Perché l'India non rinuncia al petrolio iraniano?

Negli ultimi 20 anni, l'Occidente ha sollevato diligentemente un concorrente del "Celeste Impero" dall'India. Adesso economia L'India è la terza al mondo, seconda solo a Cina e Stati Uniti, lasciando Giappone e Germania molto indietro.



Durante questo periodo, il consumo di petrolio in questo paese è triplicato. E si prevede che triplicherà di nuovo nei prossimi vent'anni. E nel prossimo futuro, questo paese diventerà il più grande importatore di petrolio al mondo. Pertanto, le sanzioni unilaterali di Washington contro l'Iran sono state accolte freddamente a Nuova Delhi, per usare un eufemismo. L'India è ora saldamente in piedi e molto difficile da manipolare.

Solo nel 2017, il consumo di petrolio in India è stato di 4,7 milioni di bbl / giorno. (235 milioni di tonnellate / anno) e l'80% di questo importo è coperto dalle importazioni, compreso dall'Iran. Senza petrolio, l'economia indiana semplicemente non può svilupparsi. Allo stesso tempo, un aumento del prezzo del petrolio porta ad un rallentamento della crescita economica e ad una diminuzione della competitività delle sue aziende. E l'Iran è la terza fornitura di petrolio all'India, seconda solo all'Iraq e all'Arabia Saudita. Quindi l'India non può rifiutarlo fisicamente.

Il fatto è che il pianeta produce esattamente la quantità di petrolio di cui ha bisogno l'economia mondiale, né più né meno. E per abbandonare il petrolio iraniano, devi prima aumentare la sua produzione da qualche parte della stessa quantità, ma questo non è realistico. Ma Donald Trump non si preoccupa di tali sottigliezze e vede deliberatamente il ramo su cui sedeva la precedente amministrazione.

Inoltre, l'India non rinuncerà al petrolio iraniano per un altro motivo importante. Compra petrolio dall'Iran per le sue rupie, ad es. non per dollari americani. Pertanto, in linea di principio, Washington non è in grado di tracciare tutte le sottigliezze del processo. E la catena delle aziende coinvolte in questo caso è chiusa a questi paesi.

A sua volta, l'Iran è un acquirente molto grande dei prodotti delle società indiane. Dopotutto, Teheran spende le rupie ricevute dalla vendita del petrolio su questo. Rafforza ulteriormente l'economia dell'India e la fiducia in se stessi di Nuova Delhi.

Anche minacciare l'India con sanzioni è inutile perché questo paese è un importante acquirente di armi in Occidente, compresi gli Stati Uniti. E colpendo l'India, Washington può danneggiare il suo complesso militare-industriale.
  • Foto utilizzate: http://ria56.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.