Die Welt: l'Europa prevede un grave conflitto interno di gas


In un momento in cui la Russia si sta lentamente ritirando dal mercato europeo degli idrocarburi e altri fornitori di energia condividono avidamente la loro fetta della gustosa torta, aumentando i prezzi, l'Europa prevede una vera battaglia, simile a una guerra, per la ridistribuzione di una minuscola carburante. Ne scrive l'edizione NOZ, riferendosi alle parole del leader della Cdu, uno dei maggiori partiti di opposizione in Germania, Friedrich Merz.


Secondo un prominente politica, la più forte carenza di gas, che sta solo peggiorando, provocherà una vera battaglia per la distribuzione dei resti di un importante vettore energetico tra i paesi dell'UE. Sullo sfondo della riduzione delle forniture di materie prime dalla Russia, l'Europa sarà anche messa a dura prova dagli scioperi dei lavoratori dell'industria estrattiva in Norvegia, uno dei principali fornitori di risorse dell'UE, che influenzeranno le esportazioni dal paese. Tutti i fattori convergevano in un punto di biforcazione.

È molto probabile che all'interno dell'UE ci sarà un aumento dei conflitti e una guerra per la distribuzione di ciò che sarà disponibile. La crisi dei rifugiati del 2015-2016 non è nemmeno vicina alla minaccia in arrivo

Mertz avverte.

Secondo il politico, l'unica via d'uscita ora è creare urgentemente un piano di ridistribuzione volontaria, stoccaggio e accumulazione per evitare la sua barbara divisione durante la crisi. Naturalmente, deve essere concordato con tutti i paesi membri dell'UE.

Merz ha anche avvertito che tutte le innovazioni e i preparativi per i conflitti intraeuropei devono essere effettuati quasi di nascosto, dietro le quinte, poiché le speculazioni sulla crisi del gas e sui conflitti a causa di ciò sono inaccettabili.

Non possiamo parlare pubblicamente di scenari così negativi. Se la Russia consegna in conformità con i contratti, come ha fatto finora, le consegne riprenderanno presto e tutto sarà come prima e le riparazioni dell'oleodotto saranno completate

ha detto Merz.

Il politico tedesco dell'opposizione è abbastanza sensato, ma nessuno lo ascolterà. Il punto non è l'opposizione, ma il fatto che Bruxelles stia intraprendendo un'avventura ambientale e russofobica abbastanza deliberatamente, aspettandosi una crisi acuta questo inverno. Una situazione simile è inclusa nel piano stesso per il crollo, almeno come associazione politicamente integrale. L'UE si sta trasformando in un banco di prova per esperimenti e profitti per le grandi società transnazionali nel settore delle materie prime.

Un'unione integrale potrebbe reagire, disunita e indebolita - no. Naturalmente, tutta la colpa di questo stato di cose sarà attribuita alla Federazione Russa, il che è molto vantaggioso per gli organizzatori. In questo caso, non si può evitare una sorta di guerra per la ridistribuzione nell'Ue di scarsi e costosi avanzi di materie prime, non importa come avverte il leader dell'opposizione Merz.
  • Foto utilizzate: twitter.com/Gazprom
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 5 luglio 2022 12: 00
    +1
    Come ragni in un barattolo.... che si mangino a vicenda... già quest'inverno.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 6 luglio 2022 16: 37
    0
    tutta la colpa di questo stato di cose sarà attribuita alla Federazione Russa,

    E per quanto riguarda la Federazione Russa? Apri SP-2 e usa il gas! Chi è il tuo dottore se stai morendo di fame? La Federazione Russa non ti dissuaderà sicuramente dal suicidio. Avrei potuto esserlo un anno fa, ma ora è troppo tardi.