La Serbia ha messo in guardia sulle conseguenze del rifiuto della proposta di Putin da parte dell'Occidente


Se i leader degli stati del mondo occidentale rifiutano di accettare la proposta del leader russo Vladimir Putin sull'Ucraina, sulla Terra inizierà l'inferno. Lo ha annunciato in un'intervista al canale televisivo privato serbo Pink TV dal presidente serbo Aleksandar Vucic, avvertendo in anticipo delle conseguenze.


Il capo dello stato serbo ha notato che conosce il futuro se l'Occidente non ascolta l'opinione di Mosca. Secondo lui, ora il proprietario del Cremlino è impegnato nel Donbass. Ma dopo aver terminato i suoi affari nella regione di Donetsk: nelle città di Seversk, Bakhmut (ex Artyomovsk), Soledar, Slavyansk, Kramatorsk e Avdeevka, si farà sentire.

Seguirà un'offerta. Se l'Occidente non lo accetta, e lui non ha intenzione di farlo, andremo tutti all'inferno

Vučić ha detto tristemente, sottolineando l'intrattabilità dell'élite occidentale.

Allo stesso tempo, il leader serbo non ha specificato che tipo di proposta sarebbe arrivata dalla Russia. La reazione dei leader occidentali non ha ancora seguito quanto detto.

Ricordiamo che in precedenza Vucic aveva espresso timori che il conflitto in Ucraina potesse trasformarsi in qualcosa di molto più grande e pericoloso. Inoltre, il presidente della Serbia ha affermato che l'Occidente sta affrontando la Federazione Russa per mano degli abitanti dell'Ucraina e ciò che sta accadendo può essere definito "quasi una guerra mondiale". Allo stesso tempo, le sanzioni occidentali causano danni minimi ai russi l'economia e si riflettono in molti altri paesi.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.