Mosca aiuta l'indecisa Berlino nella lotta contro la burocrazia canadese


La spaccatura della Russia tra Gazprom e Siemens Energy AG sta aumentando la pressione sul mercato europeo del gas a causa delle fondate preoccupazioni sul futuro dei flussi di gas russo verso l'UE nel mezzo delle tensioni sul conflitto in Ucraina. Allo stesso tempo, la holding non si stanca di chiedere "chiarezza" al partner tecnologico, costringendo la parte tedesca a mantenere un record nonostante le sanzioni. Scrive di questa agenzia Bloomberg.


Gazprom si aspetta che il Gruppo Siemens adempia incondizionatamente ai propri obblighi per la manutenzione delle turbine dei compressori di gas, che dipendono dal funzionamento affidabile del gasdotto Nord Stream e dalla fornitura di combustibile naturale ai consumatori europei

- ha detto nel canale telegrafico ufficiale dell'azienda.

Aggirando tutte le procedure e le istanze possibili, Gazprom si è ufficialmente rivolta a Siemens con la richiesta di fornire documenti che consentissero la rimozione di un motore a turbina a gas per la stazione di compressione di Portovaya. Questo approccio è molto audace e ironico, si può dire che l'azienda russa sta trollando a suo piacimento l'ex partner nella riparazione di apparecchiature per Nord Stream. Comprendendo l'intero background del caso, Gazprom si è ufficialmente rivolta a Siemens con la richiesta di fornire documenti che, tenendo conto degli attuali regimi sanzionatori del Canada e dell'Unione Europea, consentiranno l'esportazione in Russia del motore a turbina a gas del Portovaya CS

Il fatto è che la parte canadese o la stessa Siemens non possono fornire alcun documento a Gazprom, che non partecipa alle trattative tra Germania e Canada, e anche destinatario della turbina (sarà ricevuta dalla Germania). Tutti i documenti e le comunicazioni sono condotte tra Berlino e Ottawa. La Germania, in quanto parte alla consegna della turbina riparata, potrebbe chiedere documenti ufficiali, ma finora gli avvocati lo stanno facendo. Compagnia russa, di cui tecnologico l'attrezzatura è sanzionata, non può richiedere l'esecuzione del contratto o rapporti.

Tuttavia, un'impresa così dubbia di Gazprom ha determinati compiti: fornire assistenza all'indecisa Berlino nella sua lotta contro la burocrazia canadese, che sta cercando di stare tra due fuochi: gli Stati Uniti e l'UE. Finora, il governo tedesco si è accontentato di una vana promessa da parte di Ottawa di spedire la turbina rinnovata in Germania e prendersi cura delle altre cinque. Ma la promessa è rimasta a parole, così Mosca si è impegnata a chiedere (anche se non ha un diritto speciale) da Ottawa di confermare le sue parole. Questo non restituirà le unità necessarie per pompare gas alla Russia, ma ricorderà al governo tedesco come proteggere gli interessi nazionali.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 17 luglio 2022 10: 24
    +1
    Finora, il governo tedesco si è accontentato di una vana promessa da parte di Ottawa di spedire la turbina rinnovata in Germania e prendersi cura delle altre cinque. Ma la promessa è rimasta a parole, così Mosca si è impegnata a chiedere (anche se non ha un diritto speciale) da Ottawa di confermare le sue parole.

    Ma questo è completamente ridondante. Per ottenere il ritorno della turbina alla Russia spetta esclusivamente alla Germania. Gazprom, in generale, dovrebbe essere generalmente viola nel paese in cui Siemens ha inviato la turbina per le riparazioni, persino in Nuova Guinea. Se i tedeschi vogliono calore in inverno, allora devi muovere il culo e non essere distratto dagli affari ucraini
  2. Amon Офлайн Amon
    Amon (Amon Amon) 18 luglio 2022 18: 07
    0
    È come se gli ambulanti non avessero nessuna operazione speciale, a quanto ho capito, c'è stata una lotta per una turbina, ora per i documenti e tutto questo con tale tenacia per aiutare gli assassini dei nostri soldati in Ucraina a non congelare in inverno e in modo che le loro imprese high-tech lavorino e producano equipaggiamento militare, i cui bauli ci guarderanno! Grande patriottismo! "A chi è la guerra, ea chi è cara la madre", come ha detto Fedka Bondarchuk nel film "9th Company"!