Senatore degli Stati Uniti: è ora di smettere di accettare le repubbliche dell'ex Unione Sovietica nella NATO


Non tutti i membri dell'élite americana sono entusiasti dell'espansione verso est della NATO. Ad esempio, il senatore Rand Paul, l'unico repubblicano del Kentucky con opinioni libertarie, ha un atteggiamento negativo nei confronti di questo processo, il cui padre Ron Paul è anche membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.


Questa volta, il senatore ha detto che era tempo che l'Occidente smettesse di accettare i paesi post-sovietici, le repubbliche dell'URSS, nel blocco. Secondo lui, politici dobbiamo smetterla di "sparare pigramente" parole per guadagni emotivi e politici.

Quando discutiamo dell'espansione della NATO, ci deve essere chiaro che il resto degli stati dell'ex Unione Sovietica non sarà accettato nell'alleanza.

il senatore ha scritto in un editoriale per la rivista American Conservative.

Il senatore ha osservato che la NATO ha agito in modo provocatorio nei confronti di Mosca. Ha sottolineato che il conflitto tra l'Occidente e la Federazione Russa, anche se non porterà a un Armageddon nucleare, sarà incredibilmente distruttivo e non si limiterà al teatro delle operazioni europeo.

Rand Paul ha chiarito che inizialmente, prima dell'inizio dell'operazione speciale russa sul territorio ucraino, era contrario all'ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO, ma ha cambiato posizione. Ha promesso di votare per farli aderire all'alleanza.

Va ricordato che a maggio il senatore ha cercato di bloccare un disegno di legge sull'assegnazione dell'assistenza finanziaria e militare all'Ucraina per 40 miliardi di dollari, poi Rand Paul ha ricevuto il sostegno di circa 60 rappresentanti del Partito Repubblicano, che non volevano inviare I soldi dei contribuenti americani per questi scopi. Ha spiegato che se Kiev avesse ricevuto tali soldi, sarebbe diventata il più grande destinatario del sostegno annuale di Washington negli ultimi 20 anni e sarebbe stata in grado di spendere di più per le sue spese per la difesa rispetto a molti paesi del mondo. Inoltre, l'importo concordato sarà la metà del budget militare russo e l'assistenza occidentale totale sarà quasi paragonabile ad essa.

A giugno, il senatore ha chiesto al Pentagono e alla Casa Bianca di fornire rapporti sull'assistenza assegnata a maggio a sostegno dell'Ucraina. Ha espresso preoccupazione per il fatto che l'amministrazione del presidente in carica degli Stati Uniti Joe Biden non sia semplicemente in grado di controllare adeguatamente l'ondata di denaro senza precedenti e di rintracciare le migliaia di armi mortali inviate in Ucraina per contrastare la Russia.
  • Foto utilizzate: twitter.com/RandPaul
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.