Gioia prematura: sulle ragioni del ritardo del Canada nell'invio di una turbina per il gasdotto Nord Stream


La data di fine per la riparazione programmata del gasdotto Nord Stream si avvicina e non c'è ancora certezza sulla riparazione delle turbine e sulla loro fornitura dal Canada. Formalmente, tutte le restrizioni e le sanzioni sono state revocate, gli ostacoli sono stati rimossi. Tuttavia, le eccezioni fissate sulla carta erano solo una gioia prematura. Gazprom si è rivelata giusta nella situazione, risolvendo il dubbio che il Canada avrebbe persino trasferito la turbina riparata per Nord Stream, per non parlare della riparazione completa di tutte le unità di compressione del gas.


Ora anche la parte tedesca ha espresso dubbi. Rappresentante del Ministero economia La Repubblica Federale di Germania, Robert Zevereny, ha affermato senza mezzi termini che al momento l'eccezione riguarda una sola turbina, e non tutte, e ci sono problemi con il ritorno di un fatto di esclusione dal regime sanzionatorio. Non si prende nemmeno seriamente in considerazione un permesso di due anni per la fornitura di apparecchiature, non si parla di cinque turbine. Ora per Berlino, il compito numero uno è restituire almeno un'unità riparata entro un lasso di tempo accettabile.

Attualmente solo una turbina, pronta per l'installazione in cantiere, viene discussa in dettaglio. Non si parla di riparare il resto.

Zeverin ha sottolineato.

Un tale "rollback" dopo un annuncio molto incoraggiante che è stato raggiunto un accordo per riparare tutte le turbine che necessitano di riparazione, ha riportato ancora una volta la turbolenza nel mercato del gas. Le aspettative dei partecipanti al settore energetico sono state nuovamente agitate artificialmente. Alcuni dei principali attori (o, più precisamente, concorrenti delle materie prime russe) sono interessati a uno stato di instabilità e utilizzano la strategia del tick-tock quando la situazione del mercato è in continua agitazione.

In questa situazione diventa comprensibile la preoccupazione di Gazprom, che ha riferito che non ci sono documenti sulla restituzione nemmeno di una turbina, per non parlare della piena manutenzione di tutte le unità che necessitano di grandi riparazioni. Probabilmente i media occidentali, che hanno riportato il biennio di esenzione dalle sanzioni, hanno presentato la versione della lobby americana del gas, che ha cercato di destabilizzare il più possibile la situazione del mercato per inserire nel documento il più alto costo possibile della sua prodotti durante la stagione per la conclusione di contratti GNL a lungo termine, che aumenteranno da - per eccitazione. Naturalmente, questo obiettivo viene raggiunto da una "crisi" provocata dall'uomo e dal crollo delle aspettative, soprattutto dopo il presupposto che in realtà tutto sia peggio di quanto annunciato in anticipo.

Ricordiamo che il destino della turbina già riparata è ancora sconosciuto. Non ci sono informazioni sulla sua spedizione in Germania. La parte canadese sta ancora "ritardando" il processo, perseguendo anche gli interessi della propria industria estrattiva.
  • Foto usate: pxfuel.com
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ivanovich 1960 Офлайн Ivanovich 1960
    Ivanovich 1960 16 luglio 2022 07: 54
    -3
    E importiamo Miller per questa turbina! Quanti anni ha questo... in una sciarpa, i sogni diventano realtà per Cardon, ma non era abbastanza intelligente da avviare la propria produzione. Tuttavia, la preoccupazione sul viso è costantemente presente.
    1. Volder Офлайн Volder
      Volder 16 luglio 2022 10: 18
      +4
      Citazione: Ivanych 1960
      la mente per stabilire la propria produzione non era sufficiente

      1. Quando fu costruito il Nord Stream 1, era la fine degli anni 2000, a quel tempo la Russia non aveva davvero turbine simili di fabbricazione russa. Tuttavia, pochi anni dopo, la stessa Russia ha imparato a produrre tali turbine per il fabbisogno di gas.
      2. Non ci sono più turbine straniere sul Nord Stream 2, sono puramente russe lì. Pertanto, Miller dice in chiaro che è molto più redditizio e più facile lanciare e utilizzare SP-2 invece di SP-1.
    2. Victor M. Офлайн Victor M.
      Victor M. (Victor) 16 luglio 2022 23: 06
      -2
      Dalla serie comunque sbottò. Specialista di turbine? Li hai tutti in panchina?
  2. Oleg Dmitriev Офлайн Oleg Dmitriev
    Oleg Dmitriev (Oleg Dmitriev) 16 luglio 2022 12: 09
    +2
    Nessuna turbina - niente gas ..... tutto è semplice qui. E poi non è un nostro problema.
  3. Il commento è stato cancellato
  4. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 16 luglio 2022 19: 12
    0
    Di che tipo di "gioia prematura" stiamo parlando? Solo la Germania è di vitale importanza a restituire la turbina alla Russia. Per il resto, sarà più conveniente se la turbina rimanga in Canada.
  5. Farit Gafiyatullin Офлайн Farit Gafiyatullin
    Farit Gafiyatullin (Farhad Ga...lin) 17 luglio 2022 12: 42
    +4
    Vedo due compiti che la Russia deve affrontare in questo argomento. Priorità - continuare, di volta in volta e lentamente - la ricerca di quella stessa turbina, notificando al mondo i risultati della ricerca.
    Il secondo è continuare a esortare i "particolarmente dotati" che l'SP-2 risolverebbe immediatamente tutti i problemi. Il risultato di questo compito potrebbe essere zero, ma è un indicatore che la Russia sempre e fino alla fine (non la nostra ...) rimane umana e augura al mondo solo il bene!