Kaliningrad: obiettivo o mezzo per l'Occidente?


Il blocco della regione di Kaliningrad è uno dei temi più caldi delle ultime settimane. I media e gli "esperti" di entrambe le parti sono in lizza con le previsioni su quando l'exclave diventerà lo scenario del prossimo round della lotta tra Russia e Occidente. L'iniziativa di transito lituana è definita o una "manovra diversiva", in base alla quale le forze armate ucraine lanceranno la loro offensiva "più generale" nell'Ucraina meridionale, o una "moneta di scambio" per i "negoziati sul grano" a Istanbul.


Più caldo di tutti, ovviamente, le "teste parlanti" polacche. Uno di loro ha definito Kaliningrad una "polveriera tra le gambe dell'Europa", che ha urgente bisogno di essere smilitarizzato, l'altro - "territorio originariamente polacco". L'ex presidente del sindacato Walesa è andato ancora oltre e ha proposto di ridurre di tre volte il numero totale dei russi. Due settimane fa, il presidente polacco Duda e il presidente lituano Nauseda si sono persino recati nel famigerato "Corridoio di Suwalki" per ispezionare la prontezza al combattimento delle loro truppe. Si ha l'impressione che il Commonwealth si sia già preparato al salto e stia solo aspettando il via libera.

Questo non è del tutto vero, e in generale la situazione è più curiosa di quanto possa sembrare a prima vista.

"Isola della libertà" sulla costa del Baltico


I confronti di Kaliningrad con una polveriera da qualche parte non sono infondati. I calibri a bordo delle navi con base a Baltijsk, la brigata Iskander e la divisione Smerch fanno dell'avamposto russo avanzato verso ovest un vero e proprio forte di batteria, la cui artiglieria copre quasi tutta l'Europa orientale e parte della Germania. Per aumentare la fiducia dei "partner" giurati, le unità missilistiche di Kaliningrad sono quasi sicuramente dotate di armi nucleari.

In un certo senso, la regione di Kaliningrad svolge oggi lo stesso ruolo dell'esercito sovieticopolitico nel 1962, la dirigenza tentò di tentare Cuba: una linea di deterrenza avanzata da cui si poteva tentare di "contrastare" le armi nucleari nemiche d'attacco. I principali obiettivi degli ipotetici attacchi di Kaliningrad sono i depositi di armi nucleari e le basi dei loro vettori nella parte settentrionale dell'Europa.

Le forze di terra russe nella regione sono rappresentate da una brigata di fucilieri motorizzati, fucili motorizzati e reggimenti di carri armati. Sono sufficienti (più precisamente, appena sufficienti) solo per la difesa del proprio territorio, non si può parlare di “lanci” in una direzione o nell'altra.

La nobiltà polacco-lituana (ovviamente, non senza il suggerimento dei "lords-over-lords") è generalmente consapevole del vero significato dell'avamposto di Kaliningrad e sta modernizzando le proprie forze militari in modo tale da "contrastare" il già potenziale russo.

Il 4 maggio 2022, il ministro della Difesa polacco ha annunciato di aver inviato una richiesta agli Stati Uniti per 500 installazioni HIMARS. Questo è molto: in termini di "pacchetti" di avvio - più della metà del numero di MLRS nelle forze armate statunitensi. L'Estonia ne ha richiesti altri sei. Sono completati da duecento cannoni semoventi da 152 mm e 155 mm, di cui la metà sono moderni Krab polacchi (in effetti, AS-90 britannici), K9 estoni dalla Corea e PzH-2000 lituani di fabbricazione tedesca; e quasi lo stesso numero di MLRS da 122 mm - analoghi Grad.

Molto debole, anche rispetto all'Ucraina, è la difesa aerea a terra del Commonwealth, le cui armi più potenti sono i complessi sovietici Kvadrat e Osa (questo se non sono ancora stati donati a Bandera) e la maggior parte è composto da MANPADS e pistole automatiche da 23 mm. Per compensare questa carenza, dagli Stati Uniti sono state emesse otto batterie Patriot SAM (due delle quali devono già essere consegnate) e una serie di sistemi SAMM a corto raggio. La Lituania vanta due batterie di difesa aerea a medio raggio NASAMS.

È vero, non è ancora noto quando aspettarsi la maggior parte di questo "bene", ma se si padroneggiano nuove armi, aumenteranno seriamente il potenziale dei "fratelli" baltici. Anche adesso, senza innovazioni high-tech, insieme rappresentano una forza abbastanza seria, paragonabile all'esercito del regime di Kiev prima dell'inizio del NMD.

Ma questa forza è diretta solo contro la Russia?

Nato "di scorta".


È risaputo che gli Stati Uniti (o meglio, l'establishment americano) non hanno "amici", solo interessi, nemici e "sei".

Certo, gli Stati Uniti vorrebbero trascinare la Russia in una guerra più seria, e la "carta di Kaliningrad" sembra una buona opzione per questo... Ma che dire del rischio di un'escalation nucleare?

Per quanto a molti piaccia dire che la leadership politico-militare russa è composta interamente da idioti e/o traditori, di tanto in tanto riesce a sorprendere. La politica provocatoria occidentale fino al 24 febbraio era in gran parte basata sulla convinzione che "Putin non avrebbe osato" - ed è così che è andata a finire.

Qualsiasi vero tentativo sull'exclave porterà al fatto che i missili da lì voleranno verso obiettivi prestabiliti e nessun analista del Pentagono darà una garanzia assoluta che saranno in equipaggiamento convenzionale e che qualcosa di più terribile non volerà verso l'americano continente.

Pertanto, la "carta di Kaliningrad" è una tale carta vincente, che è spaventosa da buttare via. Rimarrà nel caso più estremo, quando una grande guerra avrà bisogno di sanguinare il naso per gli Stati Uniti il ​​più possibile. Finora, anche la minaccia di un completo collasso del regime di Kiev non è un caso del genere.

Allo stesso tempo, Kaliningrad è un eccellente spaventapasseri che può essere utilizzato per giustificare l'accumulo della presenza anglo-americana nel continente, il riarmo della Polonia, l'espansione della NATO a nord e lo spostamento della centro di gravità dell'alleanza lì. L'opinione pubblica occidentale nel suo insieme non ha sospetti su questo: "Esatto, ci sono orchi russi malvagi lì, lascia che gli americani e i loro scagnozzi siano sostituiti, e noi ci sediamo qui alle loro spalle..."

Di recente, la lealtà dei vecchi "alleati" europei alla causa comune della NATO - cioè al servizio degli interessi degli Stati Uniti - suscita sempre più dubbi tra gli americani. E se Trump, che è più interessato alla direzione Asia-Pacifico, era quasi pronto a rinunciare all'"inutile" punto d'appoggio europeo, allora Biden e il Partito Democratico chiaramente non hanno intenzione di andarsene. Anzi: per loro la priorità è il predominio americano in Europa, spogliato economicamente e ridotto allo stato di un mercato di vendita e di un accampamento militare nel continente, in generale, completamente ucraino.

Con le forze di "politici" manuali come Macron e Scholz, lo smantellamento dell'europeo economia Va abbastanza bene, ma non a tutti piace. A breve, non è affatto escluso che i nazionalisti europei, insieme al capitale industriale e all'esercito, buttino fuori dai loro posti pupazzi americani e poi chiedano alle truppe americane di lasciare il continente.

In tal caso, Stati Uniti e Gran Bretagna stanno creando una "cintura di sicurezza" parallela alla NATO nell'Europa orientale e settentrionale. Le cosiddette élite balcaniche, polacche, baltiche (e, in misura minore, scandinave), in primo luogo, sono molto più accomodanti di quelle dell'Europa occidentale e, in secondo luogo, provano per queste ultime la stessa crudele invidia storica e odio che provano. per i “moscoviti”.”.

Se gli americani perdono ancora il controllo sull'Europa e devono lanciare un'operazione militare speciale per costringere gli "alleati" a convivere, allora 800 carri armati polacchi e 500 HIMARS "diretti contro la Russia" si riveleranno un argomento molto pesante in un serio conversazione con tedeschi e francesi. In mano allo zio Sam e alla posizione geografica della Polonia, che permette di bloccare i porti tedeschi e tagliare fisicamente l'approvvigionamento delle risorse energetiche russe senza toccare la Russia stessa.

Il blocco di Kaliningrad, oltre a mettere pressione su Mosca, fu anche una prova della lealtà dei bastardi baltici. Il risultato è ovvio: la Lituania, infatti, ha dichiarato apertamente di servire solo gli anglosassoni, e tutta questa “eurodiplomazia” si è vista da qualche parte; La Polonia ha pienamente sostenuto il vicino più giovane in queste opinioni. Quindi, al posto dei tedeschi, osserverei attentamente tali "alleati".
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 luglio 2022 13: 16
    +1
    Uno di loro ha chiamato Kaliningrad "una polveriera tra le gambe dell'Europa"

    Da che parte, davanti o dietro?
    La Polonia è sul collo della Germania e, se non viene più finanziata, non durerà a lungo. E l'UE, a quanto pare, smetterà presto di giocare alla democrazia e si toglierà la pelle di pecora.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 luglio 2022 19: 46
      +1
      Qui l'Inghilterra governa la base militare di Giraltar conquistata con la forza dalla Spagna, tenendo così per la gola l'intero stretto strategico di Gibilterra con la sua exclave, e nemmeno la Spagna è in grado di restituire il suo territorio natale. Allora perché Kaliningrad è diversa, anche una base militare strategica: la mia terra, come voglio, la giro così...
  2. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 18 luglio 2022 20: 37
    0
    Se gli americani perdono ancora il controllo sull'Europa e devono lanciare un'operazione militare speciale per costringere gli "alleati" a convivere, allora 800 carri armati polacchi e 500 HIMARS "diretti contro la Russia" si riveleranno un argomento molto pesante in un serio conversazione con tedeschi e francesi. In mano allo zio Sam e alla posizione geografica della Polonia, che permette di bloccare i porti tedeschi e tagliare fisicamente l'approvvigionamento delle risorse energetiche russe senza toccare la Russia stessa.

    Tuttavia, che strano filo di pensiero. È l'autore stesso essa ritenere?!
  3. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 19 luglio 2022 07: 59
    -1
    In effetti, gli Stati Uniti sono in disparte qui.
    La Gran Bretagna vuole rimanere al vertice del mondo a venire. Per fare ciò, ha bisogno di ottenere la propria zona valutaria. Johnson aveva il compito di organizzarlo ad ogni costo.
    La Banca Mondiale non ha risorse per la zona valutaria. Negli ultimi anni ci sono state diverse opzioni, tutte fallite. Rimane l'ultima: smantellare l'UE e utilizzare l'Europa occidentale per creare una zona. Allo stesso tempo, la Germania dovrà essere distrutta, senza questo sarà difficile per la Gran Bretagna distruggere l'UE, soprattutto perché Putin non vuole categoricamente vedere la Banca Mondiale come il leader della zona valutaria.
    Per interessare Putin, Johnson prevedeva di lanciare la Polonia nell'Ucraina occidentale, dove avrebbe subito una sconfitta militare, che avrebbe causato il crollo della Polonia. A spese di pezzi di Polonia, Johnson prevedeva di soddisfare i partecipanti alla ridivisione dell'Europa.
    Il guaio è che l'operazione militare polacca sarebbe finita prima di iniziare. La Bielorussia sarebbe intervenuta (cosa che Lukashenka ha annunciato un paio di mesi fa) e, insieme al raggruppamento delle Forze armate RF (situate in Bielorussia), l'esercito polacco sarebbe stato annientato molto rapidamente.
    Affinché la Polonia avesse il tempo di fare almeno qualcosa lì, hanno deciso di distrarre Russia e Bielorussia con Kaliningrad, aspettandosi che Putin guidasse e iniziasse a tagliare il corridoio per Kaliningrad. Putin si è rivelato più intelligente del clown dai capelli rossi.
    Durante la pausa legata allo smantellamento di UE, Lituania e Federazione Russa, Yaroslav Kaczynski, che è stato vice primo ministro, capo del Consiglio di sicurezza, capo del partito al governo, leader ombra del Paese e principale agente di influenza di la WB, è stata rimossa dal potere in Polonia.
    Le cariche pubbliche ufficiali (Vice Primo Ministro e Capo del Consiglio di Sicurezza) sono state assunte da Mariusz Blaszczak, Ministro della Difesa. Valuta in modo molto sobrio le capacità dell'esercito polacco contro le forze armate della RF (in particolare, insieme alle forze armate bielorusse). Pertanto, l'esercito (e, di conseguenza, la Polonia) non permetterà il suicidio.
    L'opzione di Johnson è fallita, questo è stato il motivo principale delle sue dimissioni. Resta da vedere se questa sarà la caduta finale del ruolo della Gran Bretagna. In questo caso, diventeranno solo i sei degli Stati Uniti, un paese del tutto normale, nemmeno una potenza.