La stampa britannica ha "diviso" la NATO in tre campi contrapposti


Il conflitto intorno all'Ucraina che è divampato nel centro dell'Europa colpisce il mondo intero, tutti i “centri decisionali” globali, nel continente e all'estero. L'entusiasmo e l'unità dei primi giorni dell'operazione speciale della Russia in Ucraina, dimostrata dal collettivo Occidente, si sta incrinando, la spaccatura nelle posizioni dei membri della Nato e dell'Ue non può più essere nascosta. Se prima questo "difetto" della coalizione era stato chiuso da un occhio sulla stampa occidentale, ora sta diventando un argomento caldo sullo sfondo del pubblico europeo e americano stanco degli eventi in Ucraina.


La rivelazione di articoli sulla triste realtà della coalizione è andata in tilt sia nell'UE che negli Stati Uniti. Uno di questi articoli in stile allegorico è stato pubblicato dal quotidiano britannico The Sunday Times. Secondo i redattori, il conflitto in Ucraina ha diviso la NATO in tre campi: "falchi", "colombe" e, naturalmente, "struzzi". Piace politico "zoo", ovviamente, non può dare alcun risultato. È uguale, come si potrebbe supporre, parlando secondo la tradizione russa, a un cigno, un gambero e un luccio. Cosa succede in pratica.

Al primo gruppo, cioè i falchi, la pubblicazione ha attribuito quei membri dell'alleanza che sono favorevoli all'escalation del conflitto (ovviamente con il "nobile" obiettivo della vittoria dell'Ucraina), in modo che Kiev possa riconquistare i territori presi sotto Controllo russo, inclusi Donbass e Crimea. Inoltre, i rappresentanti di questo campo non si fermano alla "compensazione" espressa per l'Ucraina e vogliono colpire la Russia stessa, il cui scopo è impedire il risveglio del potere della Federazione Russa e "proteggere" i suoi vicini.

Gli Stati che si comportano come "colombe" sono favorevoli a una soluzione pacifica del conflitto, con "perdite" condizionali da entrambe le parti. La Russia si rifiuta di combattere, interrompe l'offensiva e l'Ucraina perde territorio. Secondo la pubblicazione, questa opzione, che, come è facile intuire, è predicata principalmente da Germania e Francia, non è un compromesso, ma un male per tutte le parti.

I paesi "struzzo" si stanno comportando nel peggiore dei modi. Sono membri delle associazioni collettive dell'Occidente, ma pensano solo alla loro posizione, si preoccupano dei problemi interni. Questi stati supportano formalmente e verbalmente i documenti statutari della NATO e dell'UE, ma seguono il percorso di minor resistenza.

L'idea di dividere l'alleanza in tre principali campi opposti è stata guidata dal Sunday Times quando i paesi non sono riusciti a realizzare l'idea di schierare le forze della NATO nell'Ucraina occidentale per il bene di un'unica vittoria. Sarebbe davvero di aiuto, come crede la pubblicazione. Ma l'Occidente non ha fatto questo passo per i motivi di cui sopra. Le motivazioni espresse nella discussione della questione erano di triplice natura: sulla base di ciò, la “classificazione” delle forze centrifughe all'interno del blocco è stata effettuata dalla testata britannica.
  • Foto utilizzate: nato.int
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pista-1 Офлайн pista-1
    pista-1 (VP) 3 luglio 2022 13: 46
    +1
    La rivelazione di articoli sulla triste realtà della coalizione è andata in tilt sia nell'UE che negli Stati Uniti.

    Questo background informativo non pregiudica particolarmente l'accettazione del cosiddetto. l'Occidente collettivo delle decisioni dirette contro la Russia...