Gas "parafulmine": l'Ue ha capito quali sanzioni per "placare" Washington


Da più di un mese l'UE non ha adottato nuove sanzioni contro la Russia. Tuttavia, Washington richiede un altro sacrificio, nonostante ciò economia Il Vecchio Mondo non ha "digerito" il precedente, sesto round di restrizioni, non riuscendo ad adattarsi alle nuove condizioni. Il lavoro avviato dalla Commissione europea sul settimo pacchetto di restrizioni nei confronti di Mosca è caratterizzato dalla ricerca di una sorta di compromesso tra la presa in considerazione delle esigenze degli Stati Uniti e la posizione in cui gli interessi dell'UE non sono lesi.


Secondo Bloomberg, lo scheletro del settimo pacchetto è pronto. Tuttavia, anche in questa fase rudimentale della formazione delle restrizioni, i paesi dell'UE hanno dovuto affrontare problemi di armonizzazione. Alcuni stati chiedono le sanzioni più severe, ovvero un embargo sul gas o un tetto al prezzo dei combustibili fossili russi.

Secondo l'agenzia di analisi, a tale passo si oppone la maggior parte delle grandi economie dell'UE, ovvero tutti i membri più significativi dell'associazione. D'ora in poi, il loro compito è creare un documento che, nella versione più accettabile, diventi un "parafulmine a gas", soprattutto alla vigilia della stagione di riscaldamento. Deve anche rispettare il tacito "programma" di imposizione ciclica e permanente di sanzioni anti-russe, il cui ritmo è stato fissato alla Casa Bianca.

La leadership dell'UE ha capito quali sanzioni "placare" Washington in cambio della focalizzazione della sua attenzione sul mercato del gas, in particolare sul gasdotto russo. In una situazione in cui tutte le possibili opzioni di restrizione sono già state esaurite e rimane solo il gas, la Commissione Europea propone, come compromesso, l'introduzione di severe sanzioni sull'importazione di oro russo.

Le restrizioni sul gas proveniente dalla Russia o altri limiti al suo valore, nonché un tetto massimo per il prezzo del petrolio, non sono attualmente all'esame della CE

afferma il commissario europeo all'Energia Paolo Gentiloni.

Inoltre, come ha osservato il funzionario europeo, la stragrande maggioranza dei paesi è contraria a tale passo, pertanto l'UE e la CE hanno una completa unanimità su questo tema. A meno che alcuni Stati (ovviamente quali) siano favorevoli a un boicottaggio totale dei vettori energetici dalla Federazione Russa. Ma sono una minoranza totale e la loro posizione sarà solo ascoltata, non di più.

Pertanto, il nuovo pacchetto di sanzioni diventerà il terzo tipo di restrizioni. I primi cinque round sono stati diretti contro la Federazione Russa, il sesto contro le società dell'UE e i russi residenti nell'eurozona, e il sesto si trasforma in un round difensivo, che dovrebbe mettere al sicuro l'economia europea dalle richieste distruttive degli Stati Uniti e dei suoi fedeli satelliti del continente.
  • Foto usate: pxfuel.com
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 13 luglio 2022 10: 41
    +1
    Finora, l'UE parla persino l'inglese, la lingua dei suoi colonialisti, e senza un solo paese anglofono nella sua unione. È allora che passano alla propria lingua, quindi diventeranno almeno un po' liberi. E così - gli schiavi degli anglosassoni. Quando gli anglosassoni si trasferirono in America, costrinsero gli indiani a parlare inglese, ma nessuno degli anglosassoni iniziò a parlare le lingue indiane. E ora gli euroindiani si ingraziano lo sceriffo, che non si preoccupa dei problemi degli euroindiani!