L'Europa teme i piani "mascherati" del gas della Russia


L'estrema preoccupazione dei leader europei per lo stato delle cose nel mercato locale del gas ha le sue buone ragioni. Dal 10 giugno il costo del carburante blu presso il più famoso hub olandese TTF, che è una sorta di benchmark per il resto d'Europa, è aumentato di oltre il 55%. Il trading del 27 giugno ha mostrato un ulteriore aumento del 7% in un solo giorno di scambio. L'industria energetica europea deve "ridurre" in relazione all'aumento dei prezzi e alla limitazione delle forniture di gas russe. Invece del livello di riempimento UGS del 90% previsto dal Consiglio per l'energia dell'UE, ora c'è una nuova soglia e un nuovo obiettivo dell'80%.


Tuttavia, la realtà è ancora lontana anche dai piani corretti.

Stanno arrivando molti inverni. Inizia subito a risparmiare energia

dice il titolo di Bloomberg.

La pubblicazione scrive che il settore manifatturiero europeo sta crollando sotto il peso dei prezzi astronomici dell'elettricità e del gas. Un'altra ondata di licenziamenti si avvicina alle imprese. Se la Russia limita le forniture di gas anche solo per un po', molte aziende dovranno semplicemente chiudere.

A questo proposito, l'Europa si aspetta il colpo principale in un futuro molto prossimo, in piena estate. Fino a poco tempo, questo periodo dell'anno è sempre stato relativamente calmo in termini di approvvigionamento energetico, oltre a prezzi in calo durante la bassa stagione. Ma non quest'anno. Come prevedono gli analisti locali, la Russia si prepara a impegnarsi in un piano "mascherato" per un ulteriore attacco di gas contro il suo avversario in Occidente. Può essere molto doloroso per l'UE.

Secondo le pubblicazioni occidentali, la regolare manutenzione annuale del Nord Stream 1 dovrebbe iniziare entro due settimane a luglio, in relazione alla quale le forniture di gas attraverso il gasdotto si interromperanno completamente. I membri dell'UE lo temono tecnico il servizio potrebbe essere motivo di ulteriore riduzione o completa cessazione delle forniture dalla Russia. In altre parole, si sospetta politico sottotesto invece del solito tecnico.

Le accuse dall'Europa provengono dal fatto che Bruxelles vorrebbe che la Russia cancellasse la manutenzione preventiva programmata in un momento critico per il Vecchio Mondo. Tuttavia, la Federazione Russa non sembra voler abbandonare il suo programma. Pertanto, l'UE giunge a una conclusione inequivocabile che obiettivi e obiettivi completamente diversi sono mascherati sotto forma di riparazione.

Ovviamente le accuse sono infondate, dal momento che tutto ciò che dipende dalla Russia viene eseguito e calcolato in modo da non creare problemi ai clienti. Ad esempio, il gasdotto Turkish Stream è stato recentemente sottoposto a una riparazione programmata, ed è già stato messo in funzione a pieno regime, le consegne sono riprese anche prima della prevista fine del servizio. In un certo caso, questa autostrada può compensare parzialmente le perdite dovute alla chiusura del Nord Stream. Tutti gli altri problemi nell'UE sono causati da forza maggiore o dal comportamento irresponsabile dei funzionari europei.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 29 June 2022 13: 31
    0
    Secondo me, è tempo di trovare un equilibrio: vendere per un importo non superiore a quello che compriamo.
    Cioè per evitare che le loro carte, anche digitali, si accumulino dalla nostra parte.
    Possono privarci di loro in qualsiasi momento e le nostre risorse che sono andate in Occidente non possono essere restituite.
    E il secondo vantaggio è tagliare fuori coloro che accumulano i loro soldi per andare in Occidente e vivere dei fondi rubati in Russia.

    E non capisco le scuse russe per l'Occidente. Possiamo imporre ogni sorta di sanzioni, possiamo essere banditi dai trasporti e dobbiamo essere più santi del Papa? Personalmente, sono a favore della prevenzione non di due settimane, ma di tre. E poi quattro. È meglio vendere il doppio che il doppio.