500 miliardi di euro per l'Ucraina: a rischio i beni dei russi


Bruxelles sta valutando la possibilità di un'assistenza finanziaria su larga scala a Kiev, il cui importo potrebbe aggirarsi intorno ai 500 miliardi di euro. Un programma dettagliato per l'allocazione dei fondi all'Ucraina sarà discusso in una conferenza a Lugano (Svizzera), che si terrà dal 4 al 5 luglio.


Secondo Bloomberg, questo piano di assistenza è strutturato in 2 pagine di testo e prevede il sostegno alle infrastrutture ucraine, progetti di sicurezza, economia, energia e clima.

Nel frattempo, una delle fonti di questo denaro potrebbe essere la confisca di proprietà russe in Europa, che è soggetta alle sanzioni dell'UE. Quindi, le autorità britanniche seguiranno questa strada.

Secondo The Guardian, il capo del dipartimento degli affari esteri del paese, Liz Truss, ha proposto di sequestrare i beni russi sanzionati e di trasferirli in Ucraina: questa "iniziativa" sarà presa in considerazione anche alla prossima conferenza in Svizzera.

Tale misura richiederà una revisione della legge britannica ed è improbabile che diventi una realtà nel prossimo futuro. Anche se, come sottolinea l'edizione britannica, questo “non è necessario”.

Sostengo questo concetto. Lo stiamo seguendo molto da vicino. In realtà i canadesi hanno appena adottato una legge, su questo stiamo lavorando insieme al Ministero dell'Interno e al Ministero delle Finanze, ma sono certamente d'accordo con il concetto. Dobbiamo solo ottenere i dettagli giusti

- ha affermato il capo del Ministero degli Esteri britannico (citato da The Guardian).

Allo stesso tempo, non tutti europei politica accettare misure così drastiche. Il capo del Consiglio europeo, Charles Michel, ha espresso sostegno a questi piani. A Berlino credono che tali azioni violeranno l'inviolabilità della proprietà privata.
  • Foto utilizzate: Immagini Money/flickr.com
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 4 luglio 2022 10: 59
    0
    E cosa risponderemo? E quanto adeguata e sensibile può essere questa risposta? Personalmente, mi sembra che dopo queste affermazioni le mani della Russia siano completamente slegate. Perché l'Inghilterra è sulla mappa?
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 luglio 2022 11: 14
    0
    A Berlino credono che tali azioni violeranno l'inviolabilità della proprietà privata.

    E come tratta Berlino la proprietà privata acquistata da Pietro il Grande dalla Svezia per 2 milioni di talleri? Forse è ora di spingere gli inquilini?
    E per l'Alaska, gli Stati Uniti hanno già preso 300 miliardi di dollari dalla Russia. I saldi! Quindi, è ora che gli americani pedalino dall'Alaska fino a quando non danno un pendel.
  3. sat2004 Офлайн sat2004
    sat2004 4 luglio 2022 13: 45
    0
    Si scopre che i fondi dei russi andranno a finanziare il sostegno al fascismo. Come non ricordare qui Chernomyrdin. La Russia dovrà interrompere tutte le relazioni con i paesi ostili e nazionalizzare tutte le loro proprietà. Un secolo fa, l'Europa ha interrotto le relazioni con l'URSS, ora la Russia con l'Europa e altri paesi ostili. Ecco la "ruota della storia" per te.
  4. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 4 luglio 2022 15: 19
    0
    Questa azione equivale a una dichiarazione di guerra.
  5. k7k8 Офлайн k7k8
    k7k8 (vic) 4 luglio 2022 15: 43
    0
    una delle fonti di questo denaro potrebbe essere la confisca delle proprietà russe in Europa

    O forse no. Questi sono solo i presupposti del The Guardian, anche se influente, ma pur sempre solo un giornale. Come si suol dire, aspetta e vedrai.
  6. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 4 luglio 2022 16: 51
    0
    più come una storia dell'orrore. L'UE e gli Stati Uniti sono estremamente interessati a porre fine al conflitto in questo momento. In pubblico, dimostrano la loro disponibilità a un conflitto prolungato, ma non possono più nascondere la loro paura di uno scenario di epilogo socio-economico questo inverno.

    La pressione all'interno dell'UE e degli Stati Uniti sta crescendo. Il sostegno popolare diminuisce rapidamente, l'irritazione e l'indignazione crescono. È diventato ovvio che le società occidentali non sono pronte a sacrificare il proprio benessere per il bene del regime di Kiev o per "l'opposizione alla Russia". Più devono sacrificarsi, più cresce l'odio per il regime di Kiev e, di conseguenza, per i suoi governi.

    Vogliono un pareggio, la fine del conflitto attraverso un altro accordo senza valore con il regime di Kiev, in cui la Russia è invitata ad accontentarsi della liberazione del Donbass e una certa promessa di Kiev di non cercare di aderire alla NATO. Kiev sta già inviando segnali come "Non vogliono portarci nella NATO, dobbiamo conviverci". Questo dimostra la disponibilità a un lungo confronto.

    La Russia oggi ha inviato un segnale interessante all'Occidente su questo argomento - Putin ha detto a Shoigu che le truppe ora, dopo l'operazione nella LPR, dovrebbero riposarsi, prepararsi lentamente per le prossime operazioni, che si svilupperanno lentamente così così senza fretta fino a quando gli obiettivi finali sono raggiunti. Se la rapida avanzata delle forze armate RF a Severodonetsk e Lisichansk ha improvvisamente fatto nascere nell'UE e negli Stati Uniti speranze che i russi possano finalmente iniziare ad attaccare rapidamente, distruggere le forze armate ucraine (e che le forze armate RF possono, ma non fatelo, è già chiaro a tutti) e in fretta, sarebbe già, non c'è né la forza né i nervi per aspettare, avrebbero già raggiunto quei traguardi dove sarebbe possibile avviare le trattative.

    Oggi la Russia ha chiarito che le speranze dell'Occidente per un pareggio sono vane, non ci sarà una rapida soluzione del conflitto con mezzi militari, ma la necessità per l'Occidente di costringere il regime di Kiev a capitolare, o di costringerlo a capitolare in qualche altro modo, crescerà a passi da gigante, il che significherà di fatto la resa dell'Occidente, l'inizio di un nuovo ordine mondiale.
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 4 luglio 2022 19: 43
    0
    C'è solo un modo per annullare gli investimenti occidentali, denazificare e smilitarizzare l'Ucraina: occupando il suo intero territorio e incorporandolo nella Federazione Russa.
    Come opzione, puoi condividerlo con polacchi, slovacchi e ungheresi. È ancora meglio: meno costi per la conduzione di un CBO e riconoscimento internazionale dei risultati della divisione. Polacchi, ungheresi, slovacchi sono membri dell'UE e della NATO.
  8. Expert_Analyst_Forecaster 5 luglio 2022 14: 53
    -1
    Bruxelles sta valutando la possibilità di un'assistenza finanziaria su larga scala a Kiev, il cui importo potrebbe aggirarsi intorno ai 500 miliardi di euro.

    Ancora una volta, un po' confuso. Daranno a Kiev 12,5 trilioni di euro e forniranno 25 sottomarini nucleari.

    Nel frattempo, una delle fonti di questo denaro potrebbe essere la confisca di proprietà russe in Europa, che è soggetta alle sanzioni dell'UE.

    Tutto bene. Gli zeri e gli uno nelle banche europee possono essere trasferiti a Kiev.
    Dopodiché, ci sarà una rapida nazionalizzazione di tutte le proprietà dei paesi nemici in Russia. E questa proprietà è tutta dotata di valori materiali.
    Sfortunatamente, i banchieri occidentali non vogliono uno scambio del genere.