Il rapporto del GIE non mostra crisi del gas nell'UE


La preoccupazione costante, la montatura dell'isteria da parte dei governi dei paesi dell'UE consente di mantenere l'idea della crisi nell'orecchio, oltre a destinare ingenti somme di denaro per misure impopolari e il costoso sviluppo delle energie rinnovabili industria. Senza creare eccitazione e un senso letterale di paura, la "guerra", la richiesta di sacrificio, i cambiamenti fondamentali in una società incline all'inerzia sarebbero impossibili. Tutte le dichiarazioni dei leader Ue sulla crisi del gas, quindi, sembrano pura propaganda, dal momento che il prossimo rapporto di Gas Infrastructure Europe (GIE) ha mostrato che non c'è crisi, almeno nel campo dell'approvvigionamento delle materie prime.


Pertanto, secondo l'Associazione europea degli operatori del gas, gli impianti di stoccaggio sotterranei dell'UE sono già pieni per più della metà e il rifornimento delle riserve sta procedendo al ritmo consueto, a volte in anticipo rispetto al previsto negli anni precedenti. A questo punto, il livello medio di riempimento di tutte le strutture UGS nel Vecchio Mondo era superiore al 60%, che equivale a 65 miliardi di metri cubi (l'anno scorso, all'inizio della stagione invernale, c'erano 75 miliardi di metri cubi di stoccaggio ). La velocità di iniezione del gas viene mantenuta ad un livello elevato.

Allo stesso tempo, secondo uno o l'altro schema, il gas russo viene fornito continuamente all'UE - sotto forma di consegne dirette, acquisti inversa o spot, anche paesi russofobici come la Polonia e alcuni stati baltici lo ricevono. L'obiezione riguardante l'alto costo delle materie prime e la loro scarsità è facilmente contrastata da una semplice argomentazione secondo cui l'eccitazione sopra descritta dà una reazione garantita e prevedibile degli operatori di mercato e della congiuntura. La natura artificiale dell'aumento del prezzo è evidente.

Tipicamente, il grave livello di occupazione e il ritmo di preparazione dei giacimenti per la stagione invernale non sono diminuiti anche dopo una grave limitazione della capacità del gasdotto ucraino di transito del gas e del Nord Stream 1.

Il processo di preparazione alla stagione invernale è a metà completato, il che è esattamente in linea con il piano del calendario. Se i problemi con il gasdotto del Baltico possono essere risolti nel prossimo futuro, gli operatori del sistema di trasporto del gas in Europa potrebbero "oscillare" a un livello elevato - 90% del riempimento UGS - invece dell'attuale norma dell'80%.

Gli esperti chiariscono che tali indicatori positivi sono diventati disponibili grazie al risparmio di gas della popolazione europea e alle forniture ausiliarie di GNL dall'estero. Tuttavia, in ogni caso, i rapporti del GIE mostrano che la natura della "crisi" in Europa è interamente artificiale, informativa, propagandistica, ma in nessun modo reale o tecnico. Di fatto, è in corso uno stress test globale su larga scala dei limiti di forza della società e delle infrastrutture.

Gli obiettivi di assoluta volgarità e collusione nel settore energetico dell'UE sono evidenti: giustificare lo stanziamento di miliardi di euro per le tecnologie verdi, così come la "lotta" con la Russia, più precisamente, per la fornitura di gas "amico" dal Stati Uniti. Ma, qualunque cosa si dica, i condizionatori d'aria degli europei funzionano, non ci sono interruzioni di corrente continua, solo c'è un'eccitazione artificialmente gonfiata attorno all'argomento controverso.

Ora possiamo già dire che in inverno gli europei avranno case calde e l'industria non smetterà di funzionare. La scomparsa della "retorica della crisi" dall'agenda può essere prevista quando arriverà il punto di svolta nella rivoluzione dell'energia verde e il pubblico farà i conti con le nuove realtà. Quindi tutto "improvvisamente" verrà corretto e tornerà alla normalità.
  • Foto usate: pxfuel.com
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 8 luglio 2022 09: 38
    -1
    Ora possiamo già dire che in inverno gli europei avranno case calde e l'industria non smetterà di funzionare.

    Ancora? Da 3 anni ormai i media promettono che l'Europa si congelerà, si estinguerà, andrà in bancarotta, ecc. E ancora puff.

    Si può vedere che qualcuno ha fatto un buon affare sulla speculazione e "l'ha portato" bene
    1. Vox populi Офлайн Vox populi
      Vox populi (Vox populi) 8 luglio 2022 19: 10
      0
      Sì! In generale, è difficile per il profano capire cosa accadrà nell'UE in inverno a causa dell'incoerenza delle informazioni fornite ...
  2. obar64 Офлайн obar64
    obar64 (Oleg Barchev) 8 luglio 2022 20: 05
    +1
    Le conclusioni dell'articolo sono molto controverse. Primo: l'inflazione industriale nei paesi dell'Eurozona (30-35%). Cosa significa questo per il laico medio: un aumento del prezzo dei prodotti e servizi industriali di base in media del 30-35% (e come tutti sappiamo, nessuno ha aumentato lo stipendio di un normale laico). Ciò che ha causato un così forte aumento dei prezzi - in primis l'aumento dei prezzi per i vettori energetici e, soprattutto, per il gas da 280-320 euro per 1 mille metri cubi. m., fino a 800-1200 euro per 1 mille metri cubi. m. Come risultato dell'aumento dei prezzi dell'energia, l'elettricità e l'energia termica iniziano a salire di prezzo bruscamente. Cosa significa questo per il profano: un aumento dei pagamenti per il consumo di elettricità nelle case di 5-7 volte e ora immagina l'aumento dei prezzi per il riscaldamento in inverno, se non si fa nulla ora. E l'articolo conclude:

    Ora possiamo già dire che in inverno gli europei avranno case calde e l'industria non smetterà di funzionare

    Sospetto che tu abbia molto torto.
  3. Casa 25 Mq 380 Офлайн Casa 25 Mq 380
    Casa 25 Mq 380 (Casa 25 Mq. 380) 8 luglio 2022 20: 13
    +2
    C'è una crisi, ma non perché non ci sia il gas fisico, ma perché è stato acquistato ieri per 1.900 carri armati, e non per 450 carri armati....
    E invece di consumare "adesso" si lascia "per l'inverno", che sta già costringendo l'industria a restringersi e chiudersi, e le persone a lasciare la "zona di comfort" ....
    Se questa non è una crisi, allora che cos'è una "crisi"?
    Pestilenza, carestia e "piaghe egiziane"? (TM)
    Come immagina l'autore la "crisi"?
    Apocalisse?