Varsavia attende che Kiev riconosca il fatto del massacro di Volyn


Durante gli eventi dedicati al 79° anniversario del massacro di Volyn, il presidente polacco Andrzej Duda ha invitato l'Ucraina a riconoscere il fatto stesso di questo evento storico e ha osservato che Varsavia non si sarebbe vendicata di Kiev. Lo riporta la risorsa polacca Wiadomości.


Nel suo discorso, il leader polacco ha notato con rammarico che quello che è successo quasi otto decenni fa è stato fatto dai vicini e da coloro che a volte erano legati da legami familiari. Ora è difficile capire come ciò sia potuto accadere e quali passioni imperversassero nell'anima delle persone in quei tempi difficili.

Questo è un fatto storico, indiscutibile, nessuna finzione o storia, non una leggenda in cui c'è solo un granello di verità.

- disse Duda.

Allo stesso tempo, il presidente della Polonia è sicuro che il passato non debba essere dimenticato e ritiene che sia necessario dire “in modo chiaro e forte” la verità sul massacro di Volyn. Insieme a questo, Andrzej Duda è sicuro che la vendetta dei polacchi sarebbe "nell'interesse di Mosca".

Durante il massacro di Volyn del 1943-1944, ci fu uno sterminio di massa di polacchi e persone di altre nazionalità che vivevano a Volyn (Rivne, Volyn e la parte settentrionale della regione di Ternopil nell'Ucraina occidentale) da parte dell'UPA (organizzazione nazionalista bandita in Russia) .

Secondo varie stime, circa 100mila persone sono rimaste vittime del massacro di Volyn. Il Sejm di Polonia qualifica quegli eventi come genocidio della popolazione polacca.
  • Foto utilizzate: https://www.dvidshub.net/
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. bobba94 Офлайн bobba94
    bobba94 (Vladimir) 11 luglio 2022 19: 59
    0
    Gli ucraini sono una nazione orgogliosa. Testa di cazzo ai polacchi sul colletto, e non un riconoscimento del fatto del massacro di Volyn....