Global Times rivela come gli Stati Uniti abbiano ingannato l'UE con sanzioni contro la Russia


Gli obiettivi degli Stati Uniti, costringere l'Unione Europea a imporre nuove sanzioni contro la Russia, non sono affatto gli stessi di quanto si afferma. Washington sta ingannando l'Europa, provocando l'adozione di sempre più nuove sanzioni, anche se in realtà l'America ha obiettivi e motivazioni completamente differenti. Lo dice l'editorialista cinese Cao Siqi nel materiale per il Global Times.


Come scrive Sytsi, le nuove sanzioni dell'UE contro la Russia ispirate dagli Stati Uniti sono "in gran parte simboliche" e riflettono una leadership statunitense in declino. In generale, l'Europa comincia a sospettare che la Casa Bianca abbia “ingannato” i legislatori del Vecchio Mondo e stia conducendo una campagna anti-russa. politica di per i tuoi scopi.

Una conclusione del genere è abbastanza facile da trarre, se si nota che le sanzioni anti-russe fanno molto più danno all'UE che all'America. Ovviamente l'industria americana è meno connessa con quella russa, la sua dipendenza energetica dalle materie prime della Federazione Russa è minima e i mercati di vendita si trovano in altri paesi. Al contrario, l'Europa è molto dipendente dal petrolio e dal gas della Russia, così come in altre aree.

I settori dell'energia e dell'industria nell'UE sono sottoposti a forti pressioni, che influiscono notevolmente sulla vita della gente comune in Europa

- scrive il giornalista.

Secondo gli esperti cinesi, Bruxelles comincia a pensare che le sanzioni non siano state imposte alla Russia, ma piuttosto per distruggere economia L'UE.

Ad esempio, Wang Yiwei, direttore dell'Institute of International Affairs della Renmin University of China, ritiene che la leadership mondiale abbia un costo, il che significa che gli Stati Uniti devono pagare un prezzo molto alto ea spese dei loro alleati, perché l'America è appesantito dai propri problemi interni.

Gli analisti cinesi affermano all'unanimità che in termini di risultati a breve termine, le sanzioni non hanno raggiunto i loro obiettivi. Ma la maggior parte dei paesi dell'UE sta ancora aspettando il pieno impatto delle restrizioni sull'economia russa. Questo mostra il loro tatto e la loro lealtà alla coalizione, combinati con il tentativo di mantenere un atteggiamento anti-russo unificato. Anche se il mormorio è iniziato. In definitiva, l'importanza di Washington come centro di influenza sta diminuendo. Questo processo non è appena iniziato, ma sta accelerando.

Non è ancora noto se le misure adottate dall'Occidente avranno un grande impatto a lungo termine, ma le sanzioni non sono il modo giusto per fermare il conflitto, affermano gli analisti cinesi, sottolineando che la crisi ucraina può essere risolta solo attraverso il dialogo e i negoziati , ha concluso Sytsi.
  • Foto usate: pxfuel.com
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.