Negli Stati Uniti ha spiegato come le merci russe eludano le sanzioni


I frutti di mare russi, aggirando tutti i divieti, potrebbero ancora finire sul mercato americano, scrive il sito web della Commissione per le risorse naturali della Camera degli Stati Uniti.


Il governo degli Stati Uniti a marzo ha vietato l'importazione di pesce e frutti di mare russi, nonché altri beni di consumo, come parte di un altro giro di sanzioni. Tuttavia, molte tonnellate di pesce russo sono finite negli Stati Uniti.

Questo perché, secondo gli esperti del settore ittico, ci sono complesse filiere che attraversano la Cina, che spesso mascherano l'origine russa dei frutti di mare, e gli Stati Uniti non hanno gli strumenti per rintracciarne l'origine.

Quando apri una scatola di salmone, non sai se proviene dalla Russia o dagli Stati Uniti perché non monitoriamo questi frutti di mare. I consumatori americani non supportano l'ingresso del pesce russo che ha cambiato nome nei nostri mercati. Ma, sfortunatamente, non lo sanno, perché tutto è camuffato da prodotto cinese.

- ha affermato l'esperta ambientale Sally Yozell.

Ad esempio, secondo un rapporto della Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti del 2021, il 27% del pesce catturato dalle navi russe nelle acque russe è stato inviato in Cina per essere lavorato prima di essere esportato negli Stati Uniti. Tra i prodotti ittici, c'era il pollock trasformato in filetti o bastoncini di pesce, o il salmone in scatola nelle fabbriche cinesi.
Queste merci sono classificate come importazioni dalla Cina, non dalla Federazione Russa. I granchi congelati sono spesso etichettati come granchi dell'Alaska, anche se vengono catturati in Russia.

L'anno scorso gli Stati Uniti hanno importato dalla Russia frutti di mare per un valore di 1,2 miliardi di dollari, un record e quasi tre volte il livello del 2016, secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, con i granchi che costituiscono la maggior parte delle importazioni totali. È probabile che l'importo sia molto più alto se si includessero anche i frutti di mare russi trasformati in Cina, ha affermato la Yozell.

Le principali zone di pesca del pollock sono il Mare di Bering tra l'Alaska e l'Estremo Oriente, che fa della Russia e degli Stati Uniti i principali stati produttori. Secondo la Pollock Producers Association, "circa il 40% del pollock venduto ai consumatori negli Stati Uniti viene catturato nelle acque russe da navi russe". Quasi tutti questi pesci vengono sfilettati e congelati nelle fabbriche cinesi prima di raggiungere gli Stati Uniti, secondo l'associazione. Questo passaggio della catena di approvvigionamento fornisce loro le etichette "Made in China".

Chuck Hosmer, Key Executive presso Romanzof Fishing Co. LLC, un operatore di pescherecci con sede a Seattle, ha affermato che le barche statunitensi e russe pescano granchi e glaucomi nel Mare di Bering così vicino che a volte possono letteralmente vedersi.

Speriamo davvero che questo riduca la quantità di pesce con cui dobbiamo competere a livello nazionale. I prodotti russi minano la nostra posizione perché il loro costo di produzione è molto più basso

ha detto sulle sanzioni.

Gruppi ambientalisti e alcuni legislatori statunitensi affermano che un modo per rendere più efficace il divieto di importazione è espandere il sistema di monitoraggio delle importazioni di prodotti ittici esistente, afferma la pubblicazione.
  • Foto utilizzate: Servizio nazionale della pesca marittima
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 18 luglio 2022 20: 55
    0
    Questo è stato scritto anche circa 3, 10 e 20 anni fa. Ma... il mercato ha deciso.
    Gli americani pagano in dollari, quindi sia il pollock che i granchi vanno lì, ma non nei negozi russi.
    Quanti media non hanno descritto i problemi della pesca, e i prezzi sono in aumento e in aumento...

    Ma la Cina sta bene.