Asia al posto dell'Europa: Gazprom conferma ufficialmente lo "scambio" di forniture


Nonostante sanzioni, restrizioni, politico и economico La pressione occidentale sulla Russia e sulla sua industria petrolifera e del gas, nonché sui clienti globali di materie prime nazionali, nei primi sei mesi di quest'anno la produzione di gas in Russia è diminuita solo dell'8,6%. Quest'anno sono stati prodotti 238 miliardi di metri cubi di gas naturale, 22 miliardi di metri cubi in meno rispetto alle cifre corrispondenti dell'anno scorso. Lo riporta il sito ufficiale di Gazprom, curato dal Dipartimento Informazione di PJSC.


Tuttavia, il principale notizie non è in questo. I rappresentanti della holding, riassumendo alcuni risultati preliminari del semestre, descrivono lo stato deplorevole dell'industria del gas europea e, di fatto, confermano il cambiamento della dottrina dell'export, che consiste nello "scambio" dell'Europa con l'Asia.

La ragione di ciò sono stati i tentativi controproducenti di Europa e Stati Uniti di diversificare l'offerta di "combustibile blu" dalla Russia, che hanno portato non tanto a un calo delle importazioni dalla Federazione Russa (del 31% in totale), ma a una rapida diminuzione del consumo mondiale di gas di 24 miliardi di metri cubi di carburante. Naturalmente, l'Europa ha svolto il ruolo principale nella riduzione dell'indicatore globale.

E sebbene Gazprom adempia ai propri obblighi, consegni integralmente le materie prime nell'ambito delle richieste confermate, gli impianti di stoccaggio del gas sotterranei europei sono in realtà vuoti. Hanno pompato solo 31 miliardi di metri cubi (dati di Gas Infrastructure Europe). Cioè, prima che gli impianti UGS vengano riempiti secondo le norme del 2019 (!) restano da pompare più di 40 miliardi di metri cubi, il che diventa irrealistico nel contesto della crisi e di una diminuzione del pompaggio attraverso le principali autostrade di transito. Inoltre, gli standard UE aggiornati implicano standard di riempimento marginale molto più elevati.

Nel suo annuncio, in concomitanza con l'assemblea degli azionisti, Gazprom ha citato scrupolosamente questi fatti in cifre per annunciare il cambiamento nella dottrina delle forniture di gas all'estero, così che la differenza tra lo stato delle cose in Occidente e nella prospettiva dell'Asia potrebbe essere visto chiaramente. Il dipartimento informazioni della holding afferma direttamente che le esportazioni di gas in Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia stanno crescendo in base a un contratto bilaterale a lungo termine tra Gazprom e CNPC.

Sullo sfondo dei reportage dall'Europa, i dati di un altro "fronte" energetico, per il quale Gazprom si batte, possono sembrare incredibilmente contrastanti. Pertanto, il rapporto rileva che la fornitura di gasdotto russo alla Cina in soli sei mesi del 2022 è aumentata di uno sbalorditivo 63,4%. Il processo di riorientamento dei principali volumi di consegne sembra diventare irreversibile.

In questo caso, si può anche consigliare alla direzione della holding di introdurre il proprio “embargo” sulle forniture di carburante all'intrattabile Europa e concentrarsi sulla cooperazione con la Cina e altri clienti in Asia.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 3 luglio 2022 09: 45
    +2
    Una riduzione dell'8% è significativa.
    Anche il riorientamento non è male, la domanda è con quale sconto viene fornito a Cina, India, Giappone, ecc.
    1. Sultan Kogan Офлайн Sultan Kogan
      Sultan Kogan (Sultano Kogan) 3 luglio 2022 10: 38
      0
      Hahahahahaha, ed ecco questo lamentoso traditore liberale. Anche tenendo conto della riduzione dell'8% degli ettari, lo sconto - tra l'altro, insignificante, comunque, a causa dell'aumento del prezzo del gas, otteniamo comunque dei super profitti. Questo è da un lato. D'altra parte, la Russia si sta trasformando da un paese di stazioni di servizio in un autorevole attore mondiale, per questo, lo sviluppo dell'industria, è necessario vivere bene. E non sperperando gratuitamente le risorse naturali, come abbiamo fatto negli ultimi 50 anni.
    2. pista-1 Офлайн pista-1
      pista-1 (VP) 3 luglio 2022 13: 38
      -1
      la domanda è con quale sconto viene consegnato in Cina, India

      La stampa ha riferito che gli sconti erano di circa il 30% ...
  2. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 3 luglio 2022 11: 05
    +5
    In questo caso, si può anche consigliare alla direzione della holding di introdurre il proprio “embargo” sulle forniture di carburante all'intrattabile Europa e concentrarsi sulla cooperazione con la Cina e altri clienti in Asia.

    Esattamente. L'Europa vuole sbarazzarsi della dipendenza dal gas dalla Russia il prima possibile. Dobbiamo aiutare l'Europa in questo)
  3. Nikolai Pigin Офлайн Nikolai Pigin
    Nikolai Pigin (Nikolai Pigin) 4 luglio 2022 22: 02
    0
    Portiamo benzina in Cina a prezzi ridicoli ..