In Europa è in arrivo la più grande ridistribuzione della proprietà


Il governo tedesco si trova di fronte a una scelta difficile tra un cattivo modo per salvare le compagnie del gas e l'industria nel suo insieme e una pessima decisione su un'altra ondata di aumenti tariffari per i consumatori. Ai problemi si aggiunge la necessità forzata di salvare dal baratro del fallimento la grande azienda Uniper, che ha risentito molto della riduzione delle forniture di gas.


Il management della compagnia chiede direttamente di risolvere la questione della ripresa delle forniture di gas russo, in quanto le "fonti alternative" sono troppo costose. Se è impossibile restituire le materie prime dalla Federazione Russa, allora Uniper propone di fornirle un enorme aiuto di stabilizzazione per un importo di 9 miliardi di euro (più della sua capitalizzazione di mercato) e quindi di aumentare i prezzi per i consumatori finali.

Tuttavia, la soluzione più rivelatrice e sintomatica è offerta dagli azionisti della società. Secondo loro, Uniper dovrebbe essere nazionalizzata dallo Stato. Non c'è dubbio che il colosso tedesco del gas, grande operatore di centrali elettriche, sarà finanziato e poi trasferito alla gestione dello Stato. Forse la situazione si sta sviluppando secondo un dato scenario in modo del tutto naturale e consapevole. Il precedente tedesco servirà da prologo a una massiccia ridistribuzione di grandi proprietà, la più grande nella storia del capitalismo nella sua forma moderna.

Secondo gli esperti, entro l'inizio della prossima primavera, molte aziende europee dovranno affrontare il destino di Uniper. Saranno nazionalizzati e finanziati dallo Stato a condizione di essere trasferiti sotto l'“ala” del governo.

Ciò che Uniper prevede accadrà sicuramente. E la preoccupazione non sarà l'ultima ad aver bisogno di soldi. Entro aprile 2023 ci sarà un lungo elenco di tali società in tutta Europa

L'esperto di Bloomberg Javier Blas prevede.

Secondo l'analista dell'agenzia, la tendenza riguarderà tutta l'Europa e il Regno Unito. I processi sono stati avviati in Germania, e già in Francia, poiché le autorità nazionalizzano l'operatore della centrale nucleare EDF. La crisi prima o poi finirà, è improbabile che gli Stati che hanno deciso di nazionalizzare i loro grandi residenti industriali vogliano lasciarli nel bilancio dei bilanci per molto tempo, quindi una nuova ondata di privatizzazioni non è lontana.

Questo, infatti, è il piano per realizzare la ridistribuzione della proprietà e il cambio di capitale in modo quasi legale al XNUMX% senza scatenare una guerra. Inoltre, il secondo obiettivo di una transizione finanziaria così seria è la deglobalizzazione delle società tradizionalmente transnazionali. Molto probabilmente, durante la riprivatizzazione, verranno trasferiti al proprietario su base nazionale per sbarazzarsi del capitale estero nel fondo legale. Inizialmente l'idea della nazionalizzazione forzata era quella di "espellere" i proprietari russi dagli azionisti dei colossi energetici d'Europa, ma in generale è giunto il momento di una "pulizia" globale. In questo senso, la situazione con Uniper sarà una sorta di faro e pietra di paragone per l'inizio di seri cambiamenti l'economia Vecchio mondo.
  • Foto utilizzate: twitter.com/uniper_energy
22 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 9 luglio 2022 06: 36
    -1
    Molto probabilmente, durante la riprivatizzazione, verranno trasferiti al proprietario su base nazionale per sbarazzarsi del capitale estero nel fondo legale.

    dubbioso. Ho ipotizzato e presumo un'altra opzione.
    1. Spectr Офлайн Spectr
      Spectr (Dmitry) 9 luglio 2022 09: 56
      +4
      Ci sarà una sola finale. Tutte le principali società in Europa saranno sotto il cofano degli Stati Uniti. Sono nazionalizzati a favore di determinati individui o acquistati al valore residuo.
      L'Europa può chiedere aiuto a Chubais, che ora è trincerato in Turchia. sorriso
      1. Vdars Офлайн Vdars
        Vdars (Vincitore) 9 luglio 2022 16: 05
        0
        È improbabile che Chubais aiuti qui, poiché il pensiero è puramente americano. Dalla parola "nazionalizzazione" si torna indietro dall'anima!!
      2. sat2004 Офлайн sat2004
        sat2004 9 luglio 2022 16: 29
        0
        Quello - allora l'inflazione in Turchia è fiorente ei kazaki venderanno petrolio senza la Russia.
  2. colonnello Kudasov (Boris) 9 luglio 2022 06: 56
    +2
    L'energia controllata dallo stato è normale
    1. Sidor Bodrov Офлайн Sidor Bodrov
      Sidor Bodrov 9 luglio 2022 12: 04
      +5
      Il problema principale dell'Unione Europea è che è comandata da burattini americani - borells, fonderlaks, macron, schols e altri incaricati di Washington. Non permetterà agli Stati Uniti di vivere in modo indipendente, calmo e ricco in Europa, beh, cioè meglio che nel Nuovo Mondo.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 luglio 2022 08: 20
    0
    È una questione di vita. È strano che sia così tardi e meschino. Durante la crisi della corona, hanno scritto, gli arabi hanno iniziato ad acquistare massicciamente le azioni di cui avevano bisogno.

    Abbiamo una ridistribuzione della proprietà in corso da molto tempo.
    Salvezza da parte dello stato di banche in bancarotta, fallimento e riacquisto di imprese. E ora anche "in partenza"
  4. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 9 luglio 2022 08: 55
    +2
    Questo è semplicemente l'inizio del ricatto della Germania da parte di Uniper, un'offerta per compensare le perdite causate dal divieto statale all'esercizio di SP2.
    Uniper è una delle cinque società occidentali che hanno finanziato metà del costo della parte sottomarina di NS2.
    Molto probabilmente questo è il primo segno. Se la Germania si rifiuta di iscrivere sul bilancio una società in perdita (per colpa dello stato), essa (la società) farà causa. Seguono le altre 4 società che hanno finanziato SP2.
    E poi a loro si uniranno coloro che hanno costruito la continuazione a terra della SP2, dove i costi erano 3 volte superiori. La richiesta terrà conto degli interessi bancari su prestiti, mancati profitti e ...
    Allo stesso tempo, va ricordato che Gazprom, guardando il pasticcio che sta succedendo con SP2 in Germania, ha affermato che stava prelevando metà dei volumi di gas previsti (e forniti alla parte europea della Russia, che è costato anche un un sacco di soldi) sotto SP2 per i suoi progetti in Russia. Si tratta della gassificazione della regione di Murmansk (livello di gassificazione - 0) e della Carelia (livello di gassificazione - 30%). E altro ancora.
    Nell'ambito di questi progetti (incluso) la Federazione Russa ha spremuto i dividendi di Gazprom. 1,2 trilioni rubli. Nello stesso punto, deve essere posato anche un tubo ed eseguito il cablaggio locale.
    Cioè, anche se la Germania cambia idea su SP2, i tubi produrranno solo la metà del volume previsto. Il resto - dopo un po' di tempo (considerevole) e molto denaro separato. È necessario trascinare tubi aggiuntivi dalla Siberia.
    E cosa volete, signori borghesi? Devi pensare più velocemente.
    1. aslanxnumx Офлайн aslanxnumx
      aslanxnumx (Aslan) 9 luglio 2022 09: 13
      +2
      E cosa pensava la "nostra" dirigenza della costruzione del gasdotto al nostro nemico, senza gassificazione dei loro territori Mi fa infuriare quando ricordano le difficoltà degli europei, vi ricorderete di noi cittadini della Russia.
      1. Boriz Online Boriz
        Boriz (borizia) 9 luglio 2022 09: 48
        -1
        Mi fa infuriare quando ricordano le difficoltà degli europei, vi ricorderete di noi cittadini russi.

        È una denuncia contro di me? Sono un cittadino della Federazione Russa, proprio come te.
        1. aslanxnumx Офлайн aslanxnumx
          aslanxnumx (Aslan) 9 luglio 2022 10: 17
          -3
          Questo sono io per la leadership e applausi per i patrioti
      2. sat2004 Офлайн sat2004
        sat2004 9 luglio 2022 16: 45
        +1
        E quando la "nostra" leadership ha pensato a noi, non ricordo nulla. Ebbene, come senza energia verde, Nabiullina ha provato a spingere nel Consiglio della Federazione. Di conseguenza, la Russia ha perso 300 miliardi di dollari e la Duma di Stato ha approvato la perdita. Ecco la "cura" per i medici, 30 tonnellate di stipendio e 33 anni di servizio, i veri eredi dell'opera di Ilyich, come allora: "Io ne ho il diritto, sì certo, ma tu puoi, non puoi. "
      3. boccata di birra Офлайн boccata di birra
        boccata di birra (Igor Trabkin) 9 luglio 2022 18: 46
        0
        E cosa pensava al nostro nemico la "nostra" dirigenza della costruzione del gasdotto, senza la gassificazione dei loro territori

        Penso che stesse pensando ai guadagni in valuta estera. E la gassificazione del suo territorio sembra iniziata nel lontano 2005, ma tutt'altro che a un ritmo accelerato.
        1. Expert_Analyst_Forecaster 10 luglio 2022 04: 10
          +1
          La gassificazione è in corso. È difficile giudicare se si tratta di un ritmo accelerato o meno. Qual è il criterio di impatto?
          Personalmente, ho esaminato i dati nel mio campo per molti anni. Ogni anno aumenta la percentuale di gassificazione. E così per molti anni. Quindi chi scrive

          costruire un gasdotto al nostro nemico senza gassificare i nostri territori

          solo un bugiardo.
          Per coloro che stanno aspettando la completa gassificazione della Russia, vorrei consigliarvi di guardare la mappa della Russia.
          Probabilmente non sanno che abbiamo, per usare un eufemismo, un grande Paese. E per la gassificazione di qualsiasi insediamento o villaggio, è necessario costruire un gasdotto lungo 20-30-50-70 km. Il che è molto costoso dal punto di vista economico: un gasdotto del genere ripagherà solo dopo decine, se non centinaia di anni.
          Bene, in termini di tempo - pensi che sia facile allungare un gasdotto lungo anche 20 km - attraverso la taiga o in montagna?
          Siamo realisti e non ascoltiamo le persone stupide che vogliono tutto in una volta (e per procura).
          1. inviato speciale Офлайн inviato speciale
            inviato speciale (Oleg) 11 luglio 2022 13: 01
            0
            E per la gassificazione di qualsiasi insediamento o villaggio, è necessario costruire un gasdotto lungo 20-30-50-70 km. Il che è molto costoso da un punto di vista economico: un gasdotto del genere ripagherà

            Non pagherà mai davvero. La gassificazione dei tubi di città e villaggi con una popolazione in calo è una completa sciocchezza. Gassificare solo insediamenti promettenti che hanno prospettive di sviluppo industriale (agrotecnico). Il resto è gas liquefatto.
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 9 luglio 2022 11: 18
    +1
    La nazionalizzazione non è il sequestro di proprietà, ma il riscatto da parte dello Stato per i soldi del popolo di un'impresa fallita dai suoi proprietari a un prezzo negoziato con esso.
    In tempi di crisi, i cosiddetti. “classe media” e il suo business, ma anche in ripresa più rapida dopo la fine della crisi.
    Le grandi imprese, in primo luogo, sono più difficili da "inghiottire" i concorrenti
    in secondo luogo, avendo una rete di filiali, strutture affiliate e dipendenti, c'è un "trabocco" di capitale da una struttura all'altra, più riuscita e promettente, a seguito del quale alcune muoiono e altre fioriscono. Di conseguenza, i proprietari non solo non perdono nulla, ma aumentano anche il reddito attraverso lo sviluppo di aree nuove e promettenti.
    e in terzo luogo, lo Stato fa sempre tutto il possibile per sostenerlo e preservarlo, procedendo non tanto da ragioni sociali.
    Per quanto riguarda il capitale russo negli affari esteri, c'è una guerra politica ed economica ufficialmente dichiarata dall'Occidente contro la Federazione Russa, il cui obiettivo finale è la distruzione attraverso l'indebolimento dell'economia e la successiva divisione della Federazione Russa in entità statali controllate. Pertanto, non c'è nulla di inaspettato, non solo nello spostamento di capitali russi, ma anche nel furto di riserve auree.
    1. Expert_Analyst_Forecaster 9 luglio 2022 14: 36
      +1
      La nazionalizzazione non è il sequestro di proprietà, ma il riscatto da parte dello Stato per i soldi del popolo di un'impresa fallita dai suoi proprietari a un prezzo negoziato con esso.

      Perché sarebbe? Il trasferimento gratuito alla proprietà statale è del tutto possibile.
  6. zavhoz_rus Офлайн zavhoz_rus
    zavhoz_rus (Alex) 9 luglio 2022 12: 39
    +2
    La russofobia è cara, signori, d'ora in poi NON partner.
  7. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente 9 luglio 2022 16: 29
    0
    E vorrei sapere dove la Germania prenderà così tanti soldi per la nazionalizzazione e il prestito a società così grandi. Se lo stampano, aumenteranno l'inflazione. Il loro fatturato scarseggia già! Bene, i neri lavorano poco e chiedono molto. Non vogliono imparare! In inverno, i neri e gli affamati aumenteranno di diversi milioni.
  8. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 9 luglio 2022 19: 38
    0
    Privatizzazione degli utili, nazionalizzazione delle perdite. I tedeschi se lo meritano.
    1. Vox populi Офлайн Vox populi
      Vox populi (Vox populi) 9 luglio 2022 19: 53
      0
      I lettori disattenti potrebbero pensare che si tratti di noi! strizzò l'occhio
  9. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 10 luglio 2022 10: 15
    0
    C'è un normale processo di sottrazione di proprietà ad alcuni e di trasferimento ad altri. Di solito per il capitalismo in qualsiasi fase. Ma durante una crisi, questo diventa grande e i processi sono fortemente accelerati. Per questo si creano crisi e l'Occidente l'ha creata con le proprie mani. Ma la nazionalizzazione delle imprese è dubbia. chi ha ordinato la crisi dovrebbe riceverne i benefici, e questi non sono assolutamente i paesi dell'UE. Ai servitori privati ​​dei diritti sarà gettato solo un osso rosicchiato dalla tavola del padrone.