È possibile trasformare il progetto UDC 23900 in una "portaerei"


Nel 2020, presso il cantiere Zaliv di Kerch, sono state posate due navi da sbarco universali del progetto 23900. La Ivan Rogov e la Mitrofan Moskalenko diventeranno le prime vere portaelicotteri della Marina russa, il che rappresenta senza dubbio un grande passo per rafforzarla. Tuttavia, dopo i drammatici eventi nel Mar Nero, l'autore di queste righe ha incontrato una raffica di critiche riguardo all'UDC come una classe di navi, presumibilmente del tutto irrilevante nell'era dei missili anti-nave con base costiera. É davvero?


Navi inutili ed enormi bersagli galleggianti?


Questo punto di vista è condiviso dalle cosiddette portaerei, persone sinceramente convinte che il tempo delle navi di superficie di grande capacità sia ormai passato, come sarebbe confermato dalla morte dell'incrociatore missilistico Moskva nel Mar Nero. In alternativa, propongono di costruire esclusivamente piccole imbarcazioni della "flotta di zanzare", apparentemente per renderle più difficili da colpire con missili antinave. Il fatto che esista una connessione diretta tra lo spostamento di una nave da guerra e il numero di armi offensive e d'attacco che possono essere stipate nel suo volume è completamente ignorato. Lascia fare.

Torniamo alle navi da sbarco universali, chiamate dai sostenitori di questo approccio "vasche enormi inutili", facili da affondare fin dalla riva con 1-2 missili antinave. Nella migliore delle ipotesi, riconoscono all'UDC il loro ruolo di grande ospedale galleggiante, base di costruzione navale e nave di comando e controllo. Bene, c'è del vero in questo.

Le navi d'assalto anfibie universali apparvero davvero come risultato della comprensione dei risultati della guerra del Vietnam, quando gli americani dovettero operare nel raggio d'azione dell'artiglieria costiera dei patrioti vietnamiti. Si è scoperto che erano necessarie navi che combinassero le funzioni delle navi comando, che consentissero di coordinare lo sbarco di truppe e controllare la battaglia, di consegnare forze speciali sulla costa con elicotteri e anche via mare con l'aiuto di sbarchi speciali attrezzatura. Gli elicotteri d'attacco avrebbero dovuto supportare l'atterraggio, e successivamente il Corpo dei Marines ha ricevuto il proprio aereo F-35B a decollo corto e atterraggio verticale, che ha aumentato significativamente la loro potenza di fuoco.

Cosa potrebbe fare oggi Mitrofan Moskalenko, se fosse la nuova nave ammiraglia sul Mar Nero? Si sarebbe lasciato annegare ingloriosamente dalle forze armate ucraine con 1-2 missili anti-nave, o avrebbe aiutato a fare un atterraggio di successo vicino a Odessa? La domanda è complessa e la risposta dipenderebbe direttamente dalla qualità del comando e della pianificazione.

Ovviamente un UDC quasi disarmato da solo non può essere utilizzato, necessita di una scorta adeguata di almeno 2-3 fregate e corvette moderne. L'unico armamento offensivo della nave d'assalto anfibia è la sua ala aerea, ma durante l'atterraggio, gli elicotteri d'attacco svolgeranno solo una funzione ausiliaria. Prima di eseguire un'operazione così estremamente pericolosa, l'intera costa deve essere trasformata in una sorta di paesaggio lunare con l'aiuto dell'aviazione, della costa o del ponte. Nel caso di Odessa, questa può essere solo l'aviazione costiera degli aeroporti della Crimea. Solo allora l'UDC dovrebbe prima inviare forze speciali in elicotteri, quindi avvicinarsi alla costa a una distanza di 25-30 chilometri e iniziare a sbarcare le forze di spedizione via mare. Gli elicotteri d'attacco, insieme ai caccia, devono controllare costantemente la situazione, dominando l'aria. Solo dopo avrebbero potuto iniziare a scaricare sulla costa attrezzatura BDK convenzionale "ficcando" il naso nella spiaggia del Mar Nero.

Ecco come sarebbe dovuta essere l'operazione di sbarco russa vicino a Odessa, se fosse effettivamente avvenuta in condizioni ideali. Anche se il comando della flotta decidesse di limitarsi alla sola simulazione dei preparativi per lo sbarco, dirottando forze significative delle Forze armate ucraine, l'UDC sarebbe comunque di grande utilità.

In primo luogo, "Mitrofan Moskalenko" potrebbe essere utilizzata come nave di comando e personale, conducendo ricognizioni aeree con elicotteri Ka-31 AWACS e coordinando le azioni della flotta, dell'aviazione e delle forze di terra.

In secondo luogo, ci sarebbe sicuramente un lavoro per lui come per un grande ospedale galleggiante. Si può solo immaginare quante vite si sarebbero potute salvare durante il confronto per l'isola di Zmeiny o le piattaforme di perforazione di Chornomorneftegaz, se fosse stato possibile consegnare rapidamente i feriti gravi con gli elicotteri direttamente nella sala operatoria dotata di moderne attrezzature.

Quindi una nave da sbarco universale sarebbe utile anche nel Mar Nero. Se solo fosse lì.

Sorprendentemente, anche alcuni noti sostenitori della costruzione di una flotta di portaerei hanno preso le armi contro le portaelicotteri.

Da una parte, ammettono che l'ala aerea dell'UDC aumenta significativamente le capacità di combattimento della formazione navale in cui va. Gli elicotteri AWACS Ka-31 basati su portaerei sono in grado di condurre ricognizioni aeree e fornire dati per la designazione del bersaglio ai missili da crociera. Gli elicotteri d'attacco possono affondare piccole navi, caratteristiche della "flotta delle zanzare", e con una certa modernizzazione, fornire persino difesa aerea abbattendo missili antinave che volano contro le navi. Nella versione antisommergibile, l'ala aerea della portaelicotteri è in grado di fornire copertura di difesa antiaerea, ricercando, rilevando e distruggendo continuamente i sottomarini nemici. Tutti insieme vale molto, confermeranno i marinai militari.

D'altronde, rispetto a una portaerei a tutti gli effetti, le capacità dell'UDC sono estremamente limitate. L'assenza di una catapulta non consente l'uso di un velivolo AWACS basato su portaerei e le caratteristiche prestazionali dell'elicottero Ka-31 sono molto inferiori ad esso. Il volume interno della nave da sbarco universale è dedicato al ponte dei serbatoi, agli ausili per l'atterraggio, alle cabine di pilotaggio per il comando e al battaglione dei marines, agli ospedali e altro ancora. L'ala aerea dell'elicottero svolge proprio il ruolo ausiliario. Anche se i tuoi caccia a decollo corto e atterraggio verticale fossero sul ponte, una portaerei così leggera non sarebbe in grado di condurre una battaglia aerea a tutti gli effetti, il massimo è la funzione del supporto antincendio per gli attacchi lungo la costa. Una portaelicotteri può infatti coprire in modo affidabile un'intera area dell'ASW, ma in mobilità è inferiore all'aviazione specializzata anti-sottomarino.


UDC del progetto 23900

La conclusione è che, contrariamente a tutti i tipi di storie dell'orrore, l'UDC è una nave molto utile in grado di svolgere un'ampia gamma di compiti e aumentare significativamente le capacità della marina. Ma è possibile in qualche modo aumentarli ancora di più?

Portaerei?


Senza pretendere di essere la verità ultima, vorrei fare alcune considerazioni sull'espansione del potenziale delle navi da sbarco universali. Sono stato ispirato a scrivere questo articolo идея creazione di dirigibili AWACS specializzati e persino difesa aerea per le esigenze dell'esercito russo. Ma allora perché non creare un dirigibile a ponte per la Marina russa?

Uno dei problemi più seri della marina russa, i marinai non ti lasceranno mentire, è la ricognizione e la designazione del bersaglio. Non basta avere a bordo potenti missili, devono comunque essere puntati proprio sul bersaglio, e se si muove, e anche a una velocità di 30 nodi? È bello avere un sistema di difesa aerea basato sul mare, ma è ancora meglio vedere un missile antinave sparato e volare basso sopra la superficie dell'acqua in tempo e puntare su di esso i tuoi missili antiaerei.

Nella Marina degli Stati Uniti, questo problema viene risolto dagli aerei AWACS basati su portaerei, che vengono lanciati dalle loro pesanti portaerei nucleari utilizzando catapulte. La Marina russa non dispone di un proprio aereo AWACS basato su portaerei, né di una vera e propria portaerei con catapulta, ad eccezione del TAVKR mezzo morto "Admiral Kuznetsov", dotato solo di un trampolino di decollo sul muso . Inoltre non disponiamo ancora di droni AWACS, gli elicotteri Ka-31 AWACS non sono numerosi e hanno caratteristiche prestazionali limitate rispetto ai velivoli AWACS americani. Ma perché non sviluppare una versione senza pilota dei dirigibili AWACS per le esigenze della Marina russa?

Ad esempio, il Dolgoprudnensky Design Bureau of Automation (DKBA) ha già sviluppato un dirigibile multifunzionale DP-3 con una capacità di carico di 3 tonnellate. Il volume della conchiglia è di 12 metri cubi. m di elio, potenza del motore - 000x2 l. s., autonomia massima di volo - 420 km, altitudine massima (sul livello del mare) - 3000 km, velocità massima - 3,0 km / h, durata massima del volo - 90 ore. L'equipaggio dell'aereo è di 44,7 persone. Il progetto è iniziato come parte di un ordine di difesa, sulla base della quale è possibile creare un'intera famiglia di dirigibili di varie dimensioni e scopi: una pattuglia d'alta quota, una piattaforma di salvataggio, un'unità medica di laboratorio volante, un frigorifero mobile, la consegna di spostare i team in campi remoti, geo-prospecting e così via.

Ad esempio, può essere un dirigibile AWACS basato su portaerei in una versione senza pilota, basata sull'UDC. A seconda del design, questi velivoli sono morbidi, semirigidi e rigidi. In base alle esigenze del cliente, possono essere sviluppati dirigibili semirigidi prefabbricati, riempiti di elio direttamente sulla nave e decollati dal ponte di una portaelicotteri. Un tale UAV è in grado di rimanere in aria per molto tempo, molto più a lungo di un aereo AWACS e ancor più di un elicottero, e di condurre ricognizioni. Se sulla nave da sbarco viene fornito uno speciale albero di ormeggio sull'isola della sovrastruttura, il dirigibile senza pilota può periodicamente attraccare ad essa e rifornire la fornitura di carburante ed elettricità. Se necessario, possono essere sbarcati sul ponte, mantenuti o smontati.

Come opzione, è possibile creare dirigibili senza pilota in versione anti-sottomarino, che trasporteranno boe speciali, attrezzature di ricerca e armi d'attacco contro i sottomarini. In questa modalità, da un UDC, è possibile lanciare e far funzionare continuamente più dirigibili contemporaneamente: AWACS e PLO. Con un'ala aerea così aggiornata, la portaelicotteri aumenterà radicalmente le sue capacità di combattimento, eliminando molti problemi con la ricognizione aerea e la designazione del bersaglio, oltre a consentire il controllo su vaste aree d'acqua.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 29 June 2022 17: 38
    +1
    Il dirigibile è un bersaglio troppo grande per essere individuato e distrutto rispetto all'UAV e, inoltre, è lento parlarne seriamente
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 29 June 2022 17: 41
      -2
      E l'aereo AWACS non gira vicino al campo di battaglia. La velocità di movimento dei moderni dirigibili è paragonabile agli UAV.
    2. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 1 luglio 2022 17: 44
      -2
      E se lo fai - una portaerei, dovrebbe essere meno evidente.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 29 June 2022 23: 14
    +2
    Una buona idea . UDC 200-230 metri, e su di esso ci sono 2-3 dirigibili DP-3 della Marina, lunghi 70 metri.
    C'è una scuola di costruzione di dirigibili, visibilità, deriva, ambiente marino aggressivo non è un ostacolo

    Stupidi cinesi, giapponesi, indiani, europei non lo fanno, quindi non lo hanno fatto.)))
  3. Expert_Analyst_Forecaster 30 June 2022 06: 16
    +2
    Un altro progetto in cui puoi aumentare il denaro e il tempo in modo da ridurre le questioni necessarie e urgenti.
    La tendenza comunque!
  4. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 30 June 2022 15: 01
    0
    È possibile trasformare il progetto UDC 23900 in una "portaerei"

    Sembra più realistico dotarlo del numero necessario di UAV della nomenclatura appropriata ...
  5. vlad127490 Офлайн vlad127490
    vlad127490 (Vlad Gor) 1 luglio 2022 23: 19
    0
    Posso immaginare che l'UDC con un dirigibile legato oltrepassi il Bosforo, il Mar Mediterraneo sta prendendo d'assalto 6-7 punti, si staccherà e volerà in Turchia o in Europa. Fantasia. Equipaggia l'UDC con buoni UAV con AWACS e lasciali volare per giorni, centinaia di metri sono sufficienti per far decollare e atterrare gli UAV. Il dirigibile AWACS è necessario sul territorio della Federazione Russa.
  6. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 2 luglio 2022 00: 14
    -1
    l'autore ha superato se stesso, mi ha dedicato metà dell'articolo, cercando di distruggere le mie argomentazioni, ma non l'ha mai fatto, ..... titak, nessun atterraggio e l'UDC potrà atterrare, perché se Odessa diventa un paesaggio lunare , allora scomparirà la necessità di atterrare, del tutto frivolo scrivere di una nave quartier generale, o di un ospedale galleggiante, se non è stato risolto il problema della sopravvivenza di grandi navi di superficie in mare aperto con abbondanza di missili costieri antinave affatto, per distrarre tutti dalla debolezza della sua posizione, l'autore ha deciso di inventare ancora più sciocchezze sui dirigibili .... .... giovanotto frivolo, tutti questi UDC sono inutili in una vera guerra, come incrociatori, li usiamo come trasporto di armi esclusivamente in tempo di pace.
  7. navigatore Офлайн navigatore
    navigatore (Andrew) 3 luglio 2022 21: 27
    +1
    Ho letto il titolo dell'articolo e non ho letto oltre. Il passo successivo è un articolo intitolato "quanto sono pericolose le bombe di gomma per il blocco NATO".
  8. Alessio Karpenko Офлайн Alessio Karpenko
    Alessio Karpenko (Aleksey Karpenko) 6 luglio 2022 12: 57
    0
    Considerata l'attuale situazione politica ed economica, sullo sfondo della quale è apparsa questa lettura, è lecito affermare che il destino del progetto UDC 23900 non è invidiabile. In altre parole, semplicemente non lo faranno.