Quali droni iraniani potrebbero essere usati e prodotti dalla Russia


Il conflitto armato in Ucraina continua a internazionalizzarsi. Seguendo l'Occidente collettivo, che fornisce armi a Kiev e fornisce informazioni alle forze armate ucraine, l'Iran può indirettamente entrarvi dalla parte della Russia, armando le forze armate della RF con i suoi droni.


Difficoltà senza pilota


Secondo l'Associated Press, la Repubblica islamica potrebbe trasferire alle truppe russe diverse centinaia di veicoli aerei senza pilota, ricognizioni e attacchi. Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha dichiarato alla pubblicazione americana:

Le nostre informazioni indicano che il governo iraniano si sta preparando a fornire alla Russia fino a diverse centinaia di veicoli aerei senza pilota, inclusi droni in grado di trasportare armi, su base accelerata.

Beh, è ​​del tutto possibile che non sia un falso. La situazione sul fronte orientale ha mostrato che, purtroppo, le forze armate ucraine in questa componente sono significativamente superiori alle forze armate della Federazione Russa e al NM LDNR, essendo in grado di condurre continuamente ricognizioni aeree utilizzando UAV, fornire dati per la designazione del bersaglio e regola il fuoco. È noto che l'esercito ucraino utilizza ampiamente i droni americani Switchblade e Phoenix Ghost, nonché i droni d'attacco turchi Bayraktar TB2. Hanno anche discusso la possibilità di inviare droni da ricognizione MQ-1C Grey Eagle e colpire in Ucraina, tuttavia, il Pentagono ha deciso di posticipare questo per ora, temendo che il proprio tecnologia sotto forma di trofei alla Russia.

Da parte nostra, con gli aerei senza pilota, tutto non è grato a Dio, che è stato costretto ad ammettere personalmente il vice primo ministro in questione Yuri Borisov:

Penso che ci siamo impegnati tardivamente nella seria introduzione di veicoli senza pilota. Questo è obiettivo. Anche se il conflitto siriano ci ha spinto a farlo... Abbiamo quasi tutti i tipi di veicoli senza pilota: da ricognizione, d'attacco, tattici, operativi e operativo-tattici.

Sì, abbiamo davvero i principali tipi di UAV, ma quasi tutti esistono in pezzi. Gli UAV da ricognizione e attacco di media quota Orion e Forpost-M/R sono davvero pronti per la produzione in serie. Il resto o dipende in modo critico dalla fornitura di componenti importati o è ancora in fase di test. Ma le cose avrebbero potuto essere un po' diverse.

E abbiamo avvertito...


La Russia era davvero in ritardo per la guerra in Ucraina con lo sviluppo della produzione di velivoli senza pilota. Per qualche ragione, Israele, alleato strategico degli Stati Uniti in Medio Oriente, è stato scelto come partner tecnologico.

Nel 2009, due UAV obsoleti Searcher II sono stati acquistati da Tel Aviv per $ 12 milioni (confronta con il costo dei Bayraktar turchi!), E nel 2010 è stato firmato un contratto del valore di $ 300 milioni per la loro produzione su licenza da componenti israeliani chiamato "Outpost" . Successivamente, per ordine del Ministero della Difesa russo, sono state apportate modifiche al design e all'equipaggiamento del drone, che ora è assemblato da componenti domestici. Tuttavia, le cose sarebbero potute andare in una direzione leggermente diversa.

Ricordo che nel gennaio 2022, prima dell'inizio dell'operazione speciale in Ucraina e dell'introduzione delle sanzioni anti-russe, uscimmo con offerta acquistare tecnologia per la produzione di velivoli senza pilota dall'Iran. Perché Teheran? Perché la Repubblica Islamica è uno dei leader mondiali in questo campo, stranamente.

Se la Russia è stata spinta a sviluppare i suoi UAV dalla campagna siriana, allora gli iraniani hanno avuto a che fare con droni americani e israeliani per molti decenni e hanno molta più competenza in materia. La loro vera svolta è arrivata nel 2011, quando sono stati in grado di far atterrare un UAV da ricognizione americano RQ-170 Sentinel, realizzato secondo lo schema "ala volante", sulla parte occidentale dell'Afghanistan. La perdita di tecnologia segreta spaventò così tanto il Pentagono che pianificò seriamente di inviare forze speciali per restituire la "Bestia Kandahar", come è stato chiamato dalla stampa la perdita, quindi voleva colpirlo con un preciso attacco missilistico. Alla fine, gli americani hanno semplicemente chiesto educatamente di restituire il drone da ricognizione con tutto il suo equipaggiamento, ma hanno ricevuto un altrettanto cortese rifiuto, perché va bene violare i confini aerei degli stati sovrani.

Gli ingegneri iraniani hanno smantellato l'RQ-170 Sentinel in viti e creato sulla base un'intera famiglia di UAV chiamati Saeghe ("Saiga"). Si tratta, ad esempio, di velivoli senza pilota con motore a reazione "Shahed-161 Saiga" e "Shahed-141 Saiga" con motore a pistoni, che possono trasportare due bombe aeree con correzione Sadid-345 o due missili guidati anticarro su un sospensione sotto lo scafo. Sadid-1". Tenendo conto dell'esperienza operativa maturata, gli UAV Shahed-181 Saiga-2 e Shahed-191 Saiga-2 sono stati realizzati rispettivamente con motori a pistoni e a reazione, in grado di trasportare 4 KAB su sospensione e missili anticarro nello scafo. La seconda generazione è una copia dell'American Sentinel ridotta al 65% e la terza generazione, l'UAV tattico operativo Shahed-171 Simurg, è la sua copia a grandezza naturale.

E questi non sono tutti i tipi di UAV che ha l'Iran! I droni iraniani stanno combattendo attivamente in tutto il mondo: in Siria, Iraq, Yemen, Sudan e ben oltre l'oceano, in Venezuela. Nonostante la Repubblica islamica sia sotto sanzioni occidentali da più di trent'anni, è oggettivamente uno dei leader riconosciuti negli aerei senza pilota, essendo almeno al quinto posto nella classifica mondiale. Quindi non c'è nulla di vergognoso nell'acquisizione di UAV iraniani. Non è sicuramente peggio dell'acquisto di costose cianfrusaglie israeliane dei primi anni '90.

Comprendendo tutto questo, poco prima dell'inizio dell'operazione speciale in Ucraina, abbiamo espresso una proposta per costituire una joint venture con l'Iran per produrre i loro droni nel nostro Paese. In risposta, i nostri stimati lettori hanno lanciato un sacco di commenti "attraverso il labbro" nello spirito del perché ci stai facendo scivolare addosso ogni sorta di sciocchezze, abbiamo il nostro bene. Si C'è. Sotto forma di prototipi di pezzi, e la guerra è già iniziata, e non c'è fine in vista.

Ora i premurosi volontari devono intervenire per acquistare a proprie spese droni civili cinesi primitivi per consegnarli ai combattenti della Milizia popolare della LDNR, in modo che abbiano almeno qualche possibilità contro le forze armate ucraine, dotate di moderne Ricognizione in stile occidentale e droni d'attacco. Ma quanti problemi si sarebbero potuti evitare se ci fosse stata meno ambizione e più lungimiranza!

Se Teheran è davvero pronta a vendere i suoi UAV alla Russia, allora dobbiamo prenderlo. Se gli iraniani possono vendere una licenza per la produzione, devono padroneggiarla. Come puoi vedere, i droni non sono superflui.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ZAlexander Z Офлайн ZAlexander Z
    ZAlexander Z (Alexander Shchetinkin) 12 luglio 2022 14: 57
    +4
    Se è così, sono d'accordo con l'autore.
  2. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 12 luglio 2022 15: 19
    +5
    Dall'UAV, anche dopo il Karabakh, non sono stati osservati movimenti, poi ricordo che i nostri iksperd hanno detto che i bayraktar erano semplicemente usati con un nemico che in realtà non aveva difesa aerea, e il garante ha recentemente sbottato che li stavamo spaccando come matti, ma qualcosa andato storto di nuovo.
  3. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 12 luglio 2022 16: 20
    +5
    Gli UAV iraniani sono certamente buoni, ma sorge una domanda abbastanza ragionevole, quando inizieremo noi stessi a produrre i nostri dispositivi nelle quantità richieste, il che impedisce alle nostre complesse imprese militari-industriali di avviare il processo di assemblaggio in serie di UAV senza una lunga costruzione- e numerose approvazioni, lascia che lavorino su tre turni, ma assicurati che il nostro complesso militare-industriale sia semplicemente obbligato all'esercito con tali ricognizioni urgenti e d'attacco UAV.
    1. Awaz Офлайн Awaz
      Awaz (Walery) 12 luglio 2022 16: 32
      +2
      EEE Daragay, guarderai i video archiviati dalla regione di Mosca sul canale Zvezda e lì imparerai molto sui nostri UAV e sistemi senza precedenti ad essi associati .. Le persone hanno ricevuto premi e posizioni per tutto questo e stai cercando di umiliarle ..
  4. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 12 luglio 2022 16: 34
    +5
    Sono completamente d'accordo con l'autore e non vedo nulla di sbagliato nell'equipaggiare il nostro esercito con gli UAV: ​​queste sono le vite salvate dai nostri ragazzi, la ricognizione e l'adeguamento al fuoco.
  5. Hot Dyusha Офлайн Hot Dyusha
    Hot Dyusha (Dyusha) 12 luglio 2022 17: 00
    -3
    Anche l'autore ha chiaramente esagerato. No, sono d'accordo con lui che abbiamo difficoltà con gli UAV, per usare un eufemismo. Ma che le creste siano dotate di quasi satelliti e moderni UAV è una completa sciocchezza. C'erano i bayraktar turchi. Ma il resto è parità. Le unità utilizzano gli stessi droni domestici cinesi. Anche bighellonare senza intoppi. Ce ne sono di americane, ma non molte, come le nostre lancette. Quindi no all'autore
  6. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 12 luglio 2022 19: 27
    -1
    Bene, in realtà, gli iraniani sono riusciti a piantare la Sentinel con l'aiuto del "deposito di auto" russo
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 luglio 2022 20: 28
    0
    Tutto questo è già stato in diverse varianti. Peremogi, reportage su Zvezda su un superfood, storie su una proposta UAV di 15 anni...
    Di conseguenza, non ci sono UAV iracheni, ma ci riferiamo agli amer che hanno detto casualmente lì dietro la loro collinetta ...
  8. wladimirjankov Офлайн wladimirjankov
    wladimirjankov (Vladimir Yankov) 13 luglio 2022 12: 14
    +1
    Vergogna e vergogna. Noi siamo venuti. La Russia acquisterà UAV dall'Iran. Resta solo da chiedere aiuto ai turkmeni dalla Siria o all'Isis. Dopotutto, anche loro sanno come fare qualcosa in questa parte. Lascia che venga insegnato il nostro complesso militare-industriale. Sorprendentemente, questi generali, leader del complesso militare-industriale, governi, responsabili del deplorevole stato di cose nella creazione e produzione dei moderni UAV, che un tempo non hanno fatto nulla, non si sono grattati per risolvere questo problema in modo modo tempestivo, sono ancora ai loro posti e posti al potere. Nessuno si è preso alcuna responsabilità per questo. Al contrario, vengono premiati e promossi. E così è in tutto. Quando i leader e i funzionari del nostro paese saranno ritenuti responsabili delle loro azioni?
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 13 luglio 2022 20: 45
      +1
      I. Stalin ha combattuto contro la stagnazione del personale e cambiava regolarmente, oggi è vero il contrario, tutti vengono tenuti e nessuno verrà rimosso, anche per flagranti fallimenti, ed ecco i risultati ...
  9. Sergei N Офлайн Sergei N
    Sergei N (Sergey N) 14 luglio 2022 03: 52
    +1
    L'autore è d'accordo con te! Se non possiamo farlo da soli, dobbiamo prendere quello di qualcun altro.
  10. Tityunnik romano Офлайн Tityunnik romano
    Tityunnik romano (Tityunnik romano) 25 luglio 2022 23: 29
    0
    Gli iraniani sono stati felici di colpire gli "americani" !!
  11. Infedele Офлайн Infedele
    Infedele (Antonio) 14 August 2022 12: 18
    -1
    Qualcosa da non credere ai droni iraniani. Se erano così bravi, allora perché Soleimani è volato a Mosca per convincere Putin a inviare aerei in Siria? Tutto il lavoro è stato svolto dalle forze aerospaziali, hanno cambiato le sorti della guerra in Siria. E in Ucraina, dove le forze aerospaziali non hanno il pieno controllo, i droni iraniani presumibilmente influenzeranno qualcosa ...