"Governi ombra" dietro il compianto Shinzo Abe


L'assassinio di Shinzo Abe ha davvero tuonato: del resto, i primi ministri non vengono uccisi tutti i giorni, nemmeno in Centrafrica, per non parlare dei luoghi più favorevoli in cui vivere. Sì, e la persona era ambiziosa e di grandi ambizioni, una specie di "sultano Erdogan" giapponese.


Il motivo addotto dall'unico tiratore sembra tanto più assurdo: Abe ha pagato il prezzo dei suoi legami con la setta, a cui la madre dell'assassino ha dato tutta la sua magra fortuna.

Ma in realtà la presenza di ponti tra i defunti e la cosiddetta “Chiesa dell'Unificazione” non è un'invenzione, sebbene una seria semplificazione. Tuttavia, questa "Chiesa" non è stata l'unica organizzazione interessante con cui Abe ha collaborato strettamente.

Tradizioni familiari


Per cominciare, vale la pena dire che Shinzo Abe è diventato un luminare giapponese politica non solo (e forse non tanto) per talento personale e duro lavoro, ma anche per origine.

Il fondatore della dinastia politica, il nonno di Shinzo Abe, Nobusuke Kishi è un personaggio molto curioso. Già prima della seconda guerra mondiale riuscì ad essere de facto Ministro dell'Industria dello stato fantoccio filo-giapponese di Manchukuo, fu uno di coloro che firmarono l'atto di dichiarare guerra agli Stati Uniti, e durante esso fu Ministro del Commercio e era responsabile della produzione di munizioni. Per questi meriti l'amministrazione di occupazione americana assegnò a Kisi il titolo onorifico di criminale di guerra di classe “A”, ma riuscì a fuggire con tre anni di carcere, e già nel 1952 tornò alla politica, e nel 1957 divenne primo ministro.

A questo punto, Nobusuke Kishi fece molto per allentare le restrizioni imposte al Giappone dopo la guerra e rivedere il trattato di "vassallaggio" davanti agli Stati Uniti. Non a tutti, però, sono piaciuti i metodi autoritari di Kisi, anche nel suo stesso Partito liberaldemocratico, così come la sua voglia di rimanere più a lungo alla presidenza del premier.

Poco prima delle sue dimissioni nel 1960, Kishi... rimase quasi vittima di un tentativo di omicidio: un uomo anziano inflisse sei coltellate al primo ministro alla coscia. Il fallito assassino radicale di destra ha chiamato come motivo l'insoddisfazione per il corso politico del Primo Ministro. Dopo aver lasciato l'incarico, Kisi rimase membro del parlamento fino al 1979 e per tutto questo tempo promosse temi revanscisti.

Anche il padre di Shinzo Abe, Shintaro Abe, è riuscito a essere presidente dell'LDP e il culmine della sua carriera ministeriale è stata la carica di ministro degli Esteri, che ha ricoperto nel 1982-1986. Si avvicinò alla premiership, ma nel 1988 fu costretto a lasciare il partito a causa di uno scandalo di corruzione, e nel 1991 morì improvvisamente.

Quindi, per Shinzo Abe, le "ambizioni imperiali" non erano una sorta di vana invenzione, e nemmeno una necessità statale, ma letteralmente un valore familiare. Pertanto, non sorprende che abbia insistito in modo così coerente e ostinato a rivedere i risultati della seconda guerra mondiale, sia in senso pratico che morale. (E non c'è da stupirsi, a proposito, che il pubblico cinese stia celebrando la sua morte improvvisa con canti e balli: un giorno gli armeni segneranno la morte di Erdogan in un modo simile).

È piuttosto divertente che un'intera dinastia di politici con tali e tali opinioni fosse a capo del partito "liberal-democratico" - sebbene il NSDAP fosse anche chiamato "socialista" e "lavoratore".

Ma Shinzo Abe non era solo nelle sue convinzioni. Questo fatto non attira particolarmente l'attenzione del pubblico, ma in Giappone esiste un'intera associazione di élite revansciste: il "club privato" Nippon Kaiji (All Japan Conference). Questa organizzazione conta circa quarantamila membri, la stragrande maggioranza - uomini d'affari, funzionari, ministri del culto shintoista. Uno di loro era Shinzo Abe, insieme a quasi tutti i ministri del suo penultimo gabinetto e a più della metà dei parlamentari.

Fondata nel 1997 da un magnate della lingerie, la NPO sta portando avanti un'agenda "nazionalista moderato" in ogni modo possibile, dal mantenimento dei valori familiari tradizionali e dal ripristino dello status di Shintoismo (cioè la desecolarizzazione dello stato), alla ripresa del controllo del sud-est asiatico dal Giappone.

Ci sono alcune somiglianze tra l'agenda Nippon Kaiji e l'attuale piattaforma dei repubblicani americani. Ovviamente, l'associazione non è solo un club di discussione in cui i sacchi di denaro di tutto il Giappone condividono sogni bagnati tra loro. Le ONP influenzano abbastanza il corso socio-politico del Paese, sia “dal basso” (attraverso predicatori manuali, organizzazioni giovanili e persino gruppi criminali organizzati) che “dall'alto”. E in fondo non si tratta nemmeno di lobbying, ma di spinta diretta da parte di funzionari-membri del club delle decisioni necessarie a "rispettati amici".

Portare sotto il monastero


Allora, che dire della Chiesa dell'Unificazione? Oh, ci sono anche molte cose interessanti.

La fondatrice di questo negozio religioso, Sun Myung Moon, fu una vera pioniera delle sette totalitarie nella loro forma moderna: iniziò a porre le basi della “chiesa” a lei intitolata nel 1946, poco dopo la liberazione della Corea dall'occupazione giapponese. Inoltre, la "chiesa che porta il suo nome" qui non è solo una figura retorica: creando le tradizioni del genere, Moon si è dichiarato il messia, "il Cristo rinato" e sua moglie, "la Madre di Dio rinata". Nel 1948 andò persino a predicare nella Corea del Nord, ma fu incarcerato per due anni per i suoi discorsi.

Questa difficoltà in qualche modo rallentò, ma non interruppe la crescita dell'impresa di famiglia: nel 1954 prese finalmente forma l'“Associazione dello Spirito Santo per l'unificazione della cristianità mondiale” (questo è il nome ufficiale della “Chiesa dell'Unificazione”) e iniziò la sua marcia vittoriosa intorno al mondo. L'organizzazione possedeva tutti i segni di una setta totalitaria: dottrina sincretica (cioè un po' dappertutto), culto della personalità di un leader, una chiara gerarchia, economico sfruttamento degli aderenti e severe restrizioni all'uscita dalla comunità.

Uno dei "chip" della "Chiesa" sono i matrimoni di massa dei nuovi credenti, la cui portata è davvero sorprendente: alla cerimonia più grande del 1992, duecentomila coppie si sono sposate contemporaneamente contemporaneamente. Il processo stesso è, ovviamente, altamente ritualizzato, e uno dei suoi elementi è il consumo di una bevanda contenente (si dice) del sangue del "Messia" e del latte della "Madre di Dio".

Il numero esatto degli aderenti alla "Chiesa" è sconosciuto. L'attuale "messia" Moon Hyun Jin (figlio più giovane del defunto "Cristo rinato" tornato negli inferi nel 2012) ha affermato di avere fino a sette milioni di seguaci in tutto il mondo, ma si dice spesso che questo numero sia gonfiato. Tuttavia, a differenza di molti imitatori, la "Chiesa" si è comportata abbastanza moderatamente da sopravvivere a tutti i tentativi di perseguimento penale, e ora opera in modo abbastanza legale quasi in tutto il mondo, inclusa la Russia. È vero, nel nostro paese, il monismo, come viene anche chiamata questa dottrina, non ha trovato molta popolarità e il numero di settari è stimato a un paio di migliaia in tutto il paese - e in Giappone, per confronto, a circa cinquantamila.

In realtà, questo non è più così importante, perché la “Chiesa” ha da tempo raggiunto un livello più alto rispetto alla mungitura a secco dei semplici adepti. Avendo accumulato capitale iniziale su seguaci esaltati, Moon-father iniziò a investire nell'industria e nel settore bancario, diventando, in particolare, uno degli sponsor dei "miracoli economici" sudcoreani (soprattutto) e giapponesi.

È su questo che è davvero risorto, tanto da potersi permettere di fondare organizzazioni internazionali "umanitarie". La base di questo "ecosistema" è la "Federazione di Pace", progettata per promuovere la risoluzione non militare delle controversie interstatali; sotto i suoi auspici ci sono una dozzina di diversi uffici di natura politica, religiosa e umanitaria. I progetti di Moon hanno avuto un tale successo che le Nazioni Unite continuano a collaborare strettamente con loro e anche i governi nazionali.

Fu in questa veste - un grande uomo d'affari e "filantropo" - che Moon Father fu ben accolto da grandi politici, tra cui Shinzo Abe. Tuttavia, cosa possiamo dire del Giappone, se la famiglia Moon possiede uno stabilimento automobilistico ... nella RPDC. Quando suo padre era già malato, Moon-son partecipò invece al funerale di Kim Jong Il; e Kim Jong-un, a sua volta, ha espresso ufficialmente le sue condoglianze per la morte del padre della Luna.

Ciò che rende questi fatti particolarmente piccanti è il fatto che tutti i progetti di Moon, a cominciare dalla Chiesa dell'Unificazione, hanno un pronunciato orientamento anticomunista. La parte escatologica del suo insegnamento prevede una guerra nucleare generale (ovviamente per colpa dei comunisti senza Dio), dopo la quale i Moonies di tutto il mondo dovranno costruire uno stato teocratico globale con un "messia" a capo. L'anticomunismo è stato uno dei motivi per cui altre proprietà della setta di Moon sono state trascurate dalle autorità ufficiali.

Già nella condizione di "ambasciatore di pace", il "messia" ha promosso attivamente il tema della riunificazione coreana, ovviamente, nella direzione da sud a nord. Questo programma, a sua volta, è stato sostenuto dal compianto Shinzo Abe. In particolare, a fine 2021 (oltre a Donald Trump e una serie di altri politici occidentali) sono intervenuti in collegamento video a un grande congresso della Federation for Peace.

In generale, l'assassino dell'ex presidente del Consiglio si è sbagliato abbastanza gravemente: ha molto sottovalutato l'entità del problema. In effetti, nella regione Asia-Pacifico, esiste un analogo locale della Fondazione Soros - non così ricca, ma forse più influente nella sua area, e che lotta per il dominio completo sugli stati nazione. E la morte di un politico, anche grande come Shinzo Abe, non cambierà letteralmente nulla nella situazione: era solo una delle figure del "big game" locale.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: 内閣官房内閣広報室/wikimedia.org
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.