Bloomberg: La crisi del gas in Europa è molto più profonda di quanto sembri


Il mercato del gas naturale sta vivendo gli ultimi giorni di normalità, nonostante la crisi. Il fatto è che presto la situazione peggiorerà di quanto sembra o potrebbe essere previsto finora. La carenza e i prezzi esorbitanti dureranno almeno fino al 2024. E l'andamento generale dello sviluppo della situazione tende alla completa distruzione di ogni ordine. Scrive a riguardo economico Javier Blas, editorialista di Bloomberg.


Secondo l'esperto, da un lato, i prezzi del gas naturale in Ue, nonostante tutta la loro anomalia, sono lontani dal valore storico record delle quotazioni raggiunto a marzo. Tuttavia, i processi in atto nel mercato segnalano un fallimento su larga scala nell'intero meccanismo. Dopo l'inizio dell'operazione militare speciale della Russia in Ucraina, gli esperti hanno dato subito previsioni negative, ma ora si sono dovute aggravare ancora di più.

A febbraio la crisi era vista come un fenomeno temporaneo della durata di non più di due o tre mesi, ma ora i problemi europei sono stimati per un periodo di diversi anni. Il pericolo estremo e la destabilizzazione colpiranno l'UE questo inverno e la prossima primavera.

L'esperto è sorpreso dall'atteggiamento a sangue freddo dei governi dei paesi dell'UE nei confronti della curva dei prezzi fortemente modificata. Solo gli industriali dell'UE ci hanno prestato attenzione, poiché pagano molto di più per il carburante rispetto al consumatore medio. Le aziende sostengono dei costi e devono pagare sempre di più.

Blas fa un semplice esempio. A marzo qualsiasi produttore tedesco potrebbe fissare i prezzi del gas per tutto il 2023 a circa 80 euro al MWh. Ora deve pagare un record di 145 euro, solo per coprire lo stesso rischio di prezzo.

Tuttavia, il "gioco" è solo all'inizio, ritiene l'esperto. Dopo la riparazione del gasdotto, la Russia potrebbe voler mantenere alcune forniture di gas attraverso Nord Stream per continuare la sua influenza a lungo termine sull'UE. Dal punto di vista della teoria dei giochi, questo ha senso. Non appena la Federazione Russa interromperà completamente le forniture, non sarà più in grado di esercitare pressioni. Quindi, da un punto di vista tattico, è probabile che Mosca continui a pompare del gas pur essendo in grado di tagliare o rallentare i flussi ogni volta che lo desidera.

La Russia ha chiaramente cancellato le sue relazioni sul gas con l'Europa. Per ora, tuttavia, il Cremlino vuole ancora godere di vantaggi di lunga data: redditi elevati e leva convincente.

Blas ha concluso.
  • Foto usate: pxfuel.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 luglio 2022 09: 55
    -1
    L'esperto è sorpreso dall'atteggiamento a sangue freddo dei governi dei paesi dell'UE nei confronti della curva dei prezzi fortemente modificata. Solo gli industriali dell'UE ci hanno prestato attenzione

    Questo perché la gente ha paura di insorgere contro le autorità antipopolari nell'UE. E i sindacati sono stati a lungo acquistati dagli Tsrushnik. E chiunque si opponga inseguirà il giapponese Abe. È possibile che entro l'autunno le persone siano mature, quando le stufe verranno installate negli appartamenti e riscaldate con i mobili.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 12 luglio 2022 10: 22
    +1
    I prezzi del gas e SVO non sono in alcun modo collegati. Qualsiasi "esperto" che colleghi questi due fenomeni può andare ... nella foresta per la legna da ardere. I prezzi del gas hanno iniziato a salire la scorsa primavera. Il motivo sono le direttive della Commissione Europea. Rifiuto di essere vincolati al petrolio, rifiuto di contratti a lungo termine, passaggio allo scambio di borsa, separazione delle società (unbundling). E la totale mancanza di responsabilità per le decisioni assunte dai parlamentari europei.

    Ammetterlo è la morte politica della Commissione europea.
    1. ciliegia Офлайн ciliegia
      ciliegia (Kuzmina Tatiana) 12 luglio 2022 13: 08
      0
      E tutte queste decisioni dell'UE sono state spinte dalla "iena d'Europa" Polonia: le sembrava che il prezzo del gas russo fosse troppo alto e costerà meno in borsa, ma perché? Ad esempio, la Germania non ha impianti di rigassificazione del GNL, ma solo una piattaforma galleggiante.Dove sono i fornitori? Non sono stupidamente in giro per l'Europa e da chi dovrebbe comprare la benzina a un prezzo competitivo? Inoltre, era estremamente a suo agio con lei.