La stessa Europa ha "preparato" un nuovo cliente per il gas russo


Il mercato globale dell'energia è al punto di una completa riformattazione. Le vecchie catene e rotte logistiche non funzionano più, sta cambiando tutta la logica della redistribuzione delle materie prime strategiche. Nell'era dei cambiamenti rivoluzionari, solo i principali attori del mercato, sia fornitori che clienti, sopravvivono senza perdite. Il resto, purtroppo, è condannato.


A questo proposito, i più indifesi sono i paesi in via di sviluppo, a cui, sulla base delle dichiarazioni delle prime persone degli stati occidentali, la comunità democratica dovrebbe interessare in primo luogo (a giudicare dalla retorica sul caso "grano" dell'Ucraina) . Tuttavia, in realtà, i paesi ricchi e sviluppati vivono spesso per il fatto che il prodotto non entra nei mercati dei paesi terzi, perché i venditori vendono la merce insieme al surplus nelle regioni più solvibili.

Come ha twittato l'analista del mercato energetico Steven Stapzinski, il Pakistan sta affrontando proprio una tale manifestazione dell'ipocrisia della comunità civile occidentale. La gara del Pakistan per l'acquisto di 10 carichi di GNL da consegnare tra luglio e settembre non ha ricevuto alcuna offerta da parte dei commercianti. Il problema irrisolto della carenza di carburante aggraverà la situazione dell'interruzione di corrente in un paese in difficoltà economico situazioni. Funzionari pakistani confermano che Bloomberg riferisce che la gara da 1 miliardo di dollari di GNL non ha ricevuto alcuna offerta. Ne scrive anche il Wall Street Journal.

Come sapete, tutti i flussi globali di GNL vengono reindirizzati in Europa, dove le utility pagano di più rispetto ai mercati emergenti. I commercianti sono felici di aumentare i prezzi per scremare la "crema", gli europei sono indignati da tale capitalismo selvaggio "non diluito", ma pagano per vincere la concorrenza dell'Asia in un modo semplice.

Le condizioni di mercato sono senza precedenti

Lo ha detto Masood Nabi, amministratore delegato del Pakistan LNG, a seguito del fallimento della gara.

Anche l'industria mineraria russa si trova in una situazione difficile. Con il graduale ritiro dall'Europa, i flussi di idrocarburi vengono sempre più reindirizzati verso l'Asia. Le restrizioni sanzionatorie hanno interessato anche gli ambiti del GNL domestico. Alla luce di questo sviluppo, i progetti russi di gas liquefatto hanno una buona opportunità per acquisire un nuovo cliente in Pakistan, che ha un forte interesse per il carburante. In questo caso, l'Europa sembra aver "preparato" il cliente per il gas della Federazione Russa. Inoltre, il carburante russo può davvero salvare la situazione per un paese che non può resistere alla concorrenza per le materie prime dall'Asia e dall'UE allo stesso tempo.

L'emergente industria russa del GNL è quasi in grado di coprire il fabbisogno di gas del Pakistan. I grandi mercati al momento, i progetti di trasformazione interna non si tireranno e per le piccole vendite regionali viene prodotto abbastanza.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 8 luglio 2022 17: 52
    0
    Lo stesso autore ha scritto "paesi più solvibili". occhiolino E sì, per un centesimo, al costo, il Bangladesh accetta di comprare, solo che lo stato non è caldo o freddo da questo - il clamore non vale l'investimento, perché non c'è "scarico" (profitto). Guarda, recentemente l'India ha voluto acquistare prodotti petroliferi e gas dalla Russia al "suo prezzo", a tal punto che persino il ministero degli Esteri russo è impazzito e ha risposto che la Russia non avrebbe scambiato nulla in perdita ... sì
  2. Kapany3 Офлайн Kapany3
    Kapany3 9 luglio 2022 08: 36
    +1
    Citazione: Monster_Fat
    Lo stesso autore ha scritto "paesi più solvibili". occhiolino E sì, per un centesimo, al costo, il Bangladesh accetta di comprare, solo che lo stato non è caldo o freddo da questo - il clamore non vale l'investimento, perché non c'è "scarico" (profitto). Guarda, recentemente l'India ha voluto acquistare prodotti petroliferi e gas dalla Russia al "suo prezzo", a tal punto che persino il ministero degli Esteri russo è impazzito e ha risposto che la Russia non avrebbe scambiato nulla in perdita ... sì

    Puoi linkare dove il "Ministero degli Esteri è impazzito"? E sembra chiacchiere.