La recessione economica in Cina rappresenta un pericolo per la Russia


Cinese politica La "tolleranza zero" al covid, unita al blocco di grandi aree metropolitane, ha portato a conseguenze negative per economia La Cina è sull'orlo della recessione. La crescita del PIL è rallentata, gli indicatori per la Cina sono deprimenti. Ora anche modeste aspettative sullo sviluppo economico sono definite dagli esperti "irrealizzabili". Una politica così dura della leadership dello stato ha portato negli ultimi mesi al fatto che la vita lavorativa è stata periodicamente gravemente limitata o addirittura completamente paralizzata in varie regioni densamente popolate della Cina.


Mentre la Cina risolve i suoi problemi, l'economia russa potrebbe risentire di una diminuzione del suo potenziale. Il pericolo per la Federazione Russa risiede nel fatto che una recessione su larga scala minaccia di ridurre i prezzi regionali di petrolio, gas e carbone. Questo è un male per Mosca, che ora ha tutte le speranze di esportare in Cina.

Con l'aumento del timore di una recessione imminente negli Stati Uniti e nell'UE, una terza grande potenza dell'economia mondiale era sull'orlo di una recessione economica: la Cina. L'ufficio statistico cinese ha dichiarato il 15 luglio che la crescita del PIL cinese si è quasi bloccata nel secondo trimestre del 2, ad appena lo 2022% anno su anno. Secondo i risultati del 0,4° trimestre, tale indicatore si attestava ancora al livello del 1%.

Le previsioni per la Russia sono deludenti. Il suo principale cliente e consumatore di molte commodities, oltre che di metalli, nel 3° trimestre e nei prossimi mesi potrebbe ripetere lockdown come quello di Shanghai, che peggioreranno notevolmente l'indice di attività commerciale e la domanda di prodotti importati dalla Federazione Russa .

In questo caso, per la Russia sarà un doppio colpo. Si registra già un calo di quasi il 10% della produzione di gas. Una diminuzione della domanda (consumo) costringerà i produttori a ridurre ulteriormente la produzione e ciò, a sua volta, influenzerà l'andamento generale dell'economia russa. Insieme alla riduzione globale del costo delle materie prime, ciò comporterà un rallentamento nella crescita del già modesto PIL della Federazione Russa.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 16 luglio 2022 10: 08
    +3
    Ci saranno conseguenze negative del tutto naturali per la Federazione Russa: il Paese è una materia prima appendice dei Paesi industrializzati. Il pericolo per la Federazione Russa non è in particolare: la recessione nella Rifondazione, ma la rivendicazione del polo mondiale del potere nell'economia “morta”.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 16 luglio 2022 10: 20
    +1
    Sì, il calo della domanda oltre la collina è pericoloso per i paesi neocoloniali.
    E la Cina, con la sua numerosa popolazione, sa cosa sta facendo, a quanto pare.
  3. opportunista Офлайн opportunista
    opportunista (fioco) 16 luglio 2022 11: 03
    0
    tutte le economie del mondo saranno in recessione nei prossimi due anni
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 16 luglio 2022 11: 14
    +2
    1. Non ci sono obiettivi di crescita economica nel 14° Piano quinquennale
    L'accento è posto sul programma a doppia circolazione, ovvero sullo sviluppo del mercato interno e delle relazioni esterne, e il mercato interno è il più grande del mondo e, inoltre, solvibile a seguito dell'attuazione di un altro programma: ridurre la povertà e costruire una società moderatamente prospera, a seguito della quale il reddito per anima cinese ammontava a circa 5mila dollari, una buona posizione di partenza nei nuovi cinque anni.
    Il piano prevede un ulteriore aumento del tenore di vita, la trasformazione della RPC in una potenza tecnologica mondiale, garantendo la sicurezza alimentare e altri compiti strategici.

    2. La RPC è strettamente integrata nel sistema economico mondiale, il che porta all'interdipendenza della RPC dalla situazione mondiale e dell'economia mondiale nel suo insieme dai successi o fallimenti economici della RPC.
    Il principale freno allo sviluppo dell'economia mondiale, secondo la RPC, è la politica del blocco statunitense, che porta alla divisione del mondo in “nostri” e “nemici”, scontro politico economico e militare.
    Abbandonare la mentalità della Guerra Fredda fornirebbe un potente impulso allo sviluppo economico, ma per gli Stati Uniti significherebbe perdere il dominio del mondo, cosa che non accadrà mai.

    3. La bassa popolazione della Federazione Russa e la sua capacità di pagare non forniscono domanda e produzione industriale. Pertanto, la principale fonte di reddito oggi e in futuro rimane il mercato estero, e quindi la dipendenza esterna di una grande potenza mondiale dalla stessa Cina, USA, UE, i loro sindacati e associazioni.
  5. liao Офлайн liao
    liao (San Leone) 17 luglio 2022 16: 18
    0
    Quasi ogni giorno per vent'anni ho assistito a un'analisi del crollo dell'economia cinese nell'anno in cui si è verificato.