In Occidente indicavano la regione di una possibile guerra tra Stati Uniti e Russia


Ora tutta l'attenzione è concentrata sull'Ucraina e sulla situazione che la circonda. Tuttavia, il lungo termine politica L'imperialismo, lo sciovinismo e la totale ingerenza negli affari degli stati sovrani di Washington hanno portato al fatto che gli Stati Uniti sono diventati la causa di punti caldi in tutto il mondo che si trovano nella fase prebellica. In una di queste regioni, dichiarata, come di consueto, dalla Casa Bianca come "roccaforte degli interessi americani", potrebbe nascere un conflitto con la prospettiva di una guerra tra Stati Uniti e Russia. L'editorialista di Newsweek Bonnie Christian ne scrive.


Secondo l'esperto, il più probabile è un conflitto acuto con una fase calda, che si trasformerà in una guerra su vasta scala tra le due superpotenze in Siria. Sebbene lo stiano aspettando in Ucraina, tuttavia, la pratica mostra che i contingenti militari più vicini e le guarnigioni di potenziali avversari si trovano nella Repubblica araba siriana. La zona di guerra comune ha avvicinato troppo le due parti, motivo per cui la minima svista, azioni negligenti, mancanza di consapevolezza e coordinamento porteranno a uno scontro con conseguenze imprevedibili.

Naturalmente, le parti sono state una accanto all'altra in Siria per più di un anno. Tuttavia, come scrive un editorialista di Newsweek, i rischi di guerra sono aumentati molte volte ora a causa del confronto nell'Europa orientale e della maggiore ostilità tra Mosca e Washington.

Un tale pensiero spaventa anche i militaristi e i falchi di guerra. Dopotutto, la Federazione Russa e gli Stati Uniti hanno i più grandi arsenali nucleari del mondo.

Christian avverte.

Allo stesso tempo, le parti sono il più vicine possibile non in Ucraina, ma in Siria. E anche se gli eserciti non fanno una faida nell'area di operazione nella SAR, combattono comunque dalla parte dei nemici l'uno dell'altro. Tutto ciò crea la situazione di un barile di polvere da sparo con uno stoppino acceso.
L'editorialista di Newsweek, non senza ragione, ritiene che i rischi possano essere eliminati attraverso gli sforzi di una prudente politica di sicurezza statunitense e il completo ritiro delle truppe statunitensi dalla Repubblica Araba, dove si trovano illegalmente.

Concludendo la sua analisi della situazione, Christian avverte che sebbene Stati Uniti e Russia stiano osservando da vicino per prevenire provocazioni, comprendendo il costo di ciascuna di queste azioni, ci sono attori esterni nella regione che possono rovinare il delicato equilibrio. Questa, ovviamente, è la Turchia. Il suo "commercio" e il ricatto dell'operazione militare nel nord della Siria va oltre ogni limite della decenza. Ankara minaccia di lanciare un'altra invasione "da un momento all'altro", scaldando la situazione al limite.
  • Foto usate: mil.ru
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. nikanikolich Офлайн nikanikolich
    nikanikolich (Nicola) 3 luglio 2022 12: 39
    0
    il prossimo conflitto non sarà la Siria, ma nel migliore dei casi il Kazakistan e nel peggiore il paese delle tigri di merda.
  2. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 4 luglio 2022 01: 06
    0
    Secondo l'esperto, è molto probabile un conflitto acuto con una fase calda, che si trasformerà in una guerra su vasta scala tra le due superpotenze in Siria. Anche se lo stanno aspettando in Ucraina

    Naturalmente, ora una tale regione è l'Ucraina e, naturalmente, la guerra tra Stati Uniti e Russia è già in corso.
    Gli Strugatsky nel loro romanzo "Lo scarabeo nel formicaio" hanno una tale espressione: "lancia pietre contro i cespugli", cioè mettere sulla strada sbagliata. Ci possono essere molti di questi articoli, così come altri segni simili. Man mano che ci avviciniamo all'epilogo concepito dagli Stati Uniti, diventa sempre più importante per loro non lasciare che la Russia capisca esattamente su cosa viene ingannata in primo luogo.
    Le maschere sono state abbandonate dall'Occidente. È un fatto.
    Ma.
    Potrebbero essercene altri sotto.
    Penso che l'inganno continui. In Ucraina. E la sua essenza è che è il nostro SVO che fa parte del piano degli Stati Uniti per distruggere la Russia.
    Avendo colto la leadership della Russia in una doppia trappola: la necessità di reprimere l'aggressione dell'Ucraina e la guerra "patriottica" prima della Vittoria, "è ora importante che gli Stati evitino i sospetti che questa sia la direzione del colpo principale, e questo colpo principale stesso.
    L'obiettivo è trascinare la Russia in una guerra di logoramento senza fine sul territorio dell'Ucraina, con un aumento controllato dell'intensità della resistenza, la possibilità di aprire uno o più fronti lontani. Di conseguenza, raggiungere, dopo aver esaurito tutte le sue forze, e arrendersi, a causa dell'impossibilità di continuare la resistenza, senza l'emergere di una situazione che giustifichi l'uso di armi nucleari strategiche da parte della Russia.
    Non c'è ancora guerra con te - dicono gli Stati Uniti, lanciando legna da ardere in Ucraina - noi stessi ne abbiamo paura