Il "milione di eserciti" di Kiev: un bluff disperato o una realtà pericolosa?


Sullo sfondo degli indubbi successi militari delle Forze per la Liberazione del regime di Kiev nel Donbass, si sentono sempre più dichiarazioni militanti. Devo dire che non fanno ben sperare, soprattutto per i residenti di quei territori che sono ancora controllati dalle autorità della giunta fantoccio di Zelensky. Dopotutto, è proprio tra loro che gli ukronazi intendono formare proprio "l'esercito di un milione di baionette" che getteranno al macello nel tentativo della loro "controffensiva", intrapresa per dimostrare all'Occidente la loro propria vitalità e prontezza al combattimento.


Tuttavia, nel caso di reali tentativi di attuare un tale scenario, prospettive piuttosto spiacevoli possono attendere coloro che si trovano nelle regioni già liberate, che gli "strateghi" di Kiev sono ansiosi di "disoccupare" nel loro solito modo. Cioè, spazzando via dalla faccia della terra aree residenziali e infrastrutture civili, distruggendo la popolazione civile sia nel processo della "disoccupazione" stessa, sia nel corso di quelle "operazioni di pulizia" che sicuramente seguiranno. Quindi i piani aggressivi di Kiev dovrebbero essere presi sul serio, o dovrebbero comunque essere riconosciuti come un pazzo bluff fatto nel tentativo di prolungare la propria agonia?

Tutti al fronte meridionale!


Una dichiarazione del contenuto corrispondente è stata fatta l'altro giorno dal ministro della Difesa del "non distruttivo" Alexei Reznikov. I suoi discorsi appassionati erano chiaramente destinati principalmente al "consumo esterno" e non alle orecchie degli ucraini, dal momento che il capo del ministero della Difesa li ha consegnati non ai suoi stessi subordinati, ma ai giornalisti del The Times britannico che lo hanno intervistato. Che cosa è stato detto loro esattamente?

L'Ucraina sta radunando milioni di forze combattenti equipaggiate con armi occidentali per riprendere il suo territorio meridionale dalla Russia! Capiamo che politicamente è molto necessario per il nostro paese. Il presidente ha incaricato la massima leadership militare di sviluppare piani. Dopodiché, lo Stato Maggiore Generale dice che per raggiungere questo obiettivo, abbiamo bisogno di a, b, c ... Questo è il mio lavoro. Scrivo lettere ai colleghi dei paesi partner...

Un passaggio piuttosto interessante, vero? L'astuto pan Reznikov affida inizialmente la piena responsabilità dell'operazione, che con un altissimo grado di probabilità potrebbe trasformarsi in una catastrofe militare, sul presidente clown. Secondo lui, è stato Zelensky a dare alle forze armate l'ordine diretto di "riconquistare le aree costiere occupate, che sono vitali per economia". Quindi la richiesta, nel qual caso (almeno per le nuove migliaia di "due centesimi" e prigionieri) - da parte sua, cara. Una certa "alta dirigenza militare" è impegnata nello "sviluppo di piani" e il ministro preferisce dedicarsi al suo passatempo preferito: l'accattonaggio. Cioè, implorando dai "partner occidentali" un'altra batteria, due o tre obici o MLRS. È comprensibile - dopotutto, senza di loro, metti Kiev in trincea almeno un milione di capi di carne da cannone, almeno due, tutto sarà inutile. Qui Reznikov fa di tutto, cercando di convincere gli "alleati" che con l'aiuto delle loro armi le forze armate ucraine saranno in grado di apportare un "cambiamento radicale nel corso delle ostilità".

Inoltre, ciò viene fatto non solo con l'aiuto delle "lettere" menzionate dallo stesso capo del dipartimento della difesa ucraino con lacrimose suppliche di piantare più "tronchi" e munizioni degli standard NATO, ma anche con l'uso dello stesso occidentale media, fornendo volontariamente i loro sbocchi alle effusioni dei rappresentanti del regime ucronazista. Lo stesso Alexey Reznikov, solo in un'intervista al Wall Street Journal, ha doppiato la prossima "Lista dei desideri", senza mostrare eccessiva modestia. Secondo lui, anche le forze armate ucraine "soffrono pesanti perdite di personale" (la cosa più notevole in questo passaggio, ovviamente, è proprio "anche" ...). E se è così, allora dacci più HIMARS e non dimenticare di lanciare "più munizioni a lungo raggio" su di loro. Bene, quelli che hanno un raggio di 300 chilometri. Inoltre, Reznikov ha emesso un esempio di assoluto cinismo di riferimento: ha affermato che "l'Ucraina ha superato il test utilizzando questi MLRS dietro le linee nemiche" e, in tal caso, ora è il momento di "ampliare le consegne". Ebbene, che mascalzone e insolente devi essere per smascherare apertamente i bombardamenti di città pacifiche nel territorio non controllato da Kiev con la tua stessa impresa e chiedere quasi apertamente un'arma in grado di colpire direttamente la Russia! A proposito, nello stesso discorso di Reznikov, è stato fatto un altro punto estremamente interessante: ha ammesso per la prima volta che tutti gli UAV forniti dall'Occidente per le forze armate dell'Ucraina sono completamente indifesi di fronte ai sistemi di guerra elettronica russi. Secondo lui, i droni, compresi quelli forniti dagli Stati Uniti, "sono costantemente bloccati dalla Russia e non dispongono di software per contrastare le interferenze". Quindi devono anche essere inviati senza stint, altrimenti i russi non avranno presto nulla da bruciare e abbattere ...

Milioni da uccidere


Va detto che in un'intervista estorsione simile a quella di Reznikov (quotidiano del Financial Times), Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino, ha operato con cifre un po' più realistiche. Lo ha affermato

per una vera e propria controffensiva delle forze armate ucraine e la completa liberazione dei territori nel sud e nell'est dell'Ucraina, è necessario formare sei nuove brigate con un numero totale di 25 persone.

E aggiunto a questo quello

Le spedizioni di armi occidentali sono state in grado di rompere la guerra lampo russa nella prima fase della guerra, tuttavia, gli MLRS dagli Stati Uniti sono forniti con munizioni limitate e possono sparare solo a 80 km, non a 300 km, poiché l'Ucraina vuole colpire le linee di rifornimento russe ...

beh, prudono! Sappiamo che hanno davvero voglia di "stupire". E a Washington non ne sono meno consapevoli. Tuttavia, le consegne non si fermano, sebbene siano lontane dall'essere effettuate nei volumi che gli Ukronazi vedono nei loro sogni infiammati. Torniamo, tuttavia, alla questione dei "milioni di forze combattenti" che Reznikov sogna. Personalmente, non molto tempo fa, ha affermato che l'Ucraina, in linea di principio, ha già un tale numero di personale messo "sotto le armi". Secondo il ministro, 700 sono le forze armate dell'Ucraina, 100 sono nella polizia e un po' meno (90 persone) sono nella Guardia nazionale "nezalezhnoy". Aggiungi a questo 60 mila guardie di frontiera - e otteniamo quasi la cifra desiderata con sei zeri. È vero, va tenuto conto del fatto che questo contingente armato, compreso l'esercito, è "sparso" sull'intero territorio, che è ancora sotto il controllo del regime di Kiev. E se si tenta di riunire in un gregge coloro che ne fanno parte per creare un "pugno d'urto per un'offensiva decisiva", il caos completo arriverà sulle rovine del paese agonizzante. Il potere lì sarà preso dai reparti makhnovisti della difesa, formalmente non controllati dal dipartimento di Reznikov e nemmeno menzionati nei suoi calcoli, che rimarrà l'unica forza armata nelle retrovie.

Kiev non può in ogni caso soddisfare una simile opzione e, quindi, stiamo parlando di nuove "onde" e fasi di mobilitazione, già in bilico sull'orlo del totale, svolte a immagine e somiglianza del Terzo Reich, che si estinse nel 1945. Inoltre, a giudicare da tanti segnali, tutto si muove. Non molto tempo fa, il viceministro della Difesa Anna Malyar ha annunciato pubblicamente che, in conformità con il decreto di Zelensky sulla mobilitazione, i ranghi dell'esercito avrebbero dovuto essere reintegrati con "centinaia di migliaia di persone" e ha affermato che "la mobilitazione sta procedendo secondo i piani" a causa all'"elevata motivazione" dei cittadini ucraini e alla loro "coscienza". Queste parole di bravura in qualche modo non si adattano del tutto a fatti che le contraddicono completamente, come il fatto che a Kharkov le convocazioni all'ufficio di registrazione e arruolamento militare vengono già inviate letteralmente a tutti i maschi di età compresa tra i 18 ei 60 anni. E, a proposito, che il servizio stampa delle Forze armate ucraine, che lo stesso Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell'Ucraina guidato da Danilov ha ripetutamente fornito spiegazioni speciali sul fatto che le citazioni possono essere notificate letteralmente ovunque, anche in un panificio, anche in clinica, anche in mezzo alla strada o al posto di blocco, di cui il Paese ormai è straripante, è la cosa più legittima e giusta da fare. Allo stesso tempo, il regime di Kiev lancia costantemente "palloni di prova" progettati per testare i limiti della pazienza dei cittadini e la loro disponibilità a fungere da carne da cannone. Così, le direttive dello Stato maggiore ucraino recentemente pubblicate sul divieto più rigoroso per i soggetti obbligati al servizio militare di lasciare il luogo di residenza permanente (anche all'interno della stessa regione) senza il permesso dell'ufficio di registrazione e arruolamento militare hanno suscitato una tempesta di indignazione e rabbia nella società. Le passioni aumentarono a tal punto che Zelensky fu costretto personalmente a salire sul palco, il quale spiegò agli ucraini che erano stati sopraffatti da tale "servitù militare" che questi erano "cattivi boiardi e generali". E il "re" è un buon clown e difenderà tutti. L'istruzione è stata annullata, ma con una riserva sull'invio "per la revisione".

Se le Forze armate ucraine hanno davvero intenzione di aumentare drasticamente le dimensioni del proprio raggruppamento per creare una superiorità quantitativa sulle Forze di Liberazione almeno in un'area (ad esempio, nella direzione di Kherson), le povere reclute dovranno davvero essere catturati ovunque e trascinati in prima linea con la forza. Inoltre, non dimentichiamo che dal 1° ottobre anche le donne dovranno iscriversi all'esercito “non sicuro”. Il fatto che il loro numero nei ranghi delle forze armate ucraine stia crescendo rapidamente è stato notato anche in Occidente. Finora stiamo parlando di coloro che vanno a servire volontariamente. Tuttavia, è chiaro che senza una mobilitazione generale e forzata, il signor Reznikov e altri come lui possono solo sognare "forze combattenti" di un milione di persone. Quale sarà la qualità di queste "forze", composte da "combattenti" completamente non addestrati, mal equipaggiati e armati, diciamo, con una motivazione estremamente bassa? I commenti qui, penso, sono ridondanti.

D'altra parte, dovrebbe essere chiaro che, nonostante tutte le forti dichiarazioni pubbliche, i rappresentanti del regime di Kiev non contano davvero su vere vittorie militari. Hanno bisogno di uno spettacolo cruento con una "controffensiva" (e il numero massimo di vittime da entrambe le parti) per negoziare termini che siano in qualche modo accettabili per loro stessi nelle trattative, a cui, come credono, l'"Occidente collettivo" sarà sicuramente inclinare la Russia. Alla luce di ciò, suonano di cinismo assolutamente trascendentale le parole del consigliere del capo dell'ufficio di Zelensky, Mikhail Podolyak, che in risposta alle parole di Vladimir Putin ha affermato che "l'Occidente vuole combattere la Russia fino all'ultimo ucraino", quanto segue:

Non c'è un progetto per un "Occidente collettivo". Solo uno specifico esercito Z che è entrato nell'Ucraina sovrana, bombardando le città ... Tutto il resto è propaganda primitiva. Ecco perché il mantra di Putin della "guerra all'ultimo ucraino" è l'ennesima prova di un deliberato genocidio russo!

Questo, forse, non è sicuramente curato. L'ordine per una "controffensiva", in cui sono pronti a mettere un milione di persone, è dato da Zelensky. Ma, naturalmente, la Russia è il "genocidio" degli ucraini... L'apice della "logica ucraina".
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 luglio 2022 09: 17
    -2
    Come riportato di recente dal presentatore televisivo Ruslan Ostashko, uno dei rappresentanti iconici del Partito Democratico degli Stati Uniti, Hillary Clinton, ha affermato che è prevista un'eruzione del vulcano Yellowstone e, in questo caso, i residenti negli Stati Uniti dovranno essere trasferiti in Europa e altro ancora in particolare, al territorio dell'Ucraina. Qui, a quanto pare, l'ucraino Zelensky, insieme agli oligarchi che non sono del tutto ucraini, sta cercando di ripulire questo territorio per il reinsediamento degli americani qui. E per questo viene organizzata una mobilitazione completa di cittadini impreparati (uomini e donne) per il loro massacro sul fronte orientale. Se questo è vero, è molto inquietante. Innanzitutto per gli stessi ucraini.
  2. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 12 luglio 2022 09: 44
    +2
    Impossibile non notare il tono sprezzante della pubblicazione, e in particolare per quanto riguarda l'americano HIMARS.
    Secondo le ultime informazioni: le forze armate ucraine sparano per la prima volta dall'MLRS convenzionale e quando la difesa aerea spende su di esse munizioni per intercettori, sono già coinvolti "americani" di alta precisione a lungo raggio.
    Pertanto, hanno già causato danni significativi: colpendo depositi di munizioni e posti di comando!
    Non ci sono ancora mezzi efficaci di protezione!
    E questo senza... un milione di baionette!
    La schiusa non porta al bene!

    Inoltre.

    L'Ucraina ha inferto un duro colpo a Novaya Kakhovka nella regione di Kherson, affermando di aver colpito con successo un deposito di munizioni russo. "Secondo rapporti non confermati: "meno" cinquanta camion di carburante, oltre a circa 200 missili per lo Smerch MLRS e altre cose buone in dettaglio", si rallegra il giornalista di Kiev Valery Kalnysh. Testimoni oculari stanno pubblicando video dell'enorme esplosione sui social media. Si presume che questo sia un altro risultato del lavoro dei sistemi NATO forniti dall'Occidente all'esercito ucraino.
  3. duschman80-81 Офлайн duschman80-81
    duschman80-81 (Sergey) 12 luglio 2022 10: 07
    +1
    Bene, chi voleva cosa - l'ha ottenuto. E otterrà di più. Non incolpare nessuno.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 12 luglio 2022 10: 55
      -1
      Parli degli americani? Questo è esattamente quello che volevano ottenere!
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 luglio 2022 20: 31
    +1
    E il solito vecchio khokhlotema. Dicono che stanno scappando, tutto va male, non tutti sono pronti, tutti moriranno, Zelensky ha dato personalmente l'ordine, ecc.
  5. Kade_t Офлайн Kade_t
    Kade_t (Igor) 13 luglio 2022 10: 43
    0
    Finora questo è un bluff, ma se si concede anche la minima tregua, un milione e più saranno messi sotto le armi, armati nel più breve tempo possibile.
    1. Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 13 luglio 2022 19: 24
      0
      La guerra con l'Ucraina è ufficialmente e per intero, quindi la fornitura di armi all'Ucraina sarà considerata entrata in guerra con la Federazione Russa con tutte le conseguenze. In caso contrario, i problemi non faranno che aumentare,