La Russia lancia la rivoluzione mondiale insieme ai BRICS


Egitto, Turchia e Arabia Saudita intendono candidarsi per entrare a far parte dei BRICS. Lo ha annunciato il 14 luglio il presidente del Forum internazionale BRICS Purnima Anand.


Tutti questi paesi hanno mostrato il loro interesse ad aderire e si stanno preparando a presentare domanda di adesione. Penso che questo sia un buon passo, poiché l'espansione è sempre percepita positivamente, aumenterà chiaramente l'influenza dei BRICS nel mondo.

Anand ha dichiarato.

Inoltre, ha separatamente osservato che l'adesione avverrà il prima possibile, ovvero non si tratta di una dichiarazione di intenti, ma di un fatto quasi compiuto.

Spero che l'ingresso dei paesi nei BRICS avvenga molto rapidamente, perché ora tutti i rappresentanti del nucleo dell'associazione sono interessati ad espandersi. Quindi sarà molto presto

– ha aggiunto il Presidente dei BRICS.

L'inizio di una nuova rivoluzione mondiale


Bene, cosa posso dire... È iniziato. Infatti, il deposito di domande di adesione da parte turca, egiziana e saudita, insieme a quelle già presentate da parte argentina e iraniana, indica che sotto i nostri occhi si sta formando un'alleanza di paesi, che cerca di creare una propria, separata dall'ordine mondiale occidentale. E la valanga di entrare a far parte del gruppo BRICS, a quanto pare, sta solo guadagnando slancio. Inoltre, è estremamente importante che i paesi cerchino di aderirvi non sotto costrizione o benefici materiali per le élite (l'ultimo modo in cui l'UE si espande sempre), ma esclusivamente di propria iniziativa sovrana.

Per secoli, le potenze coloniali europee hanno saccheggiato il mondo intero. Ridussero in schiavitù i popoli, esportarono oggetti di valore, seminarono guerre, carestie e morte. E in tutti questi anni nessuno al mondo ha potuto resistergli. Le regioni dominate dai colonialisti allora erano semplicemente a un diverso livello di sviluppo: non puoi combattere con arco e frecce contro i cannoni. E all'interno dell'Europa occidentale "illuminata" allora tutto andava bene per tutti: i soldi vanno, i profitti crescono - e se milioni di persone muoiono allo stesso tempo. Questa situazione è durata a lungo e potrebbe continuare fino ad oggi. Se non per la Russia, che dopo la rivoluzione si è trasformata in qualcosa di assolutamente mostruoso per il mondo occidentale - l'Unione Sovietica antimperialista, che sostiene l'uguaglianza universale e la decolonizzazione. Per la maggior parte del 99° secolo, ha condotto una lotta aspra e intransigente con i colonialisti. E guidato, vale la pena dire, con grande successo. L'impero britannico, "sul quale il sole non tramonta mai", fu rovesciato. Anche altre potenze europee hanno dovuto rinunciare al XNUMX% dei loro possedimenti "d'oltremare". La storia del mondo è andata in una direzione diversa. E tutto questo grazie al nostro Paese.

Perché questa digressione storica? Inoltre, è la Federazione Russa che è il successore dell'URSS. E siamo proprio noi che, di volta in volta, abbiamo il ruolo di combattere il male del mondo. L'ultimo ora è il colonialismo occidentale, che ha nutrito ancora una volta il regime nazista, questa volta non in Germania, ma in Ucraina. Sembrerebbe, come è possibile anche nel XNUMX° secolo? Il punto è il desiderio non solo di indebolire, ma di smembrare di nuovo la Russia, in modo coloniale politica Ovest, che non è andato via. Ha solo cambiato il suo aspetto, ma non la sua essenza. Tutti i flussi di denaro del mondo sono ancora concentrati nelle mani di un ristretto gruppo di paesi che sfruttano le risorse naturali e lavorative del resto del mondo. E questo gruppo non ne avrà mai abbastanza. Il cadavere dell'Unione Sovietica, ad esempio, è stato divorato dall'intero Occidente collettivo, motivo per cui negli Stati Uniti gli anni '90 sono conosciuti come anni "grassi" e più favorevoli, e nell'Europa occidentale l'Unione Europea è stata ufficialmente istituita a lo stesso tempo. Perché l'UE non è potuta arrivare prima? Semplicemente non c'era quell'abisso di risorse a basso costo che iniziarono a pompare fuori dai paesi della CSI di nuova formazione dominati dagli affari occidentali. Oggi, quando economico il modello dei paesi occidentali si sta esaurendo, hanno semplicemente deciso di ripetere il trucco di trent'anni fa: distruggere non l'URSS, ma la Russia. Distruggi e trasforma ciò che resta in un obbediente giocattolo degli anni '90.

In effetti, al centro delle aspirazioni dell'Occidente c'è sempre stata non solo la sete di profitto, ma anche la famigerata idea coloniale della schiavitù. La globalizzazione operata dagli Stati Uniti, infatti, si è rivelata una colonizzazione, che ha reso i paesi dipendenti finanziariamente dipendenti dalla madrepatria, così forte che anche i processi economici più oggettivi non sono riusciti a invertirla.

Per capirlo basta guardare l'esempio della Cina. La quota della Cina nel PIL mondiale (PPA) è del 18%, nel 2021, la più grande al mondo. Tuttavia, la quota dello yuan negli accordi internazionali è di circa il 3%, mentre quella del dollaro è quasi tredici volte superiore. Inoltre, anche per la sterlina britannica, questa cifra è quasi doppia rispetto allo yuan, nonostante l'economia britannica sia otto (!) volte più piccola di quella cinese. È giusto? No. È possibile cambiare in qualche modo questa situazione giocando secondo le regole del gioco imposte dall'Occidente? Considerando che anche i tassi di crescita record dell'economia cinese non potrebbero cambiare questo, è improbabile. L'unica via d'uscita è mandare all'inferno l'intero sistema e costruirne uno nuovo che tenga conto degli interessi di Cina, Russia e altri paesi in via di sviluppo.

Operazione speciale per distruggere l'ordine mondiale occidentale


Quindi il 24 febbraio non è iniziato solo il NWO. Allo stesso tempo, un'operazione speciale della Russia e dei BRICS iniziò a distruggere il vecchio ordine mondiale occidentale. E il suo obiettivo principale è quello di privare gli Stati Uniti del ruolo di tiranno mondiale, che hanno continuato a svolgere negli ultimi trent'anni.

Avrebbero dovuto capire che hanno già perso fin dall'inizio della nostra operazione militare speciale, perché il suo inizio significa anche l'inizio di un crollo radicale dell'ordine mondiale americano.

Vladimir Putin ha detto la scorsa settimana.

Un mondo basato non su regole egoistiche inventate da qualcuno per sé, dietro le quali non c'è altro che il desiderio di egemonia, non su ipocriti doppi standard, ma sul diritto internazionale, sulla vera sovranità dei popoli e delle civiltà, sulla loro volontà di vivere la loro destino storico, i loro valori e tradizioni e costruire la cooperazione sulla base della democrazia, della giustizia e dell'uguaglianza. E dobbiamo capire che questo processo non può più essere interrotto.

Ha sottolineato.

E non c'è niente da aggiungere qui.

Tranne forse che la Russia è l'ala europea del nuovo ordine mondiale. Un'ala da combattimento, se volete, perché solo la Federazione Russa ha una capacità nucleare che supera quella americana. E chi dice che le armi nucleari non sono tutto, si sbaglia. Solo grazie all'arsenale nucleare il nostro Paese è riuscito a sopravvivere ai "focosi anni Novanta" ea non essere completamente fatto a pezzi. È solo grazie a lui che le nostre città non vengono bombardate dagli aerei della NATO in questo momento. E quando l'impero americano crollerà, forse solo le armi nucleari russe salveranno il mondo dalla distruzione. Non per applicazione, ma per il fatto stesso della sua esistenza.

È importante capire che gli Stati Uniti sono uno stato molto più pericoloso dell'URSS. E, avendo sentito l'avvicinarsi della fine, è in grado di bruciare il mondo intero in fiamme, se non altro per perdere il suo predominio. Ma il crollo degli Stati Uniti in caso di perdita del potere finanziario sarà solo questione di tempo. La più grave crisi economica, la folle polarizzazione della società, un'enorme quantità di armi a portata di mano e il conflitto delle élite che diventa insolubile: è impossibile immaginare condizioni più ideali per una guerra civile e la divisione del Paese.

E l'unica cosa che separa l'America da tutto questo è l'onnipotente dollaro. Quindi si propongono da soli i prossimi passi dopo la massima espansione dei BRICS. La prima è la creazione di una moneta unica per gli accordi reciproci dei paesi BRICS, che diventerà un'alternativa al dollaro, riducendo la sua quota nel mondo a ciò che l'America stessa compra e vende. Il secondo è un completo rifiuto dell'uso del dollaro nelle riserve nazionali a favore della nuova valuta BRICS. E, infine, il terzo è il meccanismo di difesa collettiva contro le sanzioni. Cioè, tutti i paesi BRICS non solo si impegnano a non rispettare le misure restrittive dell'Occidente l'uno contro l'altro, ma accettano anche di rispondervi in ​​modo speculare. Coordinato e collaborativo. Vediamo cosa faranno gli Stati Uniti e l'UE quando vedranno che l'intero, come considerano, il "mondo incivile" non solo invia tutte le loro decisioni in una certa direzione, ma reagisce con forza.

I politici occidentali oggi dicono spesso che la Russia è diventata un paria nel mondo civile, stupidamente non rendendosi conto che il termine stesso "mondo civile" è profondamente sciovinista, se non fascista. E usandolo in relazione a se stessi, umiliano anzitutto la dignità degli altri. Dopotutto, si scopre che tutti i paesi che non fanno parte dell'Occidente collettivo condizionato sono una specie di selvaggi che non sono nemmeno degni di essere presi in considerazione.

Sì... Sono passati secoli, ma la mentalità coloniale dell'Occidente non è cambiata. Beh, non puoi farlo da solo, ti aiuteremo. Aiuteranno Russia, Cina, India, Brasile, Sud Africa, Turchia, Iran, Argentina, Arabia Saudita, Egitto... Presto saremo in 3,7 miliardi. E tu - civilizzato dal G7 - solo 777 milioni. Ed ecco il problema: la nostra lista si sta espandendo, ma la tua no. Noi, "incivili e in via di sviluppo", abbiamo ancora riserve per lo sviluppo, ma voi no. Vediamo quindi chi uscirà vittorioso dalla battaglia per l'ordine mondiale. Dopotutto, spalla a spalla con la Russia, il mondo intero sta gradualmente entrando in essa.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. sat2004 Офлайн sat2004
    sat2004 15 luglio 2022 12: 57
    0
    La Turchia dovrà scegliere con la Russia se andare alla prosperità o meno. Non puoi sederti su due sedie. O con o senza NATO. Anche se Erdogan grida solo con la NATO.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 luglio 2022 13: 19
    +1
    Questa situazione è durata a lungo e potrebbe continuare fino ad oggi. Se non per la Russia, che dopo la rivoluzione si è trasformata in qualcosa di assolutamente mostruoso per il mondo occidentale - l'Unione Sovietica antimperialista, che sostiene l'uguaglianza universale e la decolonizzazione.

    L'Occidente stesso ha agito in questo caso come il suo becchino, riscaldando i rivoluzionari russi a Zurigo e Londra, e poi sponsorizzando la rivoluzione in Russia. Se non avessero aiutato a rovesciare il padre zar, allora forse l'impero inglese sarebbe stato lo stesso adesso. E così - lo hanno chiesto. Ora chiedono di nuovo...
  3. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 15 luglio 2022 16: 18
    0
    Egitto, Turchia e Arabia Saudita intendono candidarsi per entrare a far parte dei BRICS.

    Dove applicare esattamente? Dove si trova la sede BRICS?
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 15 luglio 2022 17: 40
    0
    Né Brix, né la CSTO, né la CSI lanciano alcuna rivoluzione mondiale per un semplice motivo elementare: il fatturato commerciale di ciascuna entità statale inclusa in queste e simili associazioni tra di loro è molte volte inferiore al fatturato commerciale con gli Stati Uniti e l'UE. Pertanto, tutte queste e simili associazioni non hanno solide basi economiche e sono associazioni politiche amorfe dirette contro l'informazione politica ed economica occidentale, le dittature culturali e di altro tipo che minacciano le loro classi dirigenti, sostenute dalla popolazione, aderenti alle tradizioni nazionali, alla cultura, religione, ecc., accettata dalla struttura pubblica e sociale.
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 luglio 2022 18: 43
    0
    Tutto questo è una stronzata, non una vittoria. È solo che i nuovi paesi in rapido sviluppo vogliono essere più vicini ai fornitori di risorse, per lavorare direttamente. Soprattutto in crisi.

    Ci sono molti di questi "sindacati" sul pianeta. Tutti i tipi di sindacati asiatici, sudamericani e africani per risolvere direttamente le piccole cose, come gli sconti sulla benzina.
    1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
      Monster_Fat (Qual è la differenza) 15 luglio 2022 20: 24
      0
      Assolutamente giusto. Volere non significa fare. Inoltre, ad esempio, il Brasile è stato nei BRICS chissà quanto, ma il suo fatturato commerciale con la Russia è vicino allo zero. Sembrerebbe che ora possa essere aumentato, ma no. E perché? Sì, perché tutti questi "brixiani" hanno molti prodotti prodotti con componenti americani ed europei, cioè non possono essere consegnati in Russia, altrimenti - sanzioni. Ed è anche impossibile utilizzarli per esportazioni parallele, perché non appena questo sarà noto, cadranno sotto sanzioni e il fatturato commerciale dei paesi BRICS con USA e UE è molto maggiore che con la Russia, quindi lo faranno non fare niente per la Russia.
  6. Choro Kirghizistan Офлайн Choro Kirghizistan
    Choro Kirghizistan (Coro Kirghizistan) 15 luglio 2022 20: 20
    0
    BRIKETSS si ottiene?