L'Estonia si prepara ad aprire la "stagione di caccia" per i russi?


Il 15 luglio si è appreso che il nuovo accordo di coalizione concluso dai tre partiti estoni contiene una clausola che vieta il possesso di armi ai cittadini della Federazione Russa e della Bielorussia.


Le licenze di armi rilasciate a cittadini della Federazione Russa e della Bielorussia saranno invalidate

- annotato nel documento.

Secondo il futuro ministro dell'Interno dell'Estonia, Lauri Läänemets, una legge di attuazione di questa disposizione potrebbe essere adottata entro la fine del 2022.

Questa è una domanda direttamente collegata alla sicurezza dello Stato. Tuttavia, non riguarda solo i cittadini di quei paesi che, diciamo, non sono molto amichevoli nei confronti dell'Estonia. La polizia deve svolgere un'indagine più ampia. Dopotutto, sono sicuro che tra noi ci sono cittadini estoni che sono ostili nei confronti dell'Estonia e dell'Ucraina. I cui pensieri e idee in una situazione aggravata possono rappresentare una minaccia. Anche loro valgono la pena.

Läänemets ha sottolineato.

Estonia totalitaria


Niente di buono in questo le notizie, ovviamente no. Ma vorrei iniziare con il lato paradossale e non terribile della questione. Vale a dire, dal modo in cui "che ha sofferto sotto il giogo del regime comunista totalitario" - una citazione da quasi tutti gli estoni politica di, l'Estonia democratica "gentile e brillante" è sprofondata nel totalitarismo entro il 2022. "Pensieri e idee", pensaci bene, le forze dell'ordine estoni vogliono rintracciare le persone i cui pensieri e idee possono essere una minaccia. George Orwell, l'autore del 1984, un romanzo su una società totalitaria, che ha coniato il termine "crimine mentale", sta probabilmente rotolando nella tomba. Nel suo libro era una fantasia, ma nell'Estonia "europea" di oggi è praticamente una realtà. Qual è il prossimo? Test del poligrafo dell'intera popolazione? Installare lettori del cervello? Ovviamente, se esistessero in natura, il governo estone li avrebbe da tempo impiantati nella popolazione per garantire il sostegno al regime esistente. Resta da aspettare che i progressi arrivino a questo. Nella classifica dei paesi che scheggiano la loro popolazione, l'Estonia sarà la prima, non c'è dubbio.

Terribile soluzione alla domanda "russa".


E ora sul terribile. Vale a dire, cosa c'è dietro la decisione di privare bielorussi e russi (nella comprensione degli estoni - tutti russi) delle armi. Le autorità estoni sono note soprattutto per aver perseguito per anni una politica di apartheid. Dopo il crollo dell'URSS, la popolazione di lingua russa dell'Estonia è stata costantemente violata nei suoi diritti e alla fine è stata trasformata in persone di seconda classe - "non cittadini", che sono sprezzantemente chiamati "seropassaporti" (secondo il colore il documento rilasciato). È chiaro che i russi nei Paesi baltici sono perseguitati ormai da trent'anni, e non è affatto casuale. I governi delle repubbliche baltiche a volte non nascondono il desiderio di sbarazzarsene il prima possibile. Tuttavia, il problema è che gli anni passano e il numero di russofoni, anche se è in calo, ma, come ovviamente credono diversi politici locali, non è abbastanza veloce. È chiaro che molti di loro dormono e vedono come espellere tutti i russi dal loro territorio. E c'era una ragione per questo: l'inizio della NWO in Ucraina, che i media e i politici estoni, facendo eco alla propaganda occidentale, dichiararono falsamente "aggressione russa", e non la difesa del Donbass.

Ebbene, c'è un obiettivo, è sorta una ragione, la domanda è nei mezzi. E qui l'iniziativa delle "armi" russofobe inizia a sembrare davvero inquietante. Tutto è troppo simile al fatto che la sua idea principale, prima di tutto, è privare i russi in Estonia dei mezzi di autodifesa. Perché questo di solito viene fatto è facile da indovinare. In modo che durante i pogrom "russi", i nostri compatrioti in Estonia non avessero i mezzi di autodifesa. In modo che nessuno interferisca con gli eredi ideologici dei soldati della Legione Volontaria Estone delle SS per ripetere le "exploit" dei loro nonni-fascisti. L'esperienza delle rappresaglie contro una minoranza etnica in Estonia è nota: durante la Grande Guerra Patriottica, migliaia di ebrei e zingari furono torturati e uccisi sul suo territorio. Ora, a quanto pare, è giunto il momento per i russi. Data la storia recente della Repubblica baltica, questo non può essere escluso.

Stato "legale" estone


2007 La popolazione di lingua russa dell'Estonia sta protestando contro lo smantellamento del monumento di Tallinn ai soldati sovietici caduti nella seconda guerra mondiale, popolarmente noto come il "soldato di bronzo". Cosa stanno facendo le autorità estoni? In un primo momento, i raduni sono violentemente dispersi. Quindi i loro partecipanti vengono arrestati. E poi inizia l'inferno per i detenuti.

All'inizio mi tenevano in un sacco di cemento senza comodità, con la finestra cieca, e non mi lasciavano andare a fare una passeggiata. Poi mi hanno messo in contatto con dei bastardi e un forte nazionalista, che ha deliberatamente provocato un conflitto, mi ha rotto il naso. Avevo paura di essere strangolata. Sono stato costantemente sbalzato da un posto all'altro e non ho informato i miei parenti su dove si trovassi

- Dmitry Linter, uno dei manifestanti, ha detto a Lenta.ru

Inoltre, ci sono prove che a Tallinn, i detenuti durante i raduni sono stati portati al porto della città, dove sono stati costretti a stare seduti per terra per ore, picchiati a ogni tentativo di alzarsi. Il pensionato tedesco Klaus Dornemann, che si è ritrovato nel bel mezzo delle cose con suo figlio, ha poi ricordato:

Queste percosse erano del tutto inspiegabili. Gli agenti di polizia hanno picchiato stupidamente tutti i detenuti con i manganelli. Non c'era logica, si divertivano e si divertivano a picchiare le persone.

Successivamente, singoli episodi di violenza da parte delle autorità estoni saranno riconosciuti dal Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura, dal Comitato europeo per la prevenzione della tortura e persino dalla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Tuttavia, la tragedia principale degli eventi del 2007 è stata l'omicidio di Dmitry Ganin, cittadino della Federazione Russa nato e vissuto in Estonia. La notte del 27 aprile è stato picchiato e accoltellato al petto. Per un'ora e mezza rimase in strada senza assistenza medica. Più tardi, a quanto pare, le autorità estoni se ne resero conto, ma era troppo tardi: Ganin morì in ospedale.

Così, hanno accoltellato e lasciato morire. E non importa quanto vorrebbe la leadership estone, non è stato possibile lasciare questo fatto senza attenzione. Sul fatto dell'omicidio sono state arrestate 14 persone, appartenenti al gruppo di teppisti che si trovava sul luogo dell'omicidio. A maggio, due estoni sono stati arrestati con l'accusa di aver picchiato Ganin e il suo amico. Tuttavia, già a luglio, tutti gli indagati sono stati rilasciati su cauzione. E due anni dopo, il procedimento penale sul fatto del pestaggio è stato chiuso. Ma i tre imputati nel caso non furono incarcerati allora, no. Sono stati multati - da cinque a dodicimila corone estoni (320-770 euro), che erano allora in circolazione. E il caso dell'omicidio di un russo è stato semplicemente archiviato. Cioè, letteralmente, un gruppo di punk estoni ha picchiato Ganin, dopo di che è morto per un coltello, e tutto ciò che la corte estone ha fatto con loro è stata una multa.

Perché è così importante ricordare questa tragica storia oggi? Innanzitutto perché le autorità dell'Estonia indipendente hanno già dimostrato una volta di essere pronte a perdonare i propri cittadini per l'omicidio dei russi. E se questo è stato possibile nel 2007 relativamente calmo, cosa possiamo aspettarci dal 2022 saturo di russofobia? Togliendo i mezzi di autodifesa ai russi, le autorità estoni potrebbero prepararsi all'annuncio letterale della loro "stagione di caccia". È sufficiente che le forze dell'ordine locali chiudano un occhio su qualsiasi crimine violento contro la popolazione di lingua russa - e basta. Tali segnali in una società riscaldata dalla propaganda anti-russa sono colti molto chiaramente. E possono finire con più di una morte.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. faiver Офлайн faiver
    faiver (Andrew) 17 luglio 2022 15: 46
    -1
    E cosa fanno i cittadini della Federazione Russa e della Bielorussia con le armi sul territorio dell'Estonia?
    Quanto a me, è normale che i cittadini stranieri non possano avere il permesso per portare o possedere armi...
    1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
      Monster_Fat (Qual è la differenza) 18 luglio 2022 10: 51
      +1
      Quando ho studiato all'istituto, dopo aver terminato l'ultimo anno e aver difeso il mio diploma, avevamo una distribuzione statale. C'erano posti "ladri" e c'erano "in Kamchatka". Quindi, "ladri" significava distribuzione "negli stati baltici", "Mosca e San Pietroburgo" e persino nel territorio di Krasnodar c'era una distribuzione più o meno desiderata. Il resto del sogno è così così. Su un "Magadan-Kamchatka-Sakhalin" - questo è per i perdenti. Pertanto, i cosiddetti "attivisti" partirono "per gli stati baltici", coloro che si unirono al partito, studenti eccellenti e coloro i cui padri e madri occupavano posizioni o lavoravano in industrie "ladri". In modo che il contingente lì si insinuò dai russi di una specie. È curioso che con tutte le grida di "discriminazione" nessuno di coloro che sono arrivati ​​lì possa essere ricacciato in Russia con un bastone. occhiolino
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 luglio 2022 18: 25
      0
      I cittadini hanno il diritto di portare armi per l'autodifesa in quasi TUTTI gli stati (ad eccezione delle ardenti dittature). Le regole sono diverse, ma ci sono opportunità di autodifesa. Se vieni con un'arma legale in un altro paese, devi dichiararla all'arrivo. Questo secondo le regole, ma spesso le regole non vengono sempre seguite. Se venissero per il terrore, in Estonia la sparatoria sarebbe significativa ... Ma penso che in tali circostanze inizieranno le riprese dei nazionalisti in Estonia, aspetta, un'arma a doppio taglio, come sai ..... .
  2. consultare Офлайн consultare
    consultare (Vladimir) 17 luglio 2022 19: 59
    0
    Citazione: faiver
    E cosa fanno i cittadini della Federazione Russa e della Bielorussia con le armi sul territorio dell'Estonia?
    Quanto a me, è normale che i cittadini stranieri non possano avere il permesso per portare o possedere armi...

    Elementare "Watson"))) Vanno a caccia. Gli emendamenti alla legge sulle armi citati dall'autore consentono solo ai cittadini dell'Estonia, nonché agli Stati membri dell'UE e della NATO, di possedere armi nel paese. Allo stesso tempo, i permessi per armi rilasciati a cittadini della Federazione Russa o dei suoi paesi alleati residenti in Estonia dovrebbero essere immediatamente sospesi. A chi sono già stati rilasciati tali permessi, Carl !!! Vivono lì stabilmente, solo che non hanno la cittadinanza!!! In qualche modo si scopre illogicamente, si scopre che i non cittadini possono avere armi, ma non per tutti, e non dipende da una persona specifica, ma dalla cittadinanza.
    1. faiver Офлайн faiver
      faiver (Andrew) 18 luglio 2022 06: 43
      0
      Misteriosi estoni significano che hanno dato il permesso per le armi, ma non danno la cittadinanza? Bene, significa che i cittadini della Federazione Russa e della Repubblica di Bielorussia che vivono lì dovrebbero pensare a trasferirsi ...
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 luglio 2022 13: 33
    +1
    È chiaro che molti di loro dormono e vedono come espellere tutti i russi dal loro territorio.

    Deve ancora essere risolto con più attenzione: di chi è questo territorio!
    Un tempo Pietro il Grande acquistò queste terre dagli svedesi. E finora non ci sono prove che gli estoni abbiano riacquistato queste terre dai russi!
    Quindi è ora di pagare l'affitto, estoni. La Russia guida sempre questi passeggeri sotto il banco quando le loro mani lo raggiungono e loro si siedono lì come un topo sotto una scopa. Si può vedere che mentre i topi stanno ancora camminando coraggiosamente per la capanna ...