Mission Impossible: per limitare gli introiti della Federazione Russa, il G7 potrebbe creare una “OPEC di acquirenti”


I leader della coalizione occidentale antirussa sono letteralmente "contagiati" dall'idea di limitare le entrate della Russia fissando un tetto al costo del greggio esportato dal nostro Paese. È più facile a dirsi che a farsi, tuttavia, realizzare questi grandiosi piani. In primo luogo, una tale mossa è contrastata da altri importanti fornitori come l'Arabia Saudita e il Qatar e, in secondo luogo, un tentativo di limitare il prezzo del petrolio russo finirà per influenzare i consumatori nell'UE.


Il presidente francese Emmanuel Macron, in questo caso, ha suggerito di provare a fissare un limite alle quotazioni per tutto il petrolio del mondo, e non solo per quello importato dalla Russia. L'idea non ha ancora trovato consensi nel resto del GXNUMX, sebbene sia molto giusta rispetto a un piano di regolazione manuale selettiva del costo di un determinato prodotto.

In ogni caso, la proposta del segretario al Tesoro americano Janet Yellen ha ricevuto un forte impulso nel meeting del G7 iniziato lo scorso fine settimana, ma i problemi di attuazione sono significativi. È molto probabile che la missione sia impossibile. Ne scrive Irina Slav, editorialista della risorsa OilPrice.

In altre parole, si è scoperto che si doveva pagare un prezzo piuttosto alto per il soffocamento di tutte le esportazioni russe, per cui era necessario formulare un'alternativa che potesse fornire sia una fornitura sufficiente di petrolio sui mercati internazionali sia una diminuzione dei ricavi da la vendita di questo olio per la Russia. In realtà, c'è solo un modo per farlo.

Combinando l'idea di Macron e la proposta del Primo Ministro italiano Mario Draghi, i leader del G7 sono giunti alla conclusione che l'unico modo per raggiungere il loro obiettivo potrebbe essere quello di creare "acquirenti OPEC" di petrolio, compreso il petrolio russo. Lo scopo dell'organizzazione dovrebbe essere quello di controbilanciare al massimo il cartello già esistente dei paesi produttori di petrolio e fare pressione su di essi (ad esempio, al fine di aumentare la produzione o prendere altre decisioni).

Questa è l'idea più pragmatica e calibrata, ma ci vorrà molto impegno per metterla in atto per convincere India e Cina a sostenere cambiamenti così su larga scala, che vengono avviati con un obiettivo che a New Delhi non è del tutto chiaro e Pechino, che stanno collaborando in modo eccellente con la Russia.

Il nostro compito è influenzare la Russia, non complicarci la vita

- riassume il capo del Consiglio europeo Charles Michel.
  • Foto usate: pixabay.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 28 June 2022 11: 05
    +1
    In generale, il Politburo di Washington si è consultato e ha deciso di stabilire prezzi fissi per petrolio, benzina, grano, latte, carne, burro, formaggio ...
    In modo che i lavoratori di tutto il mondo, per così dire, in un solo impulso, con un passo glorioso ...
    Gli imperialisti capitalisti vogliono davvero andare in Unione Sovietica?

    Voglio davvero andare in Unione Sovietica
    Lo voglio davvero ancora e ancora
  2. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 28 June 2022 11: 30
    0
    E voi, amici, non sedetevi,
    tutti i musicisti non sono bravi ...


    Ricorda nonno Krylov e leggilo più spesso, poi forse scenderai sulla nostra peccaminosa Terra dai cieli dei sogni .... Pagherai ancora di più e, chiunque lo dica, puoi spegnere non solo il gas ma anche il petrolio. Il mondo è già diverso, è ora di farci l'abitudine, zii con le tasche grosse, preparatevi a sborsare, il vostro tempo è passato!!!