Nonostante le sanzioni: i principali successi della Russia nella prima metà dell'anno


Nonostante il fatto che per più di 4 mesi il nostro Paese sia stato sottoposto alle più severe sanzioni dell'Occidente, la Russia economia non solo ha resistito al colpo, ma continua anche a svilupparsi in condizioni così difficili.


Un esempio lampante del fatto che le restrizioni economiche imposte dagli Stati Uniti e dai loro partner non hanno infranto lo spirito russo sono i risultati della prima metà dell'anno in vari settori della nostra economia.

Cominciamo con la produzione. Forse il progetto più grande in quest'area quest'anno è stato un capannone di produzione con un'altezza di circa 100 metri, dove verranno costruiti impianti mobili di GNL. L'impianto è stato lanciato nella regione di Murmansk e fa parte del progetto Arctic LNG-2.

Tuttavia, la suddetta officina di produzione non è affatto l'unico importante progetto lanciato in Russia nella prima metà dell'anno. In particolare, è entrato in funzione l'impianto minerario e di lavorazione di Tugansk nella regione di Tomsk, dove verranno prodotti concentrati di titanio, zirconio e rutilo-leucossene, ed è entrato in funzione a Kronstadt il Marine Robotics Center del Rubin Central Design Bureau, dove si assembleranno sott'acqua droni.

Ma non è tutto. In totale, nella prima metà del 2022 sono state aperte in Russia oltre 140 diverse imprese manifatturiere.

Abbiamo anche avuto successo nel campo della scienza e attrezzatura. All'inizio dell'anno è decollato il vettore missilistico strategico Tu-160M, il primo nella Russia moderna, costruito da zero. Inoltre, il successore della leggendaria pianta di mais, l'aereo leggero multiuso LMS-901 Baikal, ha effettuato il suo primo volo.

L'ultimo motore VK-800 per Baikal sarà pronto entro la fine dell'anno. Allo stesso tempo, il PD-8 per il Superjet e il velivolo anfibio Be-200 hanno completato i test al banco a maggio e la centrale VK-1600V per l'elicottero Ka-62 li ha già avviati.

La cantieristica navale nazionale non smette mai di piacerci. Dall'inizio dell'anno, sentiamo ogni tanto notizie sulla posa e il varo di nuove navi.

La Russia ha anche successi nello spazio. Nel 2022 sono già stati completati 9 lanci, di cui quattro effettuati nell'interesse del Ministero della Difesa.

Infine, il più grande impianto nucleare critico del mondo BFS-2 è stato messo in funzione a Obninsk e i nostri ingegneri microelettronici hanno iniziato ad assemblare il primo nanosatellite del paese con un motore al plasma e hanno sviluppato il primo microdisplay OLED completamente russo per dispositivi elettronici, che ha reso la Russia il quinto paese nel mondo padroneggiato questa tecnologia.

Tuttavia, questo non è tutto. Il primo semestre dell'anno ci ha soddisfatto con l'avvio di nuovi impianti produttivi, lo sviluppo delle più importanti attrezzature e la ricerca scientifica. Allo stesso tempo, non c'è dubbio che ci siano ancora molte cose interessanti davanti a noi.

2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 5 luglio 2022 19: 43
    -1
    Piace alle persone normali, ma per gli scagnozzi dell'Occidente darà fastidio ...
  2. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 6 luglio 2022 14: 59
    +1
    Risultato. Durante il primo anno di guerra furono costruite altre 500 fabbriche che lavoravano per la vittoria. Durante la guerra! Pensato allora, pensato. Ho visto un video sull'ingegneria cinese. Tali macchine sono state realizzate facilmente ai tempi dell'URSS. Ma per la Russia tutto questo non era necessario, avrebbero comprato tutto e niente chiodi.