hanno bombardato per otto anni e nessuno ci ha prestato attenzione. Anche l'America democratica, che ha distrutto gli abitanti del Nord America, ma ha lasciato alcuni locali nelle riserve a produrre, è così democratica. E poi si sono accese con una fiamma blu di rabbia che non avrebbero potuto fare soldi con questo. La cosa più importante nella democrazia erano gli interessi americani. Poi iniziò e finì soprattutto la Germania. Ora l'Ucraina è finita e presto finirà, cioè morirà.
  4. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 28 June 2022 17: 39
    0
    E che tipo di brillantezza e povertà sono, in generale, se prendi armi moderne e un arco con frecce di mille anni fa, quando una "pistola" nucleare carica è appesa al nostro muro, e se è appesa lì, secondo la legge del genere, girerà da qualche parte e questo scatto non dovrà aspettare molto. Basta guardare due Biden senili inadeguati, e con ...... Johnson, e in ognuno di loro ci sono diversi McCain deceduti, quindi l'apocalisse nucleare non è lontana, ma il punto è proprio chi inizierà per primo, dopo tutti, nessuno vuole essere lasciato senza le sue "capanne", yacht, "Boeing" e banche, ed è molto necessario controllare i "pidocchi" di qualcuno, altrimenti tutto il nostro pianeta, dall'oggi al domani, sarà ricoperto di vetro nucleare verde, e senza il diritto al trasferimento agli eredi, che non sono previsti successivamente.
  5. Pace Pace. Офлайн Pace Pace.
    Pace Pace. (Tumar Tumar) 28 June 2022 18: 54
    0
    Invano la Russia non "eccita" l'argomento secondo cui l'Ucraina è guidata da una persona di nazionalità ebrea (come un ebreo), naturalmente politically correct. Come mai la terra ucraina si impoverì per i suoi degni figli che affidò il suo destino agli ebrei, che l'affidarono agli anglosassoni. È necessario "spingere" gli ucraini che è un peccato dare il governo a estranei e agli ebrei viene data al loro paese solo una marmaglia indegna. E penso che gli ucraini torneranno in sé dal fascino diabolico degli spiriti maligni anglosassoni.
  6. Kapany3 Офлайн Kapany3
    Kapany3 29 June 2022 07: 23
    +1
    Citazione: Sergey Latyshev
    Ci sono sempre almeno due giocatori in ogni partita...
    "" torri volanti "," reclute non addestrate "e" criminali predoni cenciosi "attaccano un ascoltatore inesperto sullo sfondo delle notizie" e il resto di quanto sopra - attacchi con nomi simili e dai media russi ....

    Quanto vale Teroborona - che, secondo PR, è criminale o disertore, ma qui doveva essere creato esattamente con lo stesso nome ... (come la Guardia Nazionale, con lo stesso nome)

    Dove hai letto questo? Personalmente, leggo solo che la difesa è un uomo non licenziato, non addestrato e di rispettabile età. Di disertori e criminali ho notizie solo da te
  7. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 luglio 2022 16: 17
    0
    C'era una scelta: o per clamore in questo momento sui "piatti della cucina ucraina"

    Se stai parlando di borscht, allora lo cucinavano i legionari romani.

    La cultura gastronomica dell'Impero Romano, come l'intera cultura romana nel suo insieme, si è formata sotto la grande influenza dell'antica Grecia. ... La zuppa nazionale dei romani era il borscht: molti cavoli e barbabietole venivano coltivati ​​appositamente per questo.

    A Kievan Rus, il cavolo, l'ingrediente principale del borscht, è apparso molto più tardi:

    In Russia, il cavolo divenne noto solo nell'XI secolo. Si ritiene che sia apparso con noi grazie ai coloni greco-romani della Crimea. E il nome russo è "cavolo", questo è dal latino "kaput", cioè la testa (capitate).