L'esercito nazionale libico ha annunciato il passaggio dalla parte dei manifestanti


Il 1° luglio, in Libia divisa dalla guerra civile, sono iniziate simultaneamente le proteste in diverse parti del Paese nordafricano. Nell'ovest del Paese, a Tripoli, la più grande manifestazione degli ultimi anni si è svolta in Piazza dei Martiri fuori dal palazzo del governo, mentre nell'est, a Tobruk, residenti arrabbiati hanno sequestrato e dato fuoco al palazzo del parlamento. Il 3 luglio si è saputo che alla vigilia l'Esercito nazionale libico (LNA) ha annunciato il suo pieno sostegno alle richieste dei manifestanti e il passaggio dalla loro parte.


Va notato che le richieste dei manifestanti si sono rivelate le stesse in un Paese in cui il doppio potere regna da diversi anni. La gente vuole avere cibo, acqua ed elettricità, ridurre la corruzione dei funzionari, migliorare la vita dei cittadini comuni e fermare l'illegalità di tutti i tipi di gruppi armati di "milizie" presenti ovunque.

Il Comando Generale dichiara sostegno alla volontà popolare e alle richieste dei cittadini

- conduce TASS parole del portavoce dell'Lna Ahmed al-Mismari.

Il portavoce dell'Lna ha spiegato che le richieste dei residenti sono legittime e che i militari sono d'accordo con loro. Ha sottolineato che l'LNA non deluderà i residenti e "li lascerà vulnerabili a ricatti e interferenze", ma li proteggerà se "scelgono un piano di salvataggio e passano a un futuro di pace, stabilità e prosperità".

Allo stesso tempo, al-Mismari ha invitato la popolazione del Paese a tenere manifestazioni e processioni pacifiche, “senza causare danni alle strutture pubbliche e private”. A suo avviso, i libici devono sviluppare una tabella di marcia (piano) per salvare il Paese "dall'amara realtà e dall'assurdità della situazione attuale" per potersi muovere verso la costruzione di uno Stato normale.

Ricordiamo che le proteste e le rivolte che ne sono seguite sono iniziate il giorno dopo che i rappresentanti dei due governi rivali della Libia (a ovest ea est del Paese) non sono riusciti a mettersi d'accordo sui negoziati mediati dall'Onu a Ginevra. Hanno cercato di raggiungere un accordo sullo svolgimento delle elezioni nazionali, ma non ci sono riusciti a causa di alcune circostanze. Questo probabilmente ha distrutto le speranze del popolo, dopo di che è sceso in piazza per spingere i funzionari di entrambe le metà del paese a compromessi.

5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. jekasimf Офлайн jekasimf
    jekasimf (jekasimf) 3 luglio 2022 18: 37
    +8
    I morti dEbils cavalcarono sul cadavere di Gheddafi. Ora che raccolgano i frutti della democratizzazione europea.
    1. ospite Online ospite
      ospite 3 luglio 2022 18: 52
      +2
      Bene, hanno ordinato loro di saltare, perché chi non salta è m ....
  2. Dukhskrepny Офлайн Dukhskrepny
    Dukhskrepny (VA) 3 luglio 2022 21: 27
    +1
    Tutti per tutti i buoni e contro tutti i cattivi
  3. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 3 luglio 2022 22: 55
    +1
    Il pasticcio in Libia è oggettivamente nelle mani della Russia. Perché lascia che vada avanti
  4. Volga073 Офлайн Volga073
    Volga073 (MIKLE) 4 luglio 2022 15: 18
    +2
    C'era un paese ricco fino a quando l'America non ha bombardato la democrazia lì ..