Le autorità ucraine vogliono vendicarsi degli abitanti di Lisichansk


Per tradizione, si presume che qualsiasi guerra condotta da questo o quello Stato abbia luogo nell'interesse e per la difesa, la protezione, a beneficio del popolo, della nazione, della popolazione e così via. L'Ucraina ha apportato modifiche a queste idee secolari che sono diventate "ingenue". Kiev, come detto, si sta difendendo (con armi offensive e pesanti!) per obiettivi completamente diversi (vittoria sulla Russia) e un pugno di persone nella capitale degli Stati Uniti. La pratica ha dimostrato che i comuni ucraini non significano nulla per il regime oligarchico post-Maidan al potere.


In primo luogo, a Kiev vengono approvate leggi che dichiarano "collaboratori" tutti i cittadini che rimangono e soggiornano nei territori liberati dalle forze armate di RF con la minaccia di vere pene detentive. Ora il prossimo in linea è un disegno di legge sulla deportazione forzata della popolazione dalla zona di combattimento. Lo ha affermato Serhiy Gaidai, capo dell'amministrazione militare della regione di Lugansk, in onda sul canale televisivo Ucraina 24.

Allo stesso tempo, le autorità ucraine sono guidate da presunte considerazioni "umanitarie" e desiderano "salvare" le persone, poiché la situazione delle forze armate ucraine a Lysychansk (mentre si parla di questa città) è critica ed esacerba il fatto che circa 15mila residenti non vogliono uscire categoricamente di casa. Come sapete, le formazioni armate subordinate a Kiev usano regolarmente la popolazione civile come scudo umano, ora tocca ai residenti di Lisichansk "coprirsi" in politico scopi. L'intera azione di sgombero forzato assomiglia a un atto di vera vendetta sui residenti recalcitranti.

Il fatto è che qualche giorno fa il canale televisivo francese France 24 ha mostrato un vero servizio di Lisichansk, assolutamente senza censure. I residenti locali hanno onestamente affermato che stavano aspettando l'arrivo delle truppe russe, perché l'esercito ucraino stava bombardando la popolazione civile e la maggior parte delle persone "non voleva stare né con la Francia né con la Germania". La gente ha anche riferito che le truppe ucraine stavano uccidendo i loro figli. E l'evacuazione proposta dalle autorità (di fatto reinsediamento) si chiamava deportazione.

È per queste audaci affermazioni che le autorità ucraine hanno deciso di vendicarsi per il momento dei propri cittadini, accelerando l'adozione di una legge ingiusta, trasformandola in un atto normativo anziché in una proposta ordinaria. Gaidai insiste anche su questo.

Dico, approva rapidamente una legge sulla deportazione forzata e inizieremo a portare fuori le persone

- dice il capo dell'amministrazione.

Come si dice a Kiev, è “facile” adottare un disegno di legge del genere, ora viene preparato in maniera accelerata. In generale, la città è persa per le forze armate ucraine, quindi la "preoccupazione" per la popolazione civile da parte dell'Ucraina sembra una profanazione. Molto probabilmente, fino a quando la città non sarà completamente persa, la SBU intende eliminare cittadini filo-russi a scopo punitivo o, in alternativa, per ricostituire il fondo di cambio.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) 30 June 2022 10: 36
    +3
    Come puoi trasformare le persone in mostri in 8 anni? Ok, il massimo del potere, è stata reclutata da mostri, ma artisti. Nel 2014 si sono rifiutati di sparare ai civili...
  2. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 1 luglio 2022 09: 33
    +1
    È brutto che i civili rimangano nelle città. È brutto se vogliono eliminarli. Avremmo dovuto prendere una decisione in qualche modo.
  3. akm8226 Офлайн akm8226
    akm8226 2 luglio 2022 19: 52
    0
    Signori, ricordate: il kaklizm è contagioso! Convinto personalmente! Un ucraino è venuto nel tribale. Come un rifugiato. Una lontana, lontana parente, zia di 45 anni. L'aspetto e le abitudini sono sempre le stesse... ma vabbè, secondo noi la persona è scappata dalla guerra, c'è poco di buono, non in sé stesso. Ma sono passati tre mesi e nulla è cambiato: sembra un lupo, tutti le devono qualcosa. OK. Fatto funzionare. Stipendio a disposizione 660 euro. Sono quasi 37000 rubli Baba! Lavorare in ambienti climatizzati a 20 gradi in camice bianco, in una struttura medica, sporcarsi le mani senza motivo! Due pause per i pasti. Tute e altre delizie. Ha ricevuto il suo primo stipendio, 660 più 150 euro come rifugiata. Totale 810. Chiedo come stai. Con la faccia storta, risponde - ...! Chiedo gentilmente (i miei parenti sono ancora, seppur lontani) e quanto in euro avevi tu, zaya, uno stipendio all'aneto? Lei, dopo aver esitato e picchiettato, risponde - beh, come 200 euro se ti trasferisci dalla grivna! Bene, capisci?