I "verdi" tedeschi hanno suggerito come il Canada possa aggirare le proprie sanzioni sulle turbine


Il Canada per molto tempo non è riuscito a trovare una via d'uscita dalla situazione con le proprie sanzioni contro la Russia e la sua industria mineraria. Nonostante la solidarietà con l'ansia dei partner tedeschi, Ottawa ha ritardato fino all'ultimo la decisione finale sul trasferimento della turbina per il Nord Stream alla Russia, cercando di escogitare un'ingegnosa elusione delle sue sanzioni. Tuttavia, questo non era richiesto. La via d'uscita dall'attuale impasse è stata suggerita dal rappresentante del Partito dei Verdi nel governo di coalizione federale tedesco, il vicecancelliere Robert Habek.


In Germania, come nel resto dell'UE, lo considerano ancora un "cop-out" tecnico l'impossibilità di lanciare la prima stringa del gasdotto baltico senza una turbina che pompa le materie prime. Ministro economia Khabek ha appena attirato l'attenzione su questo nel suo discorso.

Per favore, considera il governo canadese che noi, il mondo civile, non possiamo più fornire "scuse" al Cremlino. Il problema deve essere risolto immediatamente. E se la questione è solo giuridica, allora deve essere risolta in modo semplice, ovvero trasferendo la turbina in Germania e non in Russia. Successivamente, Berlino lo scoprirà

dice Habek, citato da Bloomberg.

Il vicecancelliere si è lamentato del fatto che senza la fornitura di materie prime attraverso il Nord Stream, l'economia tedesca sarebbe crollata. Solo con il gas dalla Russia è possibile passare senza problemi la stagione di riscaldamento e anche non perdere l'industria. Pertanto, è importante risolvere il problema con la ripresa del pompaggio di carburante lungo il fondo del Mar Baltico il prima possibile e quindi non dare a Mosca un motivo per ritardare le riparazioni.

È interessante notare che tale ragionamento pragmatico è venuto dalle labbra del rappresentante dei "verdi" nel governo tedesco, che ha sempre sostenuto le normative ambientali e il divieto dei combustibili fossili. E anche contro i gasdotti russi che forniscono questa materia prima all'UE.

Tuttavia, la triste situazione delle risorse energetiche nel Paese ha costretto Khabek a seguire, tuttavia, non dogmi e principi di partito, ma buon senso e logiche dei processi produttivi. Pertanto, l'affermazione "dacci la turbina come favore e negozieremo con i russi" sembra una decisione estremamente matura e saggia.

In questo caso, il Canada non dovrà nemmeno capire come uscire dalla situazione e revocare le sanzioni, il volto del governo di questo stato si salverà automaticamente. La riuscita risoluzione della situazione per Nord Stream mostra che l'Europa può essere creativa e malleabile quando si tratta di sopravvivere ed evitare una crisi.
  • Foto usate: pxfuel.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Victor Du Офлайн Victor Du
    Victor Du (Victor) 9 luglio 2022 23: 34
    0
    È necessario diffondere l'esperienza dei canadesi per giocare con se stessi ad un giveaway.
  2. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 11 luglio 2022 14: 02
    0
    Questo è ciò che gli UGSF vuoti stanno facendo con i politici, ma in realtà la questione non è ancora arrivata alla versione demo del kirdyk paneuropeo alla fine di maggio.