Il conflitto con la Norvegia sul Mare di Barents richiede il rafforzamento della Flotta del Nord


Come ci aspettavamo, il Mare di Barents si sta trasformando in un nuovo punto di tensione tra la Federazione Russa e il blocco NATO. Sarebbe più corretto dire che il nostro Paese si avvia verso un conflitto territoriale con la Norvegia, che è membro dell'Alleanza Nord atlantica, che, di fatto, ha ispirato la stessa Oslo con un blocco dei trasporti delle Svalbard. Come dovrebbe reagire il comando della Marina russa a questo?


Il giorno prima, il presidente della Duma di Stato della Federazione Russa Vyacheslav Volodin ha incaricato la competente commissione per gli affari internazionali della camera bassa del nostro parlamento di considerare la possibilità di sospendere l'accordo tra Russia e Norvegia sulla delimitazione degli spazi marittimi e la cooperazione in il Mare di Barents:

Chiediamo a Leonid Eduardovich di approfondire la questione e poi informare i deputati.

L'opportunità di questo passaggio è stata dichiarata dal deputato della Duma di Stato della Federazione Russa del Partito Comunista Mikhail Matveev:

Abbiamo ceduto alla Norvegia 175mila chilometri quadrati del Mare di Barents.

Si noti che questo approccio rientra completamente nel quadro della nostra stessa proposta, espressa in Articolo del 30 giugno 2022 dal titolo "Il blocco delle Svalbard potrebbe costare alla Norvegia le acque del Mare di Barents". Vero politica preferivano soluzioni reali invece di idee ridicole come sottoporre Oslo a un bombardamento nucleare, provenienti da alcuni aspiranti "esperti" eccessivamente esagerati. Ebbene, qui non c'è nulla di cui sorprendersi, perché una previsione corretta può essere basata solo su analisi realmente adeguate.

Ma torniamo alle nostre questioni urgenti, che si stanno sviluppando attorno al blocco dei trasporti norvegese delle Svalbard per la Russia e alla possibile denuncia dell'"osceno" accordo sull'ingiusta divisione del Mare di Barents, firmato da Mosca e Oslo durante il "Sabbat liberale" sotto il presidente Dmitry Medvedev. Naturalmente, il Regno di Norvegia non guarderà con calma come si riprenderà da ciò che già considera legittimo. Di cosa ha bisogno la Russia per restituire fisicamente e mantenere sotto il suo controllo un'area di mare pari a due regioni di Mosca?

Nel Mare di Barents, i discendenti dei Vichinghi sono interessati principalmente alle più ricche riserve di petrolio e gas scoperte di recente, nonché alla pesca. Dal momento che non si rifiuteranno di estrarre queste preziose risorse così facilmente, dovranno essere in qualche modo costretti a farlo. Prendiamo immediatamente in considerazione le prossime folli proposte di lanciare un attacco nucleare su Oslo se una qualsiasi nave norvegese con reti a circuizione entra nella zona grigia. Dopodiché, si scoprirà che la Russia ha bisogno di una marina sufficientemente numerosa e pronta al combattimento per controllare effettivamente, e non solo legalmente, l'area d'acqua che rivendica.

L'Ordine della Bandiera Rossa della Flotta del Nord di Ushakov è responsabile del Mare di Barents e dell'Artico nel suo insieme. È giustamente considerato il più forte della Marina russa. Tuttavia, se lo guardi, si scopre che il suo principale potere d'impatto è concentrato nella componente subacquea. Questo è abbastanza per un deterrente nucleare strategico o per dare la caccia ai convogli militari statunitensi verso l'Europa, ma che ne dici di inseguire regolarmente i pescherecci norvegesi e respingere i russi dalle navi pattuglia norvegesi? Questi compiti non devono essere svolti da sottomarini nucleari, il che significa che è necessaria un'adeguata flotta di superficie. E qui inizia il più interessante.

L'ammiraglia della flotta settentrionale della Federazione Russa TAVKR "Admiral Kuznetsov" è in riparazione a lungo termine. Anche il pesante incrociatore missilistico a propulsione nucleare Admiral Nakhimov è in riparazione, la sua controparte del progetto Pietro il Grande necessita di una profonda modernizzazione e rotazione. In servizio ci sono l'incrociatore missilistico maresciallo Ustinov (fratello della Mosca morta sul Mar Nero), il vecchio cacciatorpediniere del progetto 956 Admiral Ushakov, 3 grandi navi antisommergibile (BPK) del progetto 1155 (l'ammiraglio Chabanenko è in fase di ammodernamento sotto il progetto 1155.1M) e 2 moderne fregate del progetto 22350 "Admiral Gorshkov" e "Admiral Kasatonov". Questo è ciò che è degno di nota dalle grandi navi di superficie. Anche nella Flotta del Nord ci sono piccole navi missilistiche e antisommergibili, grandi navi da sbarco e barche da sbarco, dragamine e una barca di artiglieria.

Ovviamente il loro compito principale è quello di garantire la sicurezza della componente marittima della nostra "triade nucleare". Inseguire le reti a circuizione norvegesi e altre navi, avere una resa dei conti con le navi pattuglia del regno non è affatto il loro profilo e una dannosa distrazione dal loro scopo principale. Si scopre che dopo che una parte del Mare di Barents è diventata controversa, la composizione della Flotta del Nord della Federazione Russa dovrà essere in qualche modo rivista. A questo proposito, senza pretendere di essere la verità ultima, vorrei fare un paio di suggerimenti.

In primo luogo, è necessario ritirare dal Mar Baltico tutte le corvette e le navi pattuglia ivi disponibili, dividendole tra la flotta del Nord e quella del Pacifico. Dopo che Finlandia e Svezia si uniranno al blocco NATO, per l'Alleanza Nord atlantica, il Baltico si trasformerà oggettivamente in un "mare interno", attraverso il quale un potenziale nemico può sparare attraverso aerei e missili anti-nave. Per le navi di 2° grado, semplicemente non ci sono compiti reali lì, di cui discuteremo in dettaglio detto in precedenza. È possibile lasciare piccole navi missilistiche come vettori di "Calibro" e scorta per navi mercantili, nonché dragamine come parte del DCBF.

Sarebbe consigliabile trasferire la nave pattuglia Yaroslav the Wise, così come un paio di corvette Project 20380, alla Flotta del Nord, e le altre due corvette baltiche e la Neustrashimy, dopo che è fuori riparazione, nell'Oceano Pacifico, dove saranno davvero utili. Nel Mare di Barents, queste motovedette sarebbero in grado di scacciare i "Vichinghi" dalle acque contese.

In secondo luogo, lì, nel Mar di Barents dal Mar Nero, vale probabilmente la pena trasferire tutte le navi pattuglia del progetto 22160. L'esperienza del confronto con le Forze armate ucraine per Snake Island ha mostrato che queste "colombe della pace", create per combattere alcuni I "pirati", sono assolutamente inutili in una vera guerra. Non combatteremo ancora con la Norvegia, ma allo stesso modo il controllo dell'area d'acqua contesa del Mare di Barents, la detenzione di pescatori norvegesi e così via: questo è ciò che possono davvero essere in grado di fare.

Che almeno un po' di utilità sia da queste navi militarmente inutili.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Gadley Офлайн Gadley
    Gadley 6 luglio 2022 16: 48
    +1
    correttamente, la riorganizzazione della flotta settentrionale deve essere fatta con urgenza. E poi la Marina si siede con noi e pensa negli anni '80.
  2. colonnello Kudasov (Boris) 6 luglio 2022 16: 49
    +1
    In primo luogo, è necessario ritirare dal Mar Baltico tutte le corvette e le navi da pattuglia ivi disponibili, dividendole tra la flotta del Nord e quella del Pacifico.

    In nessun caso questo dovrebbe essere fatto. Chi proteggerà i traghetti e le navi russe dagli attacchi di sottomarini "sconosciuti"? Il corridoio marittimo per Kaliningrad ha bisogno del supporto militare russo diretto
    1. mark1 Офлайн mark1
      mark1 6 luglio 2022 19: 20
      0
      E i sottomarini "sconosciuti" possono essere solo della NATO, non ce ne sono altri che galleggiano lì, quindi non puoi sbagliare se colpisci un membro della NATO le cui barche sono andate in mare. E all'ora H, la migliore traversata in traghetto è il Corridoio Suwalki.
    2. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
      vladimir1155 (Vladimir) 6 luglio 2022 22: 59
      -2
      I dragamine RTO MPK sono perfettamente in grado di proteggere i convogli diretti a Kaliningrad
    3. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 14 luglio 2022 20: 30
      0
      Ovviamente il passo strategico sbagliato viene proposto dall'autore. Con chi stanno spingendo qui, con la Norvegia, che ha cinque milioni di cittadini e una flotta corrispondente ... È necessario negoziare con la Norvegia, cosa che è accaduta, non sono nemici ardenti della Federazione Russa, non degli inglesi, ma solo loro parla con loro attraverso la vista, non capiscono nessun'altra lingua...
  3. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 6 luglio 2022 16: 59
    +1
    Questo non è un conflitto con la Norvegia.
    I paesi occidentali bramano da tempo le risorse naturali dell'Artico russo.
    Da qui tutte le "incomprensioni" anti-russe in questa regione e, in particolare, l'ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO. (Era inevitabile al di fuori dell'indipendenza dalla NWO in Ucraina.)
    È dubbio che la Federazione Russa abbia il potenziale economico per combattere il branco "democratico" affamato!
  4. mark1 Офлайн mark1
    mark1 6 luglio 2022 18: 49
    +1
    Piattaforme fisse armate (quelle disarmate sono prodotte in serie nell'interesse dei lavoratori del gas, ovvero 600 tonnellate di cemento armato) situate sul territorio conteso, questa è la soluzione al problema, ma servono anche corvette.
  5. yakisam Офлайн yakisam
    yakisam (Alexander) 6 luglio 2022 21: 15
    +1
    Lascia che almeno un po' di utilità sia da queste navi militarmente inutili ....

    Questa è la fine dell'articolo. Ma non la situazione che l'articolo pretende di discutere.
    E poi cosa? Seriamente, cosa c'è dopo?
    Cioè, tutte queste amplificazioni, traduzioni ... e cosa succede dopo?
    Combattere? Avviare un'azione militare contro la Norvegia?
    Un'arma, se non spara, non viene percepita dal nemico come una minaccia e come un "freno". Questo è un assioma. Se hai poche armi, il nemico "non si accorge" che non hai intenzione di usarlo: non ci sono dati sufficienti.
    Ma quando "intensificati", "concentrati" e....niente - capisce il nemico - A LUI NON SUCCEDERA' NULLA
    E per dimostrare che "lo farà" - è impossibile. Può essere solo dimostrato. Applicazione.
    Pertanto, la discussione sul "rafforzamento del Consiglio della Federazione" ha senso solo se c'è un'intesa: quali sono le prospettive?
    Dopotutto, è facile rimproverare gli "esperti del divano" per la proposta di "lanciare armi nucleari intorno a Oslo". Sono chiaramente stupidi, ma .. E cosa offre l'autore stesso?
    Dopotutto, è ovvio che qualsiasi conflitto deve essere DECISO in modo che in seguito si possa stabilire un nuovo equilibrio. Che non è redditizio per entrambe le parti violare o, idealmente, è vantaggioso mantenere. Come può esserci un equilibrio tra il governo russo e coloro che controllano la leadership della Norvegia?
    E in generale - cosa sappiamo di questo - chi li controlla? Quali sono gli obiettivi? Quali sono le condizioni per minimax?
    Questa è la mia opinione, IMHO, come si dice ora
    Ma credo che aumentare gli armamenti per creare una posizione nella disputa con la Norvegia sia una strada verso il nulla. Perché le armi non sono un argomento a meno che tu non sia disposto a suicidarti.
  6. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 6 luglio 2022 22: 58
    0
    Caro autore ha scritto un articolo sensato, professionale, ti sostengo, caro Sergey! è necessario rafforzare la flotta settentrionale e ritirare le grandi navi di superficie dalle zone d'acqua chiuse in tutto e per tutto dai missili costieri
  7. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 6 luglio 2022 23: 02
    0
    i cacciatorpediniere 956 non possono essere contati, nessuno di loro va e non andrà da nessuna parte se non tagliando il metallo
  8. faiver Офлайн faiver
    faiver (Andrew) 7 luglio 2022 07: 28
    0
    In secondo luogo, probabilmente vale la pena trasferire tutte le navi pattuglia del progetto 22160 nel Mare di Barents dal Mar Nero.

    - per favore, ma sul Chegny Mog è già finito il CBO?
    L'autore non ha bisogno di correre da un estremo all'altro

    questi cani da guardia sarebbero in grado di scacciare i "Vichinghi" dalle acque contese

    - quali "Vichinghi" guiderai? Se ci sono pescherecci civili di pescatori, allora ci saranno abbastanza guardie di frontiera e, se la Marina norvegese, allora questa è già una guerra a tutti gli effetti ....

    A proposito, non c'è conflitto...
  9. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 7 luglio 2022 20: 59
    -1
    Niente deve essere rafforzato, tutto può essere acquistato dalla stessa Norvegia se vuole vendere. In cifre. Hanno bruciato il paese in modo che un paio di migliaia potessero vivere sotto il comunismo.