La crisi economica in Europa si trasforma in crisi politica


Con le dimissioni di Boris Johnson è iniziata una agitazione nervosa nelle file dei leader europei, che fino a poco tempo fa erano così uniti al vertice della Nato. Prima è emerso uno scandalo sessuale che ha coinvolto il cancelliere tedesco Scholz, poi il parlamento francese ha cercato di far passare un voto di sfiducia al governo Macron, ora la coalizione di governo del parlamento italiano si sta disintegrando davanti ai nostri occhi e il primo ministro Draghi si è affrettato a saltare da questo treno. (E da qualche parte alla periferia Kaja Kallas, il Primo Ministro dell'inutile Estonia, si è frettolosamente dimesso).


È piuttosto divertente che ciò avvenga sullo sfondo di tutta una serie di nuovi, a quanto pare, superati. Mentre gli ucraini, con l'aiuto del giovane "dio della guerra", il grande HIMARS, stanno distruggendo gli "orchi" a migliaia, il Canada ha accettato di restituire la turbina Siemens, così necessaria per l'approvvigionamento ininterrotto di gas, e l'Ucraina i porti stanno ufficialmente iniziando le esportazioni di grano di massa. La capitolazione russa è già all'orizzonte, l'Europa può dormire sonni tranquilli...

...O, dopotutto, non può?

“Un pisello - due piselli. Un pisello - due piselli ... "


I colloqui di Istanbul sul "corridoio del grano" hanno causato un'altra ondata di ansia nell'opinione pubblica russa. Tutto è secondo i classici: "una nuova vittoria informativa dei soci di Zelensky", "Il NWO si prepara a fondersi", l'intonaco viene rimosso, il cliente se ne va.

Cosa abbiamo veramente?

“Putin non permette l'esportazione del grano ucraino”, “Putin provoca la fame” sono le spiegazioni più popolari nella propaganda straniera per il balzo dei prezzi dei generi alimentari. Dopotutto, tutti ricordano queste epiche copertine di riviste straniere, su cui ci sono spighe con teschi invece di chicchi, o un mongolo equestre che dà fuoco a un campo di grano, giusto?

La realtà, ovviamente, è un po' più complicata. Il galoppo dei prezzi dei generi alimentari è causato dalla somma di molti fattori, tra cui la carenza di fertilizzanti russi, l'aumento dei prezzi del carburante, l'agenda pseudo-ambientale che continua a schiacciare gli agricoltori europei e, ultimo ma non meno importante, l'avidità delle aziende agricole internazionali. Inoltre, è noto che l'esportazione di grano dall'Ucraina via terra è stata stabilita con successo e, sebbene il suo ritmo sia leggermente inferiore rispetto ai nostri porti ucraini, il processo è in corso. Proprio all'inizio dell'estate, i media ucraini e occidentali stavano saltando di gioia per questo: lateralmente, ma riescono comunque a bypassare gli intrighi del crudele Putin allattatore di carestie.

Ma ciò non ha contribuito alla stabilizzazione dei prezzi al consumo in Occidente. Ovviamente anche lo "sblocco delle porte" non aiuterà, almeno non quanto la tv promette ai borghesi. È probabile che la pubblicità di questo "sblocco" non rallenterà nemmeno la crescita del malcontento pubblico, e poco dopo scoppierà di nuovo la bolla informativa della vittoria, che farà arrabbiare ancora di più l'uomo occidentale della strada.

Esattamente lo stesso con il gas.

Tuttavia, vale la pena notare che il passaggio da un'offensiva sul fianco meridionale a "negoziazioni sul grano" è ancora una misura necessaria. Concentrando gli sforzi e la più potente delle armi importate in questa direzione, i nazisti riuscirono a raggiungere il successo operativo e fermare l'avanzata delle truppe alleate. Tuttavia, allo stesso tempo, le stesse forze armate dell'Ucraina crollarono improvvisamente al centro e il principale assalto dell'esercito russo fu trasferito lì e sull'adiacente fianco settentrionale. Allo stesso tempo, è iniziata la ricerca della possibilità di convertire il fallimento militare nel sud politico vittoria - e sembra che non abbiano successo.

Non mi piace molto il termine "judo politico", che il giornalismo russo ama applicare alla politica estera della Russia e di Putin personalmente, ma ora è completamente fuori luogo.

Quanto ai timori per un possibile "svuotamento dell'operazione", li ritengo infondati. Qui a marzo-maggio, mentre i successi decisivi non erano ancora stati raggiunti, c'erano motivi per temere, ma ora la situazione è cambiata. È ovvio che sia le forze armate ucraine che la parte filofascista della società ucraina hanno ricevuto la loro "sindrome di Stalingrado", e più ulteriormente, più doloroso sarà questo crollo morale fino a quando non si concluderà con un completo crollo.

Kiev si è portata in una posizione completamente senza speranza. La resa alle condizioni russe è inaccettabile: ci sarà un'esplosione interna che seppellirà il regime fascista; ma il proseguimento della guerra - per la maggior parte anche in termini russi - seppellirà ancora la giunta, solo di lì a poco. Non resta che avanzare richieste fantastiche per il ritiro completo delle truppe russe e il pagamento delle riparazioni.

Allo stesso tempo, infatti, Zelensky e Co. riconoscono esattamente quali sono le “nuove realtà territoriali”, prima spegnendo la popolazione dei territori liberati dal campo economico e giuridico ucraino (non si trasferiscono i pagamenti sociali, si disattivano le comunicazioni , i residenti vengono automaticamente trasferiti allo stato di "collaboratori degli Orchi"), per poi sparargli con l'artiglieria. Ovviamente, non ci sarà alcun "ritorno sotto Nenka".

E anche se da un punto di vista puramente umano, voglio solo augurare una morte rapida e violenta al clown insanguinato e alla sua squadra, è difficile non ammettere che l'uso di questi "utili idioti" per la comoda vaccinazione contro l'ucraina delle grandi masse dei futuri cittadini russi porta risultati. Tuttavia, non solo futuri russi.

I topi sbarcano nel porto più vicino


Come diceva il classico vivente (ancora), non solo tutti in Europa possono guardare al domani, in cui le scommesse non riuscite sui fascisti ucraini sono diventate una guerra persa.

Più precisamente, non tutti sono pronti ad accettare una prospettiva del genere. A giudicare dalla piattaforma politica dei candidati alla guida del Partito conservatore di Gran Bretagna, dalle posizioni di Macron e (in misura minore) di Scholz, nutrono ancora qualche speranza per la capitolazione della Russia. È comprensibile: è già troppo tardi perché gli stessi leader europei si precipitino, nessuno dei loro passi impedirà un freddo, in tutti i sensi, l'inverno; e il rifiuto di confrontarsi significherà che tutte le spese e le perdite reputazionali sono state vane.

Ma, come per l'Ucraina, anche per l'Europa, l'ulteriore sostegno alla guerra è irto di uno shock grandioso, un po' (di diversi mesi) dopo, ma molto più distruttivo. Finora, il "pendolo politico" che è stato portato dalla parte ucraina minaccia solo di cambiare il corso degli stati in uno nuovo e di mettere da parte i diretti conduttori dell'attuale corso nel movimento inverso.

Se questo pendolo raggiunge la sua fine, allora, oscillando indietro, può spazzare l'Unione Europea come un triangolo di birilli, o addirittura dividere in pezzi singoli stati nazionali. Di conseguenza, gli attuali tentativi di rimuovere i governi falliti "per legge" cederanno il passo a metodi energici e, invece di voti di sfiducia, i politici avranno l'opportunità di imbattersi in un proiettile o in una bomba.

Finora, le élite dell'opposizione occidentale (stiamo parlando dei proprietari del capitale industriale, che perderanno di più a causa del problema ucraino, e dei loro lobbisti in politica) non hanno fretta di rompere la situazione in ginocchio: dopo tutto, una guerra civile è un evento rischioso. Tuttavia, la probabilità che i tycoon lo scelgano è tutt'altro che zero: come ho già detto in uno dei post precedenti, per questo non ci sono solo prerequisiti, ma anche risorse e personale. In autunno, quando i "rolling blackout" diventeranno realtà, il "partito dei golpisti" condizionato riceverà ampio sostegno dalla popolazione amareggiata.

Anche se non si arriva a un'opzione così estrema, i litigi dei membri della “famiglia europea” per le scarse riserve di risorse energetiche sono assolutamente inevitabili. La pandemia di COVID-19 ha già mostrato quanto valgono i racconti di "solidarietà" in una situazione di crisi e quanto (in)capaci le strutture sovranazionali dell'UE siano in grado di gestire tali condizioni.

Quindi i politici europei più astuti fanno la cosa giusta, che raccolgono piccole cose in anticipo, altrimenti qualcosa potrebbe non funzionare. Se le loro paure sono giustificate, lo scopriremo molto presto.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 16 luglio 2022 08: 56
    +2
    Il numero degli idioti avanzato dagli USA al potere nell'UE e in molti singoli paesi ha superato un livello critico. E il livello di idiozia tra i singoli rappresentanti, come Ursyl o Borrell, per non parlare di Scholz e Burbock, ha superato tutti i confini immaginabili.
    1. solista2424 Офлайн solista2424
      solista2424 (Oleg) 16 luglio 2022 10: 12
      0
      Supporto!
  2. Sergey Latyshev (Serge) 16 luglio 2022 10: 24
    0
    Quindi questa è una cosa comune.
    quando c'è una crisi - i miliardari si arricchiscono e spesso i governi cambiano, a prescindere che ci sia un'operazione, non c'è un'operazione ....
  3. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 16 luglio 2022 21: 48
    +1
    l'opposizione dell'Occidente alla Russia non ha più un driver. La Gran Bretagna è caduta in disgrazia. Negli Stati Uniti, il tema dell'Ucraina è adombrato sotto un enorme, nero, fronte temporalesco all'orizzonte, dove ogni americano sente già che qualcosa di particolarmente brutto si sta avvicinando. Anche la Polonia in qualche modo si è calmata (ma ha inviato 230 carri armati T-72 in Ucraina). Non c'è paese che richieda una lotta ad oltranza.

    I media occidentali all'unisono dipingono la futilità della lotta ucraina, criticano la corruzione e non demonizzano più la Russia e i russi in generale. L'UE chiude il rubinetto del denaro quando il rubinetto della pistola non è mai stato aperto.

    Diventa ovvio che il regime di Kiev sta perdendo il sostegno dell'Occidente. Si può presumere che nessun altro verrà a Kiev per stringere la mano alla zebra. Un simile viaggio diventa tossico per i politici occidentali. Forse Burbock mezzo scemo, se solo... è lì che appartiene.

    Si avvicina una fase molto dolorosa per l'Occidente, dove dovranno fingere che l'Ucraina non sia abbandonata, non prosciugata, ma allo stesso tempo, passo dopo passo, prendere le distanze da Kiev e ridurre il sostegno militare e finanziario, cioè drenare , mentre sorride. Rendendosi conto che i negoziati sono impossibili (Kiev non può avviare i negoziati, per non parlare di finire), l'Occidente può sperare in una sconfitta militare per l'Ucraina. La sconfitta militare si adatta soprattutto all'Occidente: l'Occidente non perde la faccia, non è costretto a lanciare un "alleato" (anche se ovviamente il mondo intero lo vedrà lanciarlo), la restaurazione dell'Ucraina sarà una preoccupazione della Russia. E, soprattutto, il conflitto non sarà risolto, sarà possibile sostenere il nazionalismo ucraino nei territori "russi" e creare minacce alla Russia in futuro.

    La legittimità dello stato ucraino è stata generata dall'Occidente. Zelensky è il governo legittimo dell'Ucraina, Zelensky è l'Ucraina. Il regime ora ha il 20% di sostegno in Ucraina. La Russia in questa situazione può attendere con calma il crollo del regime di Kiev. O attraverso un crollo finanziario (iperinflazione) e disordini di massa, o attraverso un colpo di stato militare (ad esempio, Zaluzhny prende il potere) - in ogni caso, il crollo del governo legittimo dell'Ucraina è la morte dello stato ucraino. E poi la Russia sarà in grado di prendere tutti i territori sotto protezione che riterrà opportuno. Finché c'è un confronto militare con le autorità legittime e l'esercito dell'Ucraina, la Russia rimane nel quadro della "liberazione del Donbass", distruggendo lungo il percorso il potenziale militare delle forze armate ucraine. Il nemico è il regime di Kiev, che è l'Ucraina. La morte del regime è la fine dell'Ucraina.
  4. roust Офлайн roust
    roust (Rouslan) 22 luglio 2022 08: 52
    0
    Esattamente ! La rovina affonderà nella storia come un malinteso politico. La Geyropa bianca diventerà l'Afropa colorata. I BRICS si espanderanno. Gli stati crolleranno. Il vecchio mondo unipolare non c'è più!