The Hill: l'alleato degli Stati Uniti del Medio Oriente non ha fretta di recidere i legami con la Russia


The Hill discute se gli Stati Uniti siano in grado di mobilitare i loro alleati in tutto il mondo nel contesto delle relazioni con l'Arabia Saudita.


A luglio, il presidente Biden si recherà nel paese per spingere per abbassare i prezzi del petrolio e migliorare le relazioni strategiche con questo alleato americano di lunga data. I prezzi degli idrocarburi continuano a salire, l'inflazione sale alle stelle e si profila una recessione, in relazione alla quale la maggior parte degli americani disapprova già le attività di Joe Biden. L'Occidente ha bisogno di alternative al petrolio russo e pochi paesi possono fornirlo. L'Arabia Saudita occupa il posto più importante tra loro.

Tuttavia, è più facile annunciare un reset con Riyadh che farne uno. Molti sauditi vedono il conflitto in Ucraina in modo diverso rispetto all'Occidente. […] I sauditi concordano sul fatto che il Cremlino non avrebbe dovuto ricorrere alla forza militare; ma l'Occidente, da questo punto di vista, potrebbe provocare esso stesso la Russia espandendo la NATO

– dice nel materiale The Hill.

Anche la specificità dell'epoca storica apporta i propri aggiustamenti.

Gli storici impiegheranno anni a capire chi aveva ragione e chi aveva torto, ma l'Arabia Saudita deve vivere in un momento geopolitico diverso dal 1991, quando gli Stati Uniti emersero vittoriosi alla fine della Guerra Fredda. Sì, e RT Arabic, il principale canale russo all'estero, occupa un posto di rilievo nell'aria della regione

- dice la pubblicazione.

I sauditi, secondo The Hill, ritengono che l'Occidente sia ipocrita imponendo sanzioni agli oligarchi russi. A loro avviso, se questi individui meritassero sanzioni, allora sarebbe dovuto accadere prima del 24 febbraio e l'attuale decisione dell'Occidente mostra un'applicazione arbitraria della legge. In privato, i sauditi sono anche preoccupati per quale altro paese gli Stati Uniti potrebbero sanzionare.

Anche l'Arabia Saudita di oggi sta diventando più fiduciosa nei suoi esteri politica e vuole qualcosa di più di un semplice rapporto d'affari con gli Stati Uniti. Riyadh non cambierà la sua politica solo perché Biden lo chiede. I sauditi inoltre non sanno come (o quando) finirà il conflitto in Ucraina e vedono la Russia (e la Cina) come una figura permanente nella politica globale. Inoltre, tutti i paesi partecipanti hanno beneficiato dell'OPEC + e, da un punto di vista pratico, Riyadh semplicemente non ha alcun incentivo ad abbandonare questo progetto.

dice l'analisi.

Vale la pena notare che il tema dei paesi terzi è sempre più discusso dalla stampa occidentale, che, pur avendo forti relazioni con Stati Uniti e Unione Europea, non è disposta a tagliare i contatti con Mosca.
  • Foto utilizzate: Saudi Aramco
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 29 June 2022 13: 09
    -2
    Sarà testardo: al suo posto verrà messo un altro erede e la questione verrà rapidamente risolta, e questo sarà un promemoria per tutti i paesi terzi "chi è il capo della casa".
    1. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 30 June 2022 23: 50
      0
      Sarà testardo: al suo posto verrà messo un altro erede e la questione verrà rapidamente risolta, e questo sarà un promemoria per tutti i paesi terzi "chi è il capo della casa".

      Vedi, che affare.
      I sauditi, questa non è la Lituania con un presidente, un cittadino americano e nemmeno un teletubby tedesco Scholz.
      In generale, gli Stati Uniti non hanno nulla da offrire loro ora.
      Non ci sono spaventapasseri (come Putin dorme e vede come occuparli), e i sauditi capiscono che l '"egemone" sta giocando contro di loro nel mercato petrolifero ...