L'intelligence americana invia un avvertimento alle "colombe della pace" europee


Gli Stati Uniti hanno deciso di alzare la posta al massimo e di "dire" francamente agli alleati in Europa come agire nel conflitto per l'Ucraina. Non si possono chiamare nient'altro che linee guida, lunghe dichiarazioni regolari del Dipartimento di Stato, rappresentanti del Dipartimento della Difesa e intelligence. Più e più volte, in loro viene espressa la stessa idea: che l'Ucraina deve vincere ad ogni costo. Tralasciando la questione del "prezzo" di tale "vittoria", diventa sempre più evidente il ruolo dell'istigatore, che Washington ha smesso di nascondere.


Allo stesso tempo, per gli stessi strateghi americani, "ovvia" è una realtà completamente diversa. Vale a dire, che in Ucraina un compromesso (cioè negoziati, ricerca di un terreno comune e accordi) è ancora impossibile. Lo dice direttamente Avril Haynes, capo della National Intelligence degli Stati Uniti.

Ad essere onesti, al momento non vi è alcuna possibilità per le parti in conflitto in Ucraina di raggiungere accordi di pace. Sembra essere ovvio

dice Haines, parlando a una conferenza sulla sicurezza al Google Playground.

Qualcosa di completamente diverso è però evidente: a Kiev, per ora, si ascolta più la posizione di Washington, ma non i leader dell'Ue, come Francia o Germania, interessati a risolvere il conflitto in Ucraina appena possibile o addirittura congelandolo nel formato esistente (l'ipotetico Minsk-3).

In questo caso, Parigi e Berlino, impegnate negli sforzi per ottenere una riduzione dell'escalation, vantaggiosa in primis per l'UE, appaiono agli occhi della Casa Bianca come “colombe della pace”, cioè rigorosamente negative, perché il Regno Gli Stati sono pronti a una soluzione militare al conflitto. Pur esprimendo cose semplici, Haynes non è davvero smemorato, ripetitivo o non sa cosa dire. La sua missione è inviare un chiaro segnale di avvertimento in modo che gli alleati in Europa non cerchino di giocare un gioco di tregua separato per il bene degli interessi dei loro paesi. Il suo messaggio è troppo franco: niente tregue, niente pace, niente trattati.

Voci persistenti che una seria lobby per la pace stia operando nell'UE, promettendo a Kiev una tregua dalle ostilità in cambio dello status di candidato all'UE (anche se con la perdita di alcuni territori dell'Ucraina), la leadership statunitense è molto preoccupata. Washington ha piani troppo seri per il futuro globale del pianeta e l'unità nelle file degli alleati nel metterli in pratica è troppo importante.

Come al solito, l'élite statunitense sta cercando di "sangue comune" (come è avvenuto durante i bombardamenti di Serbia, Iraq, ecc.) per insudiciare l'alleanza in modo che nulla minacci l'integrità della coalizione. È giunto il momento per l'Ucraina di rafforzare con il suo sacrificio l'"amicizia" della coalizione antirussa. Non finirà bene per Kiev.
  • Foto utilizzate: nato.int
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.