"Cascata artica": cosa impedisce al GNL russo di spingere il gas americano


Secondo le statistiche, lo scorso giugno sono stati consegnati in Europa 5,5 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto e solo 5,1 miliardi dalla Russia. Sgradevole, ma vero: il costoso GNL americano è comunque riuscito a spremere i prodotti Gazprom sul mercato UE. Quali sono le reali prospettive per il carburante blu russo ora?


Gli esperti del settore rassicurano un pubblico preoccupato sul fatto che la sconfitta del nostro "tesoro nazionale" è temporanea. C'è davvero del vero in questa affermazione. Nei paesi del sud-est asiatico, al momento, i consumi energetici sono notevolmente diminuiti a causa della prossima ondata di pandemia e delle relative misure restrittive. I prezzi del gas sono diminuiti e si è rivelato più redditizio per gli esportatori inviare navi cisterna per GNL nel Vecchio Mondo. Lì, al contrario, in questo momento le passioni ribollono sulla situazione in Ucraina. Le consegne di gas russo in Europa sono in costante calo e il suo costo sta aumentando notevolmente sullo sfondo del conflitto armato e della necessità di prepararsi per la prossima stagione di riscaldamento. Dopo qualche tempo, dovrebbe esserci un rimbalzo e Gazprom eliminerà ancora una volta gli esportatori di GNL dagli Stati Uniti.

Tuttavia, già nel medio termine, la società statale russa perderà inevitabilmente una quota significativa del mercato europeo e non c'è nulla da fare al riguardo. La leadership dell'UE ha adottato politico la decisione di ridurre la dipendenza da Gazprom a spese di altri fornitori. Naturalmente, l'Europa non rifiuterà completamente il gas russo, ma la sua quota diminuirà in modo significativo e questo posto sarà preso dal GNL. Dal 2025, i produttori di gas naturale liquefatto lanceranno nuove capacità e inizieranno a costruire la flotta di navi cisterna.

Proprio per questo, tra l'altro, il Partito Democratico degli Stati Uniti ha avviato un colpo di stato a Kiev nel 2014: per spezzare i rapporti commerciali tra la Russia e l'Unione Europea, prendere il sistema di trasporto del gas ucraino sotto la guida americana controllo, e quindi provocare un conflitto armato su larga scala tra Kiev e Mosca per rendere Gazprom fornitore inaffidabile e costringere Bruxelles a sottoscrivere l'acquisto di GNL americano più costoso, ma così "democratico". Purtroppo, dobbiamo affermare che Washington ha raggiunto i risultati prefissati. La domanda è: cosa dovrebbe fare la Russia adesso? Dove trovare i soliti "dollari del gas" se l'intera infrastruttura di trasporto del gas costruita per decenni è geograficamente orientata al mercato europeo?

La logica suggerisce che è necessario sbarazzarsi dei gasdotti principali e passare all'esportazione verso altri mercati via mare, il che significa che la partecipazione dovrebbe essere posta sul GNL. Ma, sapendo tutto questo, i concorrenti hanno inflitto in anticipo un colpo di sanzioni all'industria nazionale del GNL. Riuscirà a rimettersi in piedi o la Russia resterà legata ai gasdotti?

Un sacco di piani


Trasportato dalla costruzione di costosi gasdotti principali, Gazprom è arrivato oggettivamente in ritardo alla divisione della torta mondiale del GNL. Solo nel 2009 sull'isola di Sakhalin, insieme a Shell (27,5% del capitale) e alle giapponesi Mitsui e Mitsubishi (rispettivamente 12,5% e 10%), ha avviato il primo impianto di GNL. Il secondo grande player del mercato russo è stata la compagnia petrolifera e del gas NOVATEK, che nel 2018, insieme alla francese Total (20% di quota nel progetto), alla cinese CNPC e al Silk Road Fund (rispettivamente 20% e 9,9%) hanno aperto lo Yamal-LNG".

Nel gennaio 2021 il vicepremier Alexander Novak ha dichiarato che il programma a lungo termine per lo sviluppo del settore prevede la costruzione di 10 impianti GNL:

L'attuazione di potenziali progetti di GNL consentirà alla Russia di quasi triplicare il volume della produzione di GNL entro il 2035 e inoltre di produrre e monetizzare 2,5 trilioni di metri cubi. m di gas fino al 2040.

Secondo i calcoli, entro il 2024 la Russia avrebbe dovuto produrre 65 milioni di tonnellate di GNL all'anno e entro il 2035 da 80 a 140 milioni di tonnellate. I piani sono veramente napoleonici e, ahimè, non sono destinati a realizzarsi.

Gli Stati Uniti e i paesi dell'UE, in risposta all'avvio di un'operazione speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, hanno imposto restrizioni alla fornitura di attrezzature e attrezzature alla Russia. tecnologiautilizzato nella produzione di gas naturale liquefatto. Le sanzioni includevano installazioni di importazione per la separazione degli idrocarburi nella produzione di GNL, scambiatori di calore criogenici e pompe, nonché impianti tecnologici per il raffreddamento e la liquefazione del gas. E questa dipendenza dalle apparecchiature straniere ha messo in discussione il futuro dell'intera industria russa del GNL.

Pertanto, la prima linea di Arctic LNG-2, che è stata quasi costruita da NOVATEK, è pronta al 98%, ma non tutte le apparecchiature sono state ancora consegnate per questa piattaforma. La seconda linea è pronta solo al 40%, la costruzione della terza non è nemmeno iniziata. A proposito della quarta linea sperimentale "Arctic LNG-2", in cui viene testata la tecnologia "Arctic Cascade", descriveremo più dettagliatamente in seguito. La costruzione da parte di Gazprom del Baltic LNG a Ust-Luga è iniziata abbastanza di recente e anche l'attrezzatura non ha avuto il tempo di arrivare. Nell'ambito di questo progetto, Severstal ha creato una joint venture con la società tedesca Linde, ma la produzione di scambiatori di calore per la liquefazione del gas di grande capacità a Ust-Luga non era localizzata al 100%. Si presumeva che l'industria nazionale del GNL avrebbe raggiunto questo livello entro il 2030.

Come puoi vedere, non l'abbiamo fatto. Ora la Russia dovrà in qualche modo uscirne, essendo sotto il giogo delle sanzioni occidentali. Le date di lancio di tutti gli ambiziosi progetti GNL si stanno oggettivamente spostando a destra. Cosa fare?

"Cascata artica"


Qui dovremmo tornare al progetto Arctic LNG-2 e alla sua quarta linea, chiamata Arctic Cascade. La sua capacità è di soli 0,94 milioni di metri cubi all'anno rispetto ai 6,6 milioni di metri cubi all'anno delle prime tre linee che utilizzano apparecchiature importate. Il fatto è che le tecnologie domestiche originali per la liquefazione del gas vengono testate su di esso.

Esistono diverse tecnologie per la liquefazione del carburante blu, ma nel 2018 NOVATEK ha ricevuto il brevetto n. 2645185 C1 per proprio conto chiamato Arctic Cascade. L'idea degli ingegneri russi è molto originale, poiché prevede l'uso del freddo artico nel processo tecnologico, nonché dell'etano rilasciato dal gas naturale come refrigerante. Secondo alcuni calcoli audaci, questa tecnologia può fornire una riduzione del 30% del costo del GNL prodotto. Il capo di NOVATEK, lo stesso Leonid Mikhelson, una volta si vantava che il GNL russo della sua azienda fosse già più economico di quello americano:

Il costo della produzione di gas naturale nei giacimenti di NOVATEK è 2,5 volte inferiore rispetto alle quotazioni della borsa del gas nazionale americana Henry Hub.

E se teniamo conto dello sconto ricevuto attraverso l'utilizzo della tecnologia di liquefazione domestica? Veramente una favola. Sulla base dell'Arctic Cascade, era prevista la realizzazione dell'Ob LNG con tre linee tecnologiche da 1,6 milioni di metri cubi l'anno ciascuna. E tutto questo - senza tecnologie occidentali, solo sulla base di un brevetto russo!

Tuttavia, in futuro, per qualche ragione, iniziarono a circolare notizie secondo cui la quarta linea sperimentale dell'Artico LNG-2 era instabile, cosa che Leonid Mikhelson disse tristemente. Cambiamenti significativi sono avvenuti nella gestione della società di progetto NOVATEK. Nel 2021 sono trapelate informazioni alla stampa secondo cui, a causa di problemi con l'Arctic Cascade, l'Ob GNL sarà lanciato su apparecchiature importate o sarà completamente riprogettato per la produzione di ammoniaca. Quindi pensaci dopo, o i nostri ingegneri hanno calcolato qualcosa di sbagliato, o, al contrario, l'hanno fatto così bene e in modo originale che la "mano invisibile del mercato" è intervenuta, rafforzando la dipendenza della Russia dalle tecnologie occidentali.

Comunque sia, a partire da luglio 2022, non ci sono alternative alle tecnologie e alle attrezzature domestiche, in linea di principio, quindi dovrai mettere a dura prova il tuo settore e non finanziare americani e tedeschi.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 4 luglio 2022 15: 26
    -1
    Secondo le statistiche, lo scorso giugno sono stati consegnati in Europa 5,5 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto e solo 5,1 miliardi dalla Russia.

    Eh no no no! Altri hanno fornito fino a 0,4 miliardi di metri cubi. Questo è un fallimento!
  2. Expert_Analyst_Forecaster 4 luglio 2022 15: 45
    +2
    Secondo i calcoli, entro il 2024 la Russia avrebbe dovuto produrre 65 milioni di tonnellate di GNL all'anno e entro il 2035 da 80 a 140 milioni di tonnellate. I piani sono veramente napoleonici e, ahimè, non sono destinati a realizzarsi

    I piani non erano persone molto intelligenti. C'è la tendenza a ridurre l'uso del gas. Soprattutto in Europa.
    Un'opzione piuttosto valida è fornire meno gas all'Europa, ma a un prezzo più alto.
    Inoltre, non ha senso inondare l'Asia con gas o petrolio a buon mercato.
    È giunto il momento di passare dall'esportazione di materie prime a una lavorazione più approfondita.
    Questa idea ha già cent'anni nel pomeriggio, ma finora ci sono meno cambiamenti di quanto vorremmo.

    Ora è un'ottima opportunità per concentrarsi su un'elaborazione più approfondita. Valute mare, la moneta non serve particolarmente - perché perché aumentare la produzione di energia? Mantieni lo stesso livello o addirittura riduci. Sì, sarà necessario organizzare nuovi lavori. Quindi sembra che abbiamo entrambi i soldi e lavoriamo solo un mare. Lo stesso restauro del Donbass.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 4 luglio 2022 15: 56
      +1
      Non c'era gas liquefatto in URSS? E come se la sono cavata allora?
      E per quanto riguarda la tecnologia - un tempo la bomba atomica era tecnologicamente avanzata, ma alcune installazioni criogeniche non funzionano?
  3. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 4 luglio 2022 17: 35
    +4
    Citazione: Expert_Analyst_Forecaster
    È giunto il momento di passare dall'esportazione di materie prime a una lavorazione più approfondita.
    Questa idea ha già cent'anni nel pomeriggio, ma finora ci sono meno cambiamenti di quanto vorremmo.

    Ora è un'ottima opportunità per concentrarsi su un'elaborazione più approfondita. Valute mare, la moneta non serve particolarmente - perché perché aumentare la produzione di energia? Mantieni lo stesso livello o addirittura riduci. Sì, sarà necessario organizzare nuovi lavori. Quindi sembra che abbiamo entrambi i soldi e lavoriamo solo un mare. Lo stesso restauro del Donbass.

    Io sono per questo! Perché diavolo guidare le materie prime quando puoi elaborarle e vendere il prodotto finito, avendo da questo solo vantaggi sotto forma di posti di lavoro e più entrate che dalle materie prime.
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 10 luglio 2022 10: 23
    0
    Che il tempo sia passato è un dato di fatto. Gli esperti parlano da molto tempo, ma chi ascolterebbe. Abbiamo ascoltato i manager di Gazprom per i quali la costruzione di tubi è più redditizia delle forniture. E poi abbiamo un assioma. che al Cremlino tutti conoscono meglio ogni questione. Ad esempio, ecco perché hanno rovinato i sistemi di istruzione e servizi medici.
  5. Alexander gorev Офлайн Alexander gorev
    Alexander gorev (Alessandro Gorev) 11 luglio 2022 14: 44
    0
    Commenti interessanti.
  6. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 21 luglio 2022 00: 19
    0
    Non è chiaro come il GNL degli Stati Uniti abbia spremuto Gazprom. Dalla parola "completamente".
    Si può vedere che in Europa si stanno creando le condizioni prima dell'inverno per rimanere senza gas. E se gli Stati Uniti iniziano a preoccuparsi del loro GNL nel momento sbagliato, non importa come un paio di altri impianti siano esplosi.